I muri del capitale, le crepe della sinistra

Un nuovo seminario per gli zapatisti, che si sono ritrovati a San Cristobal per discutere delle elezioni politiche messicane del 2018, a cui EZLN e CNI hanno deciso di partecipare candidando una donna indigena.

19 / 4 / 2017

"Non vogliamo scegliere tra un padrone crudele e uno benevolo, semplicemente non vogliamo padroni." Subcomandante Insurgente Galeano

Dal 12 al 15 aprile il CIDECI Unitierra di San Cristobal de las Casas si è nuovamente riempito di zapatisti e di aderenti alla Sexta Declaración de la Selva Lacandona. L'occasione è stata il seminario dal titolo "I muri del capitale, le crepe della sinistra", a cui hanno partecipato in veste di ospiti Don Pablo González Casanova, María de Jesús Patricio Martínez (CNI), Paulina Fernández C., Alicia Castellanos, Magdalena Gómez, Gilberto López y Rivas, Luis Hernández Navarro, Carlos Aguirre Rojas, Arturo Anguiano, Sergio Rodríguez Lascano, Christian Chávez (CNI) y Carlos González (CNI). Questo incontro si inserisce nel percorso di avvicinamento alle elezioni politiche messicane del 2018, a cui EZLN e CNI hanno deciso di partecipare candidando una donna indigena. La prossima tappa si terrà, sempre in Chiapas, dal 26 al 28 maggio quando saranno annunciati il funzionamento, i propositi e i vincoli del Consiglio Indigeno di Governo, e se ci saranno le condizioni anche la candidata: portavoce dei popoli indigeni e di quanti si riconoscono nel percorso di ribellione dal basso a sinistra proposto dall'EZLN e dal CNI.

Il seminario si è aperto con un messaggio chiaro è inequivocabile al nuovo presidente degli Stati Uniti, letto nelle diverse lingue indigene e tradotto dallo stesso Galeano: Fuck Trump.

messico_fuck_trump

Terminati i "saluti", Galeano ha iniziato la discussione rivolgendosi a quanti definiscono lo zapatismo anacronistico: il tempo dei ribelli non è scandito da orologi digitali o da "smartwatch" ma da una clessidra con cui gli zapatisti riescono a vedere il tempo trascorso, cercando di comprenderlo, e anche il tempo che verrà. Il tempo trascorso lo racconta poi il Subcomandante Moisés il quale apre il suo intervento narrando il lungo elenco di abusi, violazioni e sfruttamenti che gli anziani zapatisti hanno tramandato. Il mondo, secondo Moisés, sempre più spesso è organizzato in fincas (grandi latifondi) piuttosto che in paesi; e nelle fincas sono i padroni quelli che comandano, mentre il potere dei governi si è ridotto alla sola amministrazione della finca stessa. La prima giornata si conclude ancora con il Subcomandante Galeano che cita alcuni vecchi scritti del defunto Marcos in merito alla rivoluzione cubana, che ha rappresentato una grande novità nelle lotte dei popoli dell'America Latina e la prima sconfitta per l'imperialismo nordamericano. Quella vittoria è una prima crepa nel muro del capitale.

Nella giornata successiva si sono susseguiti l' antropologo Gilberto López y Rivas, Thomas Hansen, Sergio Rodríguez Lascano, Carlos Aguirre Rojas, Arturo Anguiano e il Subcomandante Insurgente Moisés. In questa seconda giornata gli interventi si sono focalizzati nell'analizzare le forme di governo esistenti. Per l'antropologo Lopez y Rivas il mondo di oggi si caratterizza per vivere in un terrorismo di stato globale, sostenuto da una governance globale che è in guerra contro i popoli. Viviamo nel fascismo del XXI secolo il cui simbolo è Trump. Nemmeno i governi definiti progressisti dell'America Latina sono esenti da critiche: Rodriguez Lazcano, Antonio Anguiano e Carlos Aguirre sono concordi nell'affermare che questi governi non hanno niente di sinistra, sono spesso dichiaratamente neoliberisti o al massimo social liberisti e soprattutto non sono liberi né da corruzione né da clienteralismo. La giornata si conclude con il Subcomandante Moisés che invita tutti ad appoggiare i migranti, tra i soggetti più colpiti dalla repressione neoliberista.

Il terzo giorno del seminario "I muri del capitale, le crepe della sinistra" ha visto la partecipazione in qualità di relatori di Paulina Fernández, Magdalena Gómez, Alicia Castellanos, Luis Hernández Navarro e del Subcomandante Galeano. Durante questa sessione si è affrontato il tema della proposta dell'EZLN e del CNI di candidare una donna indigena alle elezioni presidenziali del 2018. Per Paulina Fernandez la sinistra elettorale è stata cooptata e integrata al sistema politico messicano, abbandonando principi e valori. La proposta dell'EZLN e del CNI non può quindi dividere una sinistra già frammentata. Secondo Alicia Castellanos le critiche della classe politica verso la proposta della candidata indigena evidenziano razzismo e sessismo latente e ignoranza e disinformazione rispetto all'EZLN, al CNI, alle autonomie e al Consiglio Nazionale Indigeno.

