14N Svezia - Stoccolma: iniziativa all'Ikea in solidarietà a lavoratori di Piacenza

14N in Svezia - Iniziativa all'Ikea di Stoccolma

16 / 11 / 2012

Il 14 novembre è stato un giorno storico in cui il primo sciopero generale europeo contro la crisi politica è stata attuata. In Grecia, Cipro, Malta, Italia, Portogallo e Spagna i lavoratori si sono uniti al sciopero generale e le proteste in tutta Europa è stata generalizzata con proteste studentesche, blocchi stradali, sciopero d'aquista e manifestazioni sindacali.

In Svezia  il movimento sindacale socialdemocratico ha scelto di tenere un seminario, e inviare una lettera di protesta al governo spagnolo. Inoltre LO (l'unione nazionale dei sindacati) ha approvato il patto per il lavoro, che significa tagli salariali per i giovani. Il partito di sinistra ha tenuto una manifestazione di solidarietà per lo sciopero generale fuori della Sverigehuset (Casa Svezia: oggi funziona come un centro d'informazione turistico).

La nostra partecipazione al #14N e stata quella di portare i conflitti di tutto il mondo sul posto di lavoro di IKEA al loro più grande negozio nel Skärholmen, sobborgo di Stoccolma. Abbiamo realizzato una manifestazione - #occupyIKEA - all'interno di IKEA, una dimostrazione attraverso l'intero negozio.

Vogliamo sottolineare la nostra solidarietà con i lavoratori in sciopero nella città italiana di Piacenza, dove IKEA ha il suo magazzino centrale. Nel magazzino, c'è stata una linea puramente anti-sindacale e più volte la polizia e stata chiamata contro i blocchi sindacali. Il 7 novembre, IKEA ha comunicato che chiuderanno parti del magazzino e licenziano 107 addetti, dando la colpa per questa decisione alle proteste dei lavoratori. IKEA cerca di promuovere se stessa come una società socialmente consapevole che rispetta le organizzazioni sindacali - ma esempi come questo provano il contrario.

Vogliamo anche sottolineare la nostra solidarietà con i residenti del sobborgo di Stoccolma Hagsätra, in cui 3000 appartamenti pubblici sono stati venduti alla Ikano Bostad - di proprietà di IKEA - senza riguardo ai desideri dei residenti. la proprietà comune e stata venduta in vendita al profitto privato. Ora le abitazioni pospone essere ristrutturate, e dotate di cucine IKEA e gli affitti saranno aumentate a un livello shoccante. Ikano ha a sua volta preso in prestito il denaro per l'acquisto e la ristrutturazione a tassi di interesse molto elevati - che a sua volta permette che il Ikano possa effettuare dei prelievi fiscali sulla loro attività.

Abbiamo anche scelto durante la nostra manifestazione di rendere visibile come IKEA ha deciso di rimuovere tutte le donne dal catalogo IKEA prima della sua pubblicazione nella Arabia Saudita. per simbolizzare questo tutte le donne nonno nascosto i loro volti con un segno di censura, proprio a norma del spirito IKEA. Nella concetto di IKEA family, le donne dovrebbero esserci, ma non mostrarsi.

Bookmark and Share