Grecia - La partenza del corteo dello sciopero generale

Grecia - Samaras e troika : i loro gas uccidono ancora

18 / 10 / 2012

I gas della Troika hanno fatto poco fa la seconda vittima oggi ad Atene, dove un 67enne manifestante disoccupato di lungo tempo è morto appena arrivato all’ospedale Evangelismos dopo di essere svenuto poco dopo aver respirato i gas che aveva utilizzato la polizia di Samaras per disperdere i “soliti ignoti” che si sono messi a tirare pietre, pezzi di marmo e molotov contro la polizia quando arrivava il grosso dei manifestanti nella piazza Syntagma. Anche la seconda vittima dei gas apparteneva al PAME di Kke, visto che i suoi militanti partecipano alle manifestazioni senza le maschere antigas che porta la maggioranza della gente che partecipa ai cortei dei sindacati confederali e degli altri partiti di sinistra. Portare pero la maschera antigas può costare anni di prigione, grazie alle pene severe delle leggi repressive dei governi della troika. La polizia sostiene che il manifestante ha avuto l’attacco cardiaco vicino alla chiesa ortodossa russa, in una strada adiacente a piazza Syntagma, dove non si era fatto uso dei gas.

Secondo i medici dell’ospedale Evangelismo, che si trova poche centinaia di metri dal parlamento greco, il manifestante ha avuto un attacco cardiaco ed è stato impossibile mantenerlo in vita. Nello stesso ospedale sono ricoverati anche altri due manifestanti con ferite in testa e nelle arti e due poliziotti con ustioni.

Subito dopo l’annuncio della morte del manifestante nel parlamento i deputati di Syriza e di Kke che si trovavano nelle varie commissioni hanno espresso dure condanne dell’accaduto insistendo per la necessità di una svolta nella politica economica e sociale del paese.

Lo sciopero generale di oggi nel settore privato e pubblico è andato meglio delle previsioni, visto che anche nella periferia di Atene molti negozi sono rimasti chiusi e i diverse occasioni si sono state proteste dei commercianti.

Nei due cortei di ieri ad Atene hanno partecipato più di centomila persone, superando le attese dei sindacati di Gsee e Adedy, che hanno temuto che la repressione durante il precedente sciopero generale e il giorno della visita di Merkel ad Atene poteva scoraggiare la gente di partecipare alla manifestazione.

Secondo fonti dei manifestanti diverse persone sono crollate dopo aver respirato i gas che ha utilizzato la polizia, probabilmente per problemi respiratori, aumentando il timore che si tratta di nuovi gas di fabbricazione israeliana o americana. Fino alle ultime ore del pomeriggio la polizia aveva fatto più di 50 fermi.

I segretario generale di Gsee Panagopoulos ha detto che i sindacati greci si uniranno con quelli spagnoli e portoghesi per organizzare uno sciopero generale il 14 novembre, nel quale si uniranno in forma di mobilitazione di solidarietà anche altri sindacati europei.

Bookmark and Share