Iran - Cosa c'è dietro a "pane, lavoro, libertà"?

6 / 2 / 2018

Intervista con Soheil Asefi, giornalista e accademico di sinistra, indipendente, di New York City. Ha studiato Scienze Politiche presso la New School for Social Reserch. È stato temporaneamente rilasciato su cauzione dalla prigione di Evin di Teheran nel 2007 e questo gli ha impedito di continuare il suo lavoro e la sua istruzione in Iran. Durante l'esilio, ha scritto ampiamente sull'agire politico, i diritti umani internazionali, l'imperialismo e le dimensioni della neoliberalizzazione in corso in Iran.

Qual è la principale differenza tra il movimento dell’Onda Verde esploso nel 2009 e le recenti proteste in Iran?

La principale differenza tra "il Movimento Verde" nel 2009 e le recenti proteste, battezzate con lo slogan "pane, lavoro, libertà" che stanno insorgendo consiste nella presenza significativa dei poveri urbani nelle strade di tutto il paese; in effetti è stato un fenomeno unico nella storia dell'Iran che un'ondata di proteste si sia diffusa spontaneamente e simultaneamente nelle piccole città e nelle grandi città, 70 o 80, secondo i rapporti non verificati, attraverso tutte le province del paese. Un'altra differenza riguarda la direzione degli slogan; uno di questi ad esempio è: "riformisti, conservatori, la storia è finita!" (“eslaahtalab, osoulgara, diga tamoome maajera”), che è stato sentito molte volte nelle strade dell'Iran è molto significativo ed  è come un punto di svolta nelle recenti agitazioni; indica la frattura insanabile del cosiddetto riformista-principalista, nella lingua gramsciana il "blocco storico". 

Qual è il significato ed il ruolo degli agenti di cambiamento di regime in questa circostanza?

Beh, diventando "esperti dell'Iran" in questo periodo più o meno come un manager di marketing, molti di questi esperti sono ovviamente i dipendenti di questo e di quel think tank occidentali che vengono pagati per produrre quel genere di cose secondo l'ordine del giorno dei loro datori di lavoro specifici; c’è chi parla di forze "moderate" all'interno del sistema  per promuovere una "riforma" e estendere le politiche di investimento straniere dirette o chi  tende avallare ad imporre più sanzioni con il pretesto della violazione dei diritti umani in Iran, e c’è persino chi sostiene un intervento diretto da parte dei militari per "cambio di regime".  Il modo in cui i media mainstream in Occidente hanno messo in risalto lo slogan reazionario di alcuni dei manifestanti come "Né Gaza, né il Libano, do la mia vita all'Iran" indica come gli agenti del regime hanno pescato in acque agitate. Come sapete, il piano di Washington per la transizione politica coinvolge sia la forza intelligente che quella dura, sia i finanziamenti coperti che quelli segreti. Abbiamo avuto le stesse esperienze in Venezuela, ad Haiti e Cuba, e prima in Nicaragua e più o meno nella cosiddetta Primavera araba. In questi paesi, le élite neo-liberali sono sostenute da programmi di intervento politico. Quindi, quando si tratta dell'Iran, gli informatori del paese a cui è concesso il potere di parlare per "il loro popolo" e di "spiegare" la propria cultura e politica ai gruppi dominanti sono stati molto attivi; per esempio quelli della sede bilingue finanziata dagli Stati Uniti, “IranWire”, sono sicuramente ottimi esempi per questo tipo di agenti. Sia dalla The BBC Persianan e VOA and Manoto tv alla nuova TV satellitare finanziata dai sauditi a Londra Iran International con un lucroso salario per i loro ex dipendenti "riformisti" che hanno aderito al club di cambiamento del regime. Molti di loro come Manoto e la BBC Persian and Voice d'America hanno anche contribuito alla nostalgia sbidita per l'era Pahlavi che si può ritracciare negli slogan del popolo. Complessivamente, sarebbe ingenuo sottovalutare l'agenda specifica degli attori come Dark Prince o Ayatollah Mike, le operazioni dell'Iran di C.I.A. e il governo israeliano e saudita nelle recenti agitazioni. 

Qual è la composizione sociale e I maggiori claims da parte dei soggetti che protestano?

