Venezia - No housing for people, No art for the audience

Blitz alla Biennale Architettura 2018 da parte di attiviste e attivisti dell'assemblea sociale per la Casa e S.a.L.E. Docks

24 / 5 / 2018

Blitz dell’Assemblea Sociale per la Casa e di Sale Docks ai cancelli della Biennale. «La questione abitativa a Venezia, così come a Londra, non è qualcosa su cui speculare. Le istituzioni artistiche devono interrompere lo sfruttamento culturale che va di pari passo con quello immobiliare delle nostre città. L’etica dell’architettura dovrebbe porsi il problema di come bloccare lo spopolamento delle nostre città, le case popolari non sono reperti. Per questo il 10 giugno saremo alla Marcia per la Dignità di Venezia (leggi l'appello): questa città sta diventando l’emblema di un parco a tema, l’edilizia residenziale ha bisogno di un intervento serio per invertire la rotta, non di certo di essere messa in mostra».

VERSO IL 10 GIUGNO E LA MARCIA PER VENEZIA.

Vogliamo case per i residenti, vogliamo una città viva e abitata.

Robin Hood dei Ricchi

Per questa edizione della Biennale, il Victoria & Albert Museum di Londra ha organizzato l'esposizione di un frammento proveniente dalla demolizione di una parte dei Robin Hood Gardens, uno dei più grandi complessi di alloggi pubblici della capitale del Regno Unito. 

Mentre l'edilizia residenziale pubblica viene abbattuta, definanziata, abbandonata, le nostre città vengono lasciate alla mercé della speculazione immobiliare e della rendita. Questo processo colpisce gli abitanti di città tanto diverse tra loro, come Londra e Venezia. Eppure l'effetto è sempre lo stesso: le persone rimangono senza casa e sono costrette a lasciare i loro quartieri e le loro città.

Oggi l'ASC (Assemblea Sociale Casa), S.a.L.E. Docks (spazio attivista per le arti) e il Robin Hood Gardens Liberation Front inscenano una doppia protesta in contemporanea: alla Biennale di Venezia e al Victoria & Albert Museum a Londra.

È tempo che le istituzioni artistiche cessino la propria speculazione culturale, che va di pari passo con quella immobiliare. Le case popolari non sono reperti, se si tira in ballo l'etica dell'architettura, allora ci si dovrebbe porre il problema di come contrastare le desertificazione sociale delle nostre città, non di come fornirle un corredo estetico.

A Venezia la cultura dovrebbe essere volano di ripopolamento, di nuova cittadinanza, invece viviamo in una città colpita dallo spopolamento, dove l'edilizia residenziale pubblica è inadeguata, a fronte di un mercato privato drogato dall'industria turistica che rende ormai difficilissimo l'accesso ad una abitazione. Cedere sul diritto alla casa, A Venezia, significa cedere allo spopolamento della città, alla sua trasformazione in parco a tema.

Per queste ragioni, invitiamo tutte e tutti a partecipare, il prossimo 10 giugno, alla Marcia per Venezia. Per ripetere che la casa è un diritto e che il ripopolamento è la condizione necessaria per salvare la città.

CI VEDIAMO IL 10 GIUGNO, alle 14 a Piazzale Roma.

ASC: Assemblea Sociale Casa

S.a.L.E. Docks 

---------------------------------------------------------------------------------------------

TOWARDS JUNE 10. THE MARCH FOR VENICE

Robin Hood Of The Rich

At the current Biennale, the Victoria & Albert Museum are exhibiting a chunk of the demolished Robin Hood Gardens, one of the most famous council estates in London. 

While public housing is demolished or neglected, our cities are left to the appetites of real estate speculation and rent. This process affects inhabitants of cities very different from each other, like London and Venice. But the effect is always the same: people become homeless and are displaced from their neighborhoods.

Today the ASC (Assemblea Sociale Casa), S.a.L.E. Docks (an activist space for the arts) and housing activists in London are staging a concomitant protest at the Venice Biennale and at the V&A Museum in London.

It is time for art institutions to end that cultural speculation that too often goes hand in hand with speculation in real estate. Council estates can't be treated as historical artifacts with the excuse of using them as "activators of debate". If we are talking about ethics in architecture, then it would be urgent to act in order to stop the social cleansing of our cities, instead of providing it with its aesthetic cover.

Venice is a place where culture should be used as a means to repopulate the city and to attract new citizenship, when on the contrary the city is facing a tragic exodus of residents. Social and public housing is inadequate and largely neglected while the private market offers unaffordable prices, doped by the mass tourism industry, AirBnB, and similar. 

Giving up on housing rights in Venice would mean accepting the massive displacement that is taking place, it would mean accepting the transformation of the city into a theme park.

For these reasons we invite everyone to participate in the March For Venice on 10th of June, where housing rights voices will speak up loudly!

ASC: Assemblea Sociale Casa

S.a.L.E. Docks 

Bookmark and Share