Dalla Spagna - Verso Agora99 e la giornata del 14 novembre

A Francoforte intervista dalla Grecia Y. Boumous Syriza

A Francoforte Intervista prof. A. Demirovic Gothe university sul ruolo della Germania

A Francoforte intervista con Shendi Veli Unicommon

Da Francoforte: un percorso europeo

I prossimi appuntamenti di discussione: da Agora99 a Madrid al Forum di Firenze. Le prossime scadenze: dal 14 e 16 novembre verso nuovi appuntamenti europei

22 / 10 / 2012

 Si e' conclusa la due giorni di dibattiti e assemblee a Francoforte, organizzata dalla rete Blockupy Frankfurt e che ha visto la partecipazione di numerose delegazioni europee, dalla Spagna alla Grecia, dall'Italia al Portogallo.

Obiettivo della due giorni era provare a dare continuità al percorso di relazione, di costruzione di movimento europeo avviato durante lo scorso maggio con le giornate di mobilitazione proprio qui a Francoforte, e per lanciare il meeting europeo Agora99 che si terra' a Madrid dall'uno al quattro novembre prossimo.

Dalla due giorni si esce con uno spirito di grande positività, con contributi che, seppur differenti per territori e realta' di provenienza, riescono a fare ragionamento comune e a porsi l'obiettivo condiviso di aprire una "costituente europea dei movimenti", attraverso la costruzione reale e concreta di una "road map" europea.

Nella volontà e nello spirito costituente europeo, delineato in queste assemblee e discussioni a Francoforte, sono stati rilanciati numerosi appuntamenti e sono state avanzate proposte di giornate di mobilitazione. Centrale sara' sicuramente il meeting di Madrid di Agora99 dal 2 al 4 novembre, in cui movimenti sociali di tutta Europa si incontreranno in Puerta del Sol. Contemporaneamente il meeting di Firenze "10+10" sara' uno spazio di discussione politica che vedra' la partecipazione di numerose realta', non solo italiane, che proveranno a ragionare insieme sullo spazio europeo costituente.

Le giornate di sciopero generale del 14 novembre e di sciopero meccanico in Italia il 16 novembre sono state assunte in agenda come appuntamenti centrali da costruire e da attraversare con protagonismo, con l'ambizione e la sfida di portare per le strade di tante citta' l'opposizione alle politiche di austerity e un pezzo importante di un'Europa che si mette in movimento e sceglie il piano internazionale per agire dal basso un cambiamento dell'esistente, per creare un'altra idea di società europea.

Da Francoforte parte anche la proposta di costruire una giornata di mobilitazione il 22 marzo a Bruxelles, in occasione del consiglio europeo, per "invadere" da tutte le "periferie" il cuore del potere politico di un'Europa che non rappresenta e non esprime le volonta' dei suoi cittadini, sempre più privati di esigibilita' di diritti, per andare a costruire un'altra Europa di diritti e democrazia, per trovare e sperimentare un nuovo modo di stare insieme, nuove pratiche e linguaggi.

Da questa due giorni vieni fuori una volonta' chiara di continuare il percorso di Blockupy Frankfurt, che quindi non vuole esaurirsi come singola esperienza di manifestazione dello scorso maggio ma che vuole rilanciare giornate di mobilitazione per la prossima primavera, provando a innescare nuove spinte sociali a livello europeo andando a moltiplicare e diffondere in ogni territorio la pratica "blockupy".

Dopo questa due giorni a Francoforte e' chiara la determinazione e la spinta in avanti che diverse realtà in movimento hanno intenzione di porre in essere e di concretizzare nel percorso pensato insieme in queste assemblee francofortesi e che verrà allargato alla discussione che ci sara' a Madrid nel meeting Agora99 di inizio novembre.

Cambiare i rapporti di forza nei nostri paesi e' possibile, farlo insieme pensando e mettendoci a costruire un'altra Europa e' la sfida.

Durante l'assemblea di sabato mattina si diceva: "We have to do something". Dobbiamo fare qualcosa, per uscire dalla crisi, per trovare una soluzione collettiva ed essere decisionali. Si parte da questa due giorni a Francoforte con una discussione e una "road map" comune, si va verso Madrid per allargare e dare concretezza al percorso che ci vedra' per le strade di tutta Europa nelle prossime settimane e nei prossimi mesi.

Di prossima pubblicazione le video interviste realizzate a Francoforte

Bookmark and Share