Elezioni in Slovenia, vince il fronte xenofobo di Janez Jansa

13 / 6 / 2018

Nelle elezioni in Slovenia ha trionfato il fronte xenofobo rappresentato dal Partito Democratico Sloveno di Janez Jansa, appoggiato da Victor Orban. Abbiamo parlato di questo esito elettorale e delle derive politiche che ne derivano insieme a Gal Kirn, sloveno, oggi studia come post dottorato in Storia presso la fondazione Alexander von Humboldt di Berlino. Viene da Lubiana, ed è membro di Iniziativa per il Socialismo Democratico “Levica” e co-autore di libri come “Incontrando Althusser” (Bloomsbury, 2013) e “Momenti Trasgressivi nel cinema Jugoslavo” (Jan van Eyck Academie, 2012)

Il Partito Democratico Sloveno ha vinto le elezioni su posizioni ideologiche nazionaliste ed anti – immigrati. Quale è stato il contesto politico che ha favorito la vittoria di questo partito? Pensi che le idee di cui si fa portatore questa forza politica siano anche diffuse nella società? 

Lo SDS è un chiaro vincitore delle ultime elezioni (25%), insieme al nuovo partito di centro di Sarec in seconda posizione con il 12,5%. Ci sono molte ragioni per cui lo SDS ha preso una tale porzione del corpo elettorale: prima di tutto, c'era un malcontento generale con il governo centrale e la sua prolungata e intensa austerità; in secondo luogo, la crescente corrente xenofoba in Slovenia deve essere considerata nel rapporto con la reazione di destra regionale ed europea alla sconfitta di Tsipras nel 2015 e alla "crisi dei rifugiati" degli ultimi anni; in terzo luogo, nel contesto sloveno registriamo una crescente depoliticizzazione con la metà degli elettori che sono andati a votare e, in quarto luogo, alcuni dei principali media hanno apertamente sostenuto il tema anti-immigrazione e hanno favorito Janez Jansa come "alternativa" al precedente governo di coalizione. Questi sono alcuni importanti motivi per capire, come mai la SDS ha vinto le elezioni, mentre allo stesso tempo deve essere chiaro che l'ideologia nazionalista, razzista e anti-immigrati non è qualcosa di nuovo all'interno dello spettro politico di destra e di centro, ma e’ stato già presente nei precedenti cicli elettorali. La SDS ha sempre avuto successo nel mobilitare la popolazione facendo leva sullo scontento e alimentando i risentimenti di classe, fagocitando la paura e ansia contro le "forze di continuità" (i resti delle élite comuniste che presumibilmente continuano a dominare tutto nella società e non hanno adeguatamente e completamente privatizzato le aziende), ponendosi contro diversi gruppi di minoranza (persone provenienti da ex repubbliche sorelle di Jugoslavia, Rom, ecc.), migranti (che rubano il nostro lavoro) e, più recentemente, rifugiati e islam. Ad esempio sono stati diffusi numeri esagerati che i contribuenti sloveni devono pagare per ogni rifugiato ogni mese, disattendendo non solo un basso numero di rifugiati, ma anche le spese reali del governo. Così, all'interno del più generale orizzonte di destra, i rifugiati sono stati principalmente presi di mira da un gruppo che ha ricevuto immeritata troppa attenzione da parte dei media e troppo aiuto sociale dallo stato accompagnato da dichiarazioni scioviniste e patriarcali come: "Che tipo di uomini sono loro se non rimangono in Siria e non lottano per la loro terra? "Alla ripetuta domanda sulla crescente ondata di xenofobia nella società slovena, il leader della SDS Janez Jansa preferisce parlare dell'odio della sinistra o dei giornalisti critici nei confronti della propria nazione. Questa strategia è molto in linea con il meccanismo disciplinare che conosciamo dal contesto della critica del governo israeliano, che etichetta i suoi critici come "ebrei che odiano se stessi". La destra non era la sola a preparare questo terreno ideologico tossico, dovremmo ricordare che anche i partiti del partito al governo, i Socialdemocratici, il Partito del Centro Moderato e il Partito dei Pensionati, alla luce della "crisi dei rifugiati", non hanno parlato delle condizioni reali dello stato sociale che non ha affrontato la questione dei rifugiati. Nei primi anni '90 il contesto sloveno ha visto oltre 70.000 rifugiati venire e soggiornare in Slovenia nel corso delle guerre nella ex-Jugoslavia, quindi anche oggi lo stato potrebbe affrontare il problema. Ora, per alcune centinaia di rifugiati siriani, un dramma artefatto ed esagerato è stato trasmesso sui nostri schermi televisivi. Il precedente governo invece di garantire maggiore sicurezza sociale e inclusione per i rifugiati, ha pienamente partecipato alla rivolta egoista / nazionalista contro la quota di migranti di Bruxelles e al blocco delle porte dei Balcani nei confronti dei rifugiati. Come specificità locale, il governo sloveno ha persino installato il filo spinato lungo il confine, cioè sulle rive del fiume Kolpa, con la Croazia. Ciò è stato accompagnato da un'affermazione cinica secondo cui i media non dovrebbero parlare di filo spinato, ma di un "impedimento tecnico temporaneo". Almeno l’estrema destra aveva la sincerità di chiamarlo con il suo vero nome. C’è da dire che il sentiero dei Balcani durante le più intense fasi della guerra in Siria ha costituito il vittorioso campo di battaglia per le forze di estrema destra. In questo panorama politico-mediatico le idee e l'intolleranza xenofobe hanno iniziato a guadagnare terreno. Ricercatori critici hanno osservato che una parte premurosa di media commerciali e di stato ha affrontato il tema dei rifugiati con toni "allarmistici" e con un costante monitoraggio televisivo dei confini, come se fossimo entrati in un'era di catastrofe naturale permanente: il vulcano di profughi che esplode e annienta il nostro Civiltà europea. A tale riguardo, sia il centro che l'SDS, insieme alla maggioranza dei media tradizionali, non hanno mai affrontato i problemi reali: la politica prolungata e persino intensificata dell'austerità, che è continuata nonostante una crescita economica evidente e forte negli ultimi anni; la crescente militarizzazione dell'Europa sulla scia delle guerre, sia contro il "terrore" che ha messo in luce l'inutilità degli interventi dall'Afghanistan e dall'Iraq verso la Libia e la Siria, sia nel co-creare la nuova Guerra Fredda e le tensioni con la Russia.

