20.11.12 In diretta da Gaza Rosa Schiano

20 / 11 / 2012

Siamo in diretta con Rosa Schiano che si trova all'Ospedale di Gaza.


Che situazione c'è, visto che tu stai vedendo molte cose che non vengono raccontate su questo attacco?

Maggior parte dei feriti che arrivano sono donne e bambini. Dall'inizio sono 1000 i feriti arrivati qui all'ospedale Shifa. I dati che vengono confermati dai dottori sono che stiamo assistendo ad una situazione simile al 2008 e 2009 quando sono state colpite intere famiglie.

Parlando con la gente c'è la speranza che questo l'attacco si blocchi o c'è paura dell'attacco per terra?

Ieri si è parlato fortemente di tregua ma in pratica non c'è stato nulla che fa fatto sperare in una tregua perchè gli attacchi sono continuati e nella notte ci sono stati bombardamenti anche da parte dei carriarmati al sud e al nord. Siamo impauriti dalla possibilità di un'invasione di terra che sarebbe devastante visto che al confine con Israele vivono molte famiglie di agricoltori che in caso di un attacco sarebbe costrette a lasciare le proprie case.

Tu ti aspettavi nei giorni precedenti un attacco come questo?

E' stata inaspettata, mi ricordo il primo giorno: ero in strada quando hanno iniziato a lanciare i missile. Da allora c'è stato il panico generale nelle strade di Gaza. Io ho saputo che Israele giustifica l'attacco con il lancio dei missili da parte delle Brigate Kassam ma è una giustificazione che non regge perchè recentemente e generalmente sono altri gruppi che lanciano i razzi verso Israele più che le Brigate Kassam, quindi questa giustificazione non regge.

E' aperta la striscia verso l'Egitto, serve che ci sia valico aperto?

Si, si stanno preparando convogli con carichi medicinali per aiutare l'ospedale di Shifa egli altri ospedali. L'apertura di Rafah è molto importante.d

Parlando con la gente si riesce a discutere del ruolo che nello scacchiere dell'area stanno giocando l'Egitto e la Turchia?

No, a noi non capita mai di riuscire a parlare di ciò che viene comunicato a livello diplomatico da parte degli altri paesi. Non si riesce a farlo perchè c'è una situazione di emergenza. Però alcuni azioni come quella dell'apertura del valico di Rafah sono molto importanti.

Tornando alla situazione dell'ospedale. Shifa è il più grande e l'unico che funziona?

Shifa è l'unico grande ospedale, poi ce ne sono alcuni più piccoli. Si sta lavorando con varie sale operatorie. Ce ne sono diverse ma Shifa è il maggior che opera. Volevo aggiungere che per quanto riguarda le vittime Israele ha bombardato spesso intere abitazioni. Ho visto in terapia intensiva 4 bambini che stanno lottando per la vita e ne ho visto altri 4 in obitorio. Questa è la realtà: ci sono intere famiglie sterminata come le due di ieri. E' un attacco non contro obiettivi mirati no ma contro la popolazione civile.

Bookmark and Share