Venezia - Degrado e speculazione, la politica residenziale della nuova amministrazione Cafoscarina.

Meglio occupata che vuota! La governance universitaria tra annunci di sgombero e milioni regalati a Caltagirone & Co.

9 / 10 / 2015

Che tutto cambi perchè nulla cambi, ormai la maschera democratica e conciliante del rettore Bugliesi sembra destinata a cadere dopo il ritrovamento del seguente avviso "in esecuzione della delibera del Consiglio di Amministrazione del 10 luglio 2015" affisso sul portone d'ingresso di CàTortuga : "si intima di procedere immediatamente al rilascio dell'unità abitativa situata al secondo piano entro il 24ottobre." Si legge ancora nel verbale approvato dal CdA che " il Rettore propone di richiedere alla Forza Pubblica lo sgombero dei soggetti estranei  (gli studenti paganti e regolarmente iscritti all'Ateneo) che abusivamente hanno occupato l’unità immobiliare e in relazione alla quale è stato già presentato l’esposto alla Procura della Repubblica nei confronti di ignoti sopra citato.
Una minaccia vera e propria nel silenzio complice delle rappresentanze studentesche sedute in CdA!

Il Rettore ricorda che l’Università è proprietaria del complesso di Calle dei Guardiani, donatole nel 1969 dal Comune di Venezia con atto del 1° agosto 1969, costituito dagli impianti sportivi gestiti dal C.U.S. e da un edificio a destinazione residenziale. 
Eppure di destinazione residenziale, da rivolgere ai meritevoli studenti nemmeno l'ombra. Ancora 6 appartamenti che potrebbero ospitare comodamente una cinquantina di studenti nella città più cara d'Italia sono lasciati all'abbandono, degrado e sporcizia. Complimenti!
Forse l'Amministrazione cafoscarina pensa che un refresh di immagine arriverà dalla realizzazione del "campus d'eccellenza" in progetto nel cuore del quartiere universitario di Santa Marta...cioè proprio dove vive e resiste l'anomalia urbana di CàTortuga.
Come collettivo Liberi Saperi Critici crediamo fermamente che l'operazione residenziale altro non sia che l'ennesima bolla speculativa di cui si macchierà l'Ateneo.
In un panorama residenziale al limite dell'assurdo con criteri vecchi di oltre 15 anni studiare costa, in Italia: tra tasse universitarie che superano i 2 mila euro, spese per i libri di testo e quelle per dormire fuori casa, se si abita lontano dall'università. I costi degli affitti sono in aumento, cresciuti del  4%  rispetto al 2014.
Il costo dei posti letto è più alto della media nazionale proprio  a Venezia (300 euro al mese: ma qui fanno media i prezzi della città storica e quelli più bassi della terraferma).
Ad un anno dall'inaugurazione della Residenza Crociferi dimostratasi tutt'altro che esperimento virtuoso, ci chiediamo come sia possibile che sulla pelle degli studenti si conceda ancora credibilità a chi sul nostro territorio ha già ampiamente dimostrato la propria inaffidabilità. Pare quantomeno sospetto che venga affidato un progetto da 40mln di euro alla SGR controllata da Gruppo Caltagirone, Monte dei Paschi di Siena e in quota di minoranza a Caltagirone junior...quando ancora l'incompiuto progetto immobiliare ExScalera rappresenta un vero e proprio scandalo cittadino.
Fabrica immobiliare, detentrice del progetto, ha sede a Roma ed è una delle principali società italiane di gestione del risparmio in campo immobiliare (13 fondi per circa 3,4 miliardi di euro), partecipata dal Gruppo Caltagirone e dal Gruppo Monte dei Paschi di Siena.
La struttura a Santa Marta sarà realizzata attraverso il Fondo immobiliare Earsmo, in un'area ceduta allo stesso in diritto di superficie per 75 anni, allo scadere dei quali l'Università riacquisterà la piena proprietà senza corrispondere alcun onere. Gestore del complesso, invece, sarà la Fondazione Pier Giorgio Falciola, che applicherà tariffe di locazione decise tramite bando da Ca' Foscari e suddivise in tre categorie e fasce di prezzo: in maggioranza tra i 230 e i 330 euro mensili a posto letto, e con una parte soggetta a tariffe di libero mercato, per rendere sostenibili quelle sociali prevalenti. 
Ma intanto in quale condizione è lasciata la storica sede di Scienze Ambientali? Degrado vero e proprio alla luce del sole come dimostrano le immagini. 
Ancora complimenti al Rettore Bugliesi ed al Direttore Generale Scuttari, ed una promessa: CàTortuga#invendibile meglio occupata che vuota resisterà allo sgombero. 
#SeeYouOnTheBarricades

Bookmark and Share

Venezia - degrado e speculazione

Venezia - degrado e speculazione