Quali sono le connessioni ideologiche e finanziarie tra l’SDS ed il governo ungherese di Orban? 

Sì, ho dimenticato di menzionarlo come principale supporto per la campagna SDS: tutti i media supportati da SDS hanno ricevuto importanti iniezioni finanziarie da Orban, questo è evidentemente contrario alla nostra legislazione europea, poiché parla di influenza diretta nella campagna interna da parte di una potenza straniera. Alcuni giornalisti investigativi molto attenti a questo aspetto hanno ben scandagliato questa situazione (ad esempio Borut Mekina di Mladina, giornalisti di Vecer, ecc.) E questi giornalisti sono stati esposti a forti pressioni politiche da parte dell’SDS. Il governo di Orban è molto interessato alla costruzione di un'infrastruttura ferroviaria strategica tra il porto costiero di Capodistria e gli interni, dal momento che questo potrebbe estendere il traffico delle merci portuali da un lato, e il corridoio dell'Ungheria verso il mare Adriatico - non solo ricevere le rendite finanziarie ma anche possedere l'infrastruttura! Inoltre, questo legame con Orban è anche un forte legame ideologico, specialmente alla luce dell'Ungheria che diventa il caso dello stato patriottico che è stato in grado di ribellarsi all’eurocrazia e al suo sistema ingiusto. Orban divenne una figura del modello di governo autoritario anti-UE ma pro-capitalista e protezionistico ed è riuscito a riunire attorno a un orizzonte geografico austro-ungarico opportunamente ampliato, con ancora una piccola eccezione della Slovenia, tutti i paesi confinanti: Croazia, Austria, L'Ungheria, ma anche più in generale i paesi di Visegrad (alcuni rappresentanti dell'estrema destra italiana hanno espresso il desiderio di aderire!) Sono tutti guidati da governi di destra autoritari. Possiamo registrare importanti cambiamenti nella politica della commemorazione della seconda guerra mondiale, dove il fascismo locale è stato riabilitato attraverso la proliferazione di discorsi, monumenti, ma anche la rimozione violenta dell’eredità dell'antifascismo e del socialismo. Si può ipotizzare che la MittleEuropa sia ancora una volta la culla di idee, movimenti e partiti di estrema destra? Ma piuttosto che oggettivizzare la crescita della destra in un terreno oscuro e profondo dell'Europa, possiamo rilevare questa tendenza come una falsa alternativa in tutta Europa: da un lato i tecnocrati centristi di Macron, dall'altro i tipi come Le Pen e Orban.