Abbiamo ancora bisogno di maggiori informazioni e dettagli precisi sulle recenti proteste per dare una solida analisi. Il vice della sicurezza del ministero dell'Intelligence afferma che il 90% degli arrestati ha meno di 25 anni, cosa significa? Oltre ai punti importanti sulle regole implicite del gioco che hanno formato il contratto tra stato e società, questo significa che sono nati durante la presidenza di Rafsanjani, noto come il padre del neoliberismo in Iran negli anni '90, quindi sono appena abbastanza grandi da aver preso significativamente parte dopo le elezioni del 2009. Quindi i reclami dei manifestanti sono stati ragionevolmente chiari e hanno seguito una specifica continuità storica: sono iniziati con l'opposizione all'aumento dei prezzi dato che i prezzi alimentari di base sono schizzati alle stelle nelle ultime settimane. Queste proteste più ampie giunsero all'indomani di una serie di proteste da parte dei lavoratori in opposizione alle perdite di posti di lavoro, in particolare gli operai di Ney Shekar nella provincia di Khouzestan. Il prezzo dell'uovo è aumentato del 40% in pochi giorni. La disoccupazione di massa è peggiore nelle province in cui sono iniziate le proteste, il tasso di inflazione è fuori controllo e come risultato della relativa diversità dei media interni gli iraniani sono a conoscenza di scandali multimiliardari di corruzione in tutte le fazioni del regime, sia il governo di Rouhani che gli anziani ayatollah associati a fazioni più conservative del sistema. A luglio di quest'anno, Mohammed Mukhaber, un alto funzionario della Repubblica islamica in merito alle imminenti "disastri legati alla sicurezza e alla sicurezza sociale" ha detto, "la situazione in Iran ha raggiunto un livello pericoloso, dove abbiamo 12 milioni di persone che vivono al di sotto della soglia di povertà assoluta e 30 milioni di cittadini che vivono al di sotto della relativa soglia di povertà. Il numero totale di coloro che vivono intorno o sotto il livello di povertà è ovviamente molto più alto, raggiungendo il 40% delle famiglie secondo alcune relazioni”.

 Quindi, le politiche neoliberali attuate da Rouhani in questi anni hanno causato il malcontento delle recenti proteste.

Non è limitato solo al governo di Rouhani. I Piani di Aggiustamento Strutturale del Fondo Monetario Internazionale sono iniziati con il padrino di Rouhani, Hashemi Rafsanjani in Iran dopo la fine della guerra Iran-Iraq negli anni '90. Fu il fondatore di una politica economica neoliberale che danneggiava lavoratori e poveri e questa politica è stata seguita da tutti i successivi governi dell'Iran fino ai giorni nostri. Sulla stessa falsariga, quando si tratta delle cause, la mercificazione della natura in Iran oggi, il tragico esempio del Karun, il fiume più grande dell'Iran, può aiutarci a ottenere un quadro migliore delle rimostranze nelle proteste; è un processo sistematico di accumulazione per spossessamento, le politiche capitaliste neo-liberiste hanno portato alla perdita del valore intrinseco della natura, influendo sugli stili di vita indigeni e funge da strumento dell'imperialismo moderno.

Puoi brevemente menzionare il ruolo degli attivisti di sinistra iraniani nelle recenti sollevazioni? 

Il fatto è che nonostante la brutale repressione della sinistra, abbiamo affrontato un'ondata di consigli sindacali negli ultimi anni, ed il fatto rilevante è che sono stati attivi durante la nuova fase delle proteste in Iran. Inoltre, l'Associazione per il lavoro degli insegnanti iraniani, di cui un numero tra questi sindacalisti sono stati imprigionati per essersi impegnati in nient’altro che attività sindacali, hanno le proprie attività organizzative;  e un'altra parte sono i Consigli Studenteschi in diverse università in tutto il paese, che sono stati anche attivi in recenti proteste: un certo numero di attivisti studenteschi di sinistra sono stati arrestati nel movimento che essi stessi vorrebbero chiamare il movimento di "Pane, lavoro e libertà". Tuttavia, non esiste ancora alcuna connessione significativa tra i nuclei degli attivisti sindacali e il corpo del movimento studentesco. Come è stato menzionato in recenti dichiarazioni da studenti di sinistra iraniani, studiosi e attivisti all'interno del paese e nella diaspora, attraverso i loro minimi mezzi di esistenza, hanno sempre criticato apertamente le riforme economiche che avvantaggiano i capitalisti a spese del la maggioranza delle persone. Non è una coincidenza che durante le proteste spontanee contro le difficoltà economiche, le forze di sicurezza abbiano lanciato una vasta ondata di arresti di sinistra.

Bookmark and Share