Assemblea Nazionale - 08.10 ore 13 @ Piazza Esquilino, Roma

Domenica 8 ottobre, Roma - Rilanciamo il grido della resistenza meticcia

Un appuntamento per costruire un percorso di presa di parola pubblica contro i i devastanti effetti delle politiche governative in materia di immigrazione e sicurezza.

25 / 9 / 2017

Non si possono dimenticare le immagini di Piazza Indipendenza, a fine agosto, dopo lo sgombero dello stabile occupato in via Curtatone. Una piazza che ha un grande valore simbolico: qui si è saputo porre un argine alla campagna estiva di attacco ai diritti sociali e alle libertà civili del ministro Minniti. Le realtà sociali che si battono per il diritto all'abitare e le comunità di rifugiati in lotta di Roma fanno appello ai movimenti: tornare in quella piazza di resistenza per costruire insieme una grande mobilitazione nazionale antirazzista contro gli ultimi provvedimenti di Governo e del Ministro dell'Interno, contro la criminalizzazione della solidarietà e dei criminali accordi con la Libia. 

Domenica 8 Ottobre 2017 vogliamo tornare in tanti e tante a piazza Indipendenza per una grande assemblea nazionale meticcia. Vogliamo farlo per riprenderci una piazza che sarà per sempre nostra. Una piazza dove il coraggio e la dignità di centinaia di rifugiati, uomini e donne, che hanno resistito per giorni ed ore alla violenza della polizia e dello stato e alla deportazione, hanno infuso coraggio, trasmesso il desiderio e la volontà di cambiamento, rappresentando un messaggio che travalica confini di appartenenza, che scuote e che ci chiama a raccolta. Proponiamo di incontrarci proprio in questo luogo altamente simbolico, per ragionare insieme sulle ripercussioni di provvedimenti come le “Leggi Minniti” sui temi dei migranti e dei rifugiati e sulla cosiddetta sicurezza urbana, per comprenderne ancora più a fondo le modalità ed i risvolti, per immaginare collettivamente percorsi, lotte, mobilitazioni in grado di animare nel paese un forte e radicale dissenso ad un’idea di paese modellato sulla paura e sull’esclusione sociale.

Domenica 8 Ottobre riempiremo, di nuovo piazza Indipendenza che diventerà piazza della resistenza meticcia, perché non possiamo accettare di vivere in un paese che nega allo stesso tempo diritto di residenza e libertà di movimento, che segrega migranti e rifugiati per cancellare i diritti di tutti e tutte, che vuole farci credere che l’emergenza abitativa possa essere risolta con gli sgomberi. E’ necessario unire le forze e le energie antirazziste e conflittuali, i movimenti, le associazioni, le forze sane sindacali e del mondo del lavoro.

Territori e soggetti sociali diversi possono e devono incontrarsi e collegarsi per fermare la folle corsa del governo e delle principali forze di opposizione alla guerra fra poveri e contro i poveri: strumento per continuare ad appropriarsi della ricchezza prodotta, a rinchiuderla sempre di più in poche mani, a schiacciare umanità e vite in nome del profitto. E’ ora di decidere e sviluppare una forte mobilitazione nazionale contro i provvedimenti e le politiche che ora vengono incarnate dalla figura del ministro dell’Interno Minniti: prendiamo parola, è l’ora della lotta e della mobilitazione.

Movimento per il diritto all’abitare romano – Assemblea dei rifugiati sgomberati da via Curtatone

Bookmark and Share

Gallery