Space is the place: ai nostri posti ci troverete!

25 / 6 / 2016

“Tutto l'immaginabile può essere sognato ma anche il sogno più inatteso è un rebus che nasconde un desiderio, oppure il suo rovescio, una paura. Le città come i sogni sono costruite di desideri e di paure” (Marco Polo al Kublai Kan ne le città invisibili).

A chi appartenga la “città della paura”, del pregiudizio, dei limiti e dei confini -tanto fisici quanto mentali-, non ci sono dubbi. Ma nessuna meraviglia: non ci si sarebbe sicuramente aspettati che coloro che hanno basato la propria campagna elettorale sull'immaginario delle ruspe, sul degrado cittadino e sul binomio immigrato/delitto, proponessero - come inizio mandato - la risoluzione, ad esempio, di problemi quali il diritto all’abitare o le situazioni di povertà e incertezze in cui versano sempre più famiglie.
Le paure le lasciamo ad altri: a coloro che devono inventarsi dei nemici per poter esistere, a coloro che inventano piccole patrie intorno a false identità etniche e culturali inventate come strumento di odio e di esclusione, a coloro che adorano il “decoro” immaginando le comunità come deserti armati a guardia del proprio vuoto, a coloro che tifano i piccoli orizzonti di un’ignoranza rassicurante. 
Le paure le lasciamo a chi ne fa un programma elettorale, soffiando sul fuoco che bolle nella pancia dei tanti che pagano le ingiustizie e le diseguaglianze, per sguazzare poi nelle piccole rancorose miserie che suscitano. Le paure le lasciamo a chi su quel terreno insegue gli altri cercando di guadagnare consenso e dimenticandosi che l’originale è sempre meglio della copia.
E, sempre a questi, lasceremo la fatica di esserci nemici.
A noi appartiene, invece, la “città dei desideri”, dei sogni da realizzare, dei terreni comuni da indagare e costruire assieme.
Noi preferiamo stare con i desideri, perché “bisogna imparare a discernere le possibilità non realizzate che sonnecchiano nelle pieghe del presente” affinché “dalle miserie del presente noi balziamo verso la ricchezza del possibile”.
Ed è di questi desideri e di quella ricchezza che noi vorremmo parlare, non delle paure e delle tristezze degli altri.
Le annunciazioni su facebook non ci sembrano il miglior terreno di interlocuzione, tantomeno se vengono sparse a proposito di Casa delle Culture falsità e sciocchezze talmente assurde che non è chiaro se siano frutto di allucinazioni o di segrete morbose voglie (ci dispiace deludervi ma, nel primo caso, godetevele, e nel secondo non dovete rivolgervi a noi). Accuse tanto plateali quanto infami ed infondate che ci fanno capire bene quale sia il consueto modo di agire non tanto di certi personaggi che alla fine altro non sono che semplici marionette del gioco quanto di quei partiti, come la Lega, che da tanto, troppo tempo fanno “politica” sfruttando falsità e paure.
Forti di un percorso che dura da ormai oltre 15 anni intendiamo continuare la nostra strada; una strada fatta di passione, di lotta, di condivisione, di feste, di incontri e di scontri. Perché mai ci vedremo sottratto il diritto di costruire e ricostruire la nostra città, come luogo più che del dominio, della resistenza e dell’esistenza di anticorpi, anime ribelli.

Ai nostri posti ci troverete.

Al nostro posto, ovvero quello che ci siamo conquistati, pezzetto per pezzetto, in questa storia iniziata 15 anni fa e approdata ieri, dopo due anni di occupazione, alla sottoscrizione di un contratto: un risultato frutto di una lotta che, oggi, vede legittimati e riconosciuti il lavoro di anni, il diritto all’esistenza, nonché i desideri e i progetti del prossimo futuro, da realizzare coi tanti e diversi che vogliono e vorranno animare Casa delle Culture, il quartiere in cui essa è inserita e la città intera.
Noi avvertiamo questi ed altri bisogni.
Il diritto alla città innanzitutto, il diritto di accesso a spazi e opportunità, per tutte e tutti.
Il bisogno di spazi al di fuori del mercato e del profitto.
Non priva di errori è la strada che ci ha condotti fino a qua. Errori che sono stati fondamentali momenti di crescita, dai quali oggi ripartiamo.
Il problema di questa città non è certo uno spazio sociale, di crescita ed arricchimento, come non lo è neppure il folklore di uno o dell’altro consigliere comunale o personaggio di turno, ma la deriva razzista, xenofoba, securitaria e fascista che troppi stanno spingendo e troppi hanno fatto finta di non vedere.
Tutto questo è sì, davvero, indecoroso.
A combattere questo, ai nostri posti ci troverete.
“Space is the place”. E’ il nostro posto. Sia esso una Casa, una città o un qualsiasi altro spazio.

CASA DELLE CULTURE, TRIESTE

QUI per info

Bookmark and Share