Come giudichi l’impatto delle forze politiche xenophobe nei paesi della ex – Jugoslavia? 

Bene, penso che una caratteristica importante è che la politica dell'odio etnico è incastonata nelle costituzioni di tutti i paesi ex-jugoslavi che sono tutti premeditati sul modello di una nazione in uno stato. Guardate che tipo di prolungate tensioni e blocchi politici sono stati raggiunti nella Bosnia-Erzegovina post-Dayton. La forte ri-tradizionalizzazione e la xenofobia hanno avuto inizio nei primi anni '90 e sono aumentate durante le guerre, mentre la figura di immigrati e rifugiati è ora semplicemente inserita nella più ampia catena di equivalenze etnico-religiose: quelle che non sono sloveno-cattoliche, croato-cattoliche , Serbo-ortodosse ... non possono essere adeguatamente "integrate" nella nostra società. Nell'intero contesto post-jugoslavo le forze nazionaliste hanno vinto, ora sono al potere. Il campo politico in Macedonia è estremamente fragile, a parte l'espropriazione neoliberista, la disoccupazione dilagante, i tentativi sporadici di usare le animosità etniche tra la parte albanese e quella macedone sono stati acuiti, mentre esternamente, il nazionalismo greco contro il nome “Macedonia” ha indicato problemi più generali sui rapporti con  con l "Altro". La situazione non è affatto rosea.

Come valuti il risultato elettorale del partito di sinistra Levica in Slovenia? Quali sono stati i settori sociali che lo hanno supportato? 

L'esito per la sinistra è un miglioramento, dal momento che è passata dal 6% al 9,3%, cioè da 5 a 9 seggi in parlamento, mentre in termini di risultato generale è arrivato subito dietro i partiti del centro: i Socialdemocratici con il 9,8% e l’ex partito al governo del Centro Moderato 9,6%. Inutile dire che Levica è l'unico partito parlamentare che si oppone al neoliberismo e promuove il socialismo democratico, inoltre è stato l'unico partito che ha apertamente e continuamente abbracciato le posizioni pro-rifugiati, posizione per cui è stato anche per certo tempo "punito" dall'opinione pubblica . Se guardiamo concretamente a questa campagna, tra i partiti parlamentari, Levica ha di gran lunga il budget più basso per la campagna, non c'erano grandi cartelloni pubblicitari o spot televisivi fastosi, e proprio nessuno tra i grandi media nel diffondere il suo messaggio politico. Inoltre, sulla base di un'analisi, il tempo concesso durante la discussione pubblica sui media a Luca Mesec, il segretario, per presentare i punti programmatici del partito è stato pochissimo. Da un lato, gli attivisti ed i principali rappresentanti del partito erano impegnati direttamente nelle strade, mentre dall'altro un uso intensivo dei social media - Facebook è stato un lato forte della campagna. Ciò si è riflettuto nella composizione sociale del voto, dal momento che Levica ha ottenuto il maggior sostegno nei centri urbani e tra i giovani. Levica è arrivata prima nella capitale - Lubiana, e in alcune parti del mare, Capodistria (Primorska), mentre ha ottenuto, insieme a SDS, il maggior sostegno tra i giovani elettori da 18 a 35. Si potrebbe dire che il nucleo del voto politico è venuto da giovani provenienti dai contesti urbani che hanno riconosciuto il senso della lotta  all'austerità e una valida alternativa al lavoro precario e flessibile.

Bookmark and Share