pontedera - manif contro forza nuova

no nazis in my town

Pontedera - Mille in corteo contro forza nuova

Forte risposta degli antifascisti all'episodio razzista contro la cittadinanza ai figli di immigrati

19 / 11 / 2012

Circa mille persone hanno partecipato oggi pomeriggio alla manifestazione 'Pontedera sono anch'io', organizzata dal Comune, iniziativa che é stata una sorta di risposta all'irruzione di alcuni militanti di Forza Nuova, il 10 novembre scorso, all'interno del Teatro Era dove si stava svolgendo la cerimonia di consegna degli attestati di cittadinanza onoraria a 603 bambini nati in Italia da famiglie straniere.

Per le vie del centro di Pontedera hanno sfilato famiglie italiane e straniere, persone di tutte le età con tantissimi bambini. Nel corteo anche gruppi della sinistra radicale e dei centri sociali che hanno dato vita a momenti di tensione, senza però sfociare in atti di violenza, quando la manifestazione è passata nelle vicinanze della sede di Forza Nuova, situata nel centro storico della cittadina.

articolo tratto da www.gonews.it
.
di seguito pubblichiamo il resoconto della manifestazione scritto dalla Comunità in Resistenza di Empoli:

Chiudere Forza Nuova subito!

Ieri pomeriggio 18 novembre si è svolta a Pontedera la manifestazione “Pontedera sono anche io” in risposta all’irruzione fascista di FN dello scorso 10 novembre, contro la cittadinanza ai figli dei migranti.

La manifestazione è stata una grande risposta all’aggressione fascista. Organizzata dal comitato antifascista e antirazzista della Valdera, ha visto la presenza delle Comunità migranti, fra cui tantissimi bambini, dei centri sociali e del mondo dell'associazionismo. Centinaia di persone che hanno percorso le vie del centro arrivando presso il Teatro Era, luogo del blitz dei neofascisti, dove in seguito si sono susseguiti numerosi interventi dal palco. Il corteo è poi ripartito fino a proseguire verso la piazza del Comune dove la manifestazione si è conclusa.

Durante il percorso ci sono stati momenti di tensione quando dal corteo, arrivato davanti la sede di fn protetta da tre blindati e da uno schieramento di carabinieri e polizia in assetto antisommossa, sono partiti cori contro i fascisti e ci sono stati tentativi di spintonamento. Diverse centinaia di persone hanno espresso la propria rabbia ed indignazione, gli antifascisti chiedevano la chiusura della sede di fn.

Consideriamo inaccettabile che nei nostri territori, fascisti e razzisti possano agire indisturbati. Quella del 10 novembre è stata un’azione infame che ha avuto un grande risalto mediatico in quanto avvenuta durante una cerimonia istituzionale riguardante i bambini delle famiglie migranti.

Chiudere subito tutte le sedi dei fascisti, chiuderle con ogni mezzo.

Per il diritto di cittadinanza a tutti i migranti.

COMUNITA' IN RESISTENZA EMPOLI


Bookmark and Share