Luis Hernandez Navarro ha messo invece in risalto le lotte e i movimenti che in tutto il territorio nazionale resistono al capitalismo. Un ruolo fondamentale, non solo in Messico, lo giocano le donne: “La colonna vertebrale di tutti i movimenti contro il capitalismo e lo stato sono le donne”. Tra i tanti soggetti in resistenza, oltre al movimento femminista che vive in questo periodo un'importante stagione di lotta nelle pratiche del "ni una menos", ci sono il movimento indigeno e le resistenze socioambientali, il movimento studentesco, il movimento degli insegnanti, il movimento per la presentazione con vita dei desaparecidos, cresciuto e rafforzatosi con la vicenda Ayotzinapa. Le parole conclusive della terza giornata di seminario sono state del Subcomandante Galeano, il quale ancora una volta segnala che il desiderio degli zapatisti è di rendere la loro lotta internazionale, visto che dolore, rabbia e ribellione non hanno frontiere e che la lotta contro il capitalismo è da intendersi come lotta mondiale.

L'ultimo giorno di seminario sono intervenuti Christian Chávez, Carlos González e María de Jesús Patricio Martínez (tutti e tre del Congreso Nacional Indígena), Pablo González Casanova e il Subcomandante Insurgente Moisés. La quarta e ultima giornata del seminario è entrata nel merito della proposta di candidare una donna indigena alla guida del paese. Per Christian Chavez il paradiso capitalista di pochi è basato sulla distruzione di tutto il resto; questa distruzione si dà attraverso le "quattro ruote" del capitalismo: disprezzo, spoliazione, sfruttamento e repressione. Questa è la realtà delle comunità indigene, attaccate dalle imprese multinazionali estrattive, dallo stato e dal crimine organizzato. La proposta dell'EZLN e del CNI si propone di passare al contrattacco. Carlos Gonzalez segnala che la guerra che vivevano i popoli originari la vive ora tutto il paese. Per questo è il momento di lanciare un’iniziativa capace di costruire un’alleanza tra tutti i popoli sfruttati ed emarginati. Alcuni obiettivi di questo processo sono infatti: rendere pubblica la guerra contro i popoli indigeni; rendere pubblici i problemi dei popoli indigeni e fare in modo di collocarli nell’agenda politica nazionale; dare protezione ai membri del CNI e delle altre resistenze colpiti dalla repressione; fare in modo che il CNI cresca come forza di fronte alla minaccia dello stato; creare uno spazio di dialogo tra indigeni e non indigeni, tra popoli sfruttati che si definiscono anticapitalisti. EZLN e CNI tenteranno l’incursione formale nel processo elettorale, tuttavia senza cadere nella trappola del voto fine a sé stesso ma utilizzando la campagna elettorale come tribuna per denunciare e generare un processo organizzativo nazionale e internazionale, anticapitalista, dal basso a sinistra. 

"La struttura di questo paese è pensata senza le donne." Maria de Jesús Patrucio Martínez (del CNI) ha aperto così il suo intervento, ponendo poi l'accento sul ruolo della candidata indigena nella lotta di genere. A chiusura il sociologo Don Pablo González Casanova, ha affermato che la lotta dell'EZLN è l'inizio di un progetto di democrazia universale. La conclusione dei lavori è del Subcomandante Moisés. Il portavoce dell'EZLN afferma che è necessario sotterrare il capitalismo; ma per fare questo indigeni e non indigeni devono unirsi e organizzarsi. È questo in definitiva che la proposta dell'EZLN e del CNI cerca: non voti ma organizzazione, una trama di resistenze e ribellioni capace di affrontare l'arrivo della tormenta, che già incombe sulle nostre vite e che promette di essere sempre peggiore.

Elenco video degli incontri:

12 aprile sessione 1 https://youtu.be/PIVMKa7vw-8

13 aprile sessione 2 https://youtu.be/VF-3qJVEKh4

13 aprile sessione 3 https://youtu.be/1pVXpno4NpE

14 aprile sessione 4 https://youtu.be/Xwe_FWx4kTM

14 aprile sessione 5 https://youtu.be/YPi5Mt9XPPQ

15 aprile sessione 6 https://youtu.be/MZSgxtrAzT0

*** È attivista del Centro Sociale Rivolta di Marghera e dell’associazione Ya Basta! Êdî bese! con cui ha organizzato numerose carovane in Messico e collaborato alla realizzazione di progetti di solidarietà con le comunità indigene zapatiste, tra i quali il progetto El Estadio del Bae, Agua Para Todos e Que corra la voz. Saltuariamente racconta su Sportallarovescia il doping nel ciclismo. Nel tempo sottratto alla libertà dal capitalismo, fa l’educatore a ragazzi con disabilità. Quando può cammina domandando per il mondo...

Bookmark and Share