Tunisi - Spazio climatico al FSM

I No dal Molin lanciano la mobilitazione per il 4 maggio e da Venezia si invitano tutti alle iniziatibe No grandi navi per una laguna come bene comune dei primi di giugno

29 / 3 / 2013

I molti workshop di oggi attorno al tavolo sul Climate Change al Forun Sociale Mondiale di Tunisi dimostrano come il nodo della crisi climatica ed ecologica, degli stili di vita, dell'opposizione alle grandi opere ed alla devastazione del territorio siano temi al centro del dibattito dei movimenti europei e mondiali. Delegazioni provenienti da tutto il mondo arabo, dalle filippine, organizzazioni africane, europee, sud americane e statunitensi hanno discusso su come i cambiamenti climatici si intreccino come fattore aggravante in termini di impoverimento e migrazioni forzate per le popolazioni locali agli impatti dell'agricoltura industriale che controlla la produzione alimentare.
I noti meccanismi di land grabbing e di esclusione dalle risorse idriche con cui il controllo multinazionale dell'industria agricola gestisce la produzione aveva già spinto milioni di contadini, espropriati di ogni risorsa, verso favelas e slums delle grandi urbanizzazioni in espansione verticale nel sud del mondo. Oggi un clima reso sempre più violento e bizzarro da un modello di sviluppo insostenibile, aggiunge un elemento di imprevedibilità alla vita (ad esempio) dei paysennes africani, per cui mobilità e migrazioni rappresentano spesso l'unica possibilità di sopravvivenza.
Questi contadini, riuniti in numerose associazioni, gruppi e ONG, non si limitano a denunciare la desertificazione ed il cambiamento climatico come una delle principali ragioni del loro spostamento, ma si battono anche contro la mancanza di diritti o riconoscimenti internazionali legati a questa situazione di "rifugiati climatici". Climate Rights e Migrant's Rights viaggiano assieme. Non sono mancate infatti le voci contro un'Europa fortezza che ha ormai esternalizzato le sue frontiere, in particolare qui, nel nord Africa. 
Ma rifugiati climatici, contadini impossibilitati a vivere della loro terra e costretti ad urbanizzarsi in condizioni di estrema povertà non sono una caratteristica esclusiva dell'Africa sub-sahariana. Negli Stati Uniti ("il ventre della bestia") mesi di siccità alternati a piogge torrenziali ed uragani hanno messo in ginoicchio le zone rurali del continente, costringendo il 75% delle family farm (le fattorie a conduzione familiare) alla chiusura. Esattamente come, due anni fa, le piogge torrenziali, violente ed inaspettate in un Nord-Est impermeabilizzato da una cementificazione incontrollata hanno allagato Vicenza e la terraferma veneziana, causando milioni di euro di danni.
E di Vicenza si è parlato anche nel pomeriggio, all'assemblea contro le grandi opere inutili, quando i No dal Molin hanno lanciato la mobolitazione del 4 maggio che si opporrà all'inaugurazione della base militare sede dell'AFRICOM, responsabile per le operazioni militari statunitensi nel continente africano. Le grandi opere rispondono alle stesse logiche di profitto dell'agro-business, incuranti della volontà e della salute dei cittadini, impongono un modello di sviluppo basato su cemento e consumo di suolo, di energia e di risorse, rendendo il territorio più debole sia dal punto di vista economico che ambientale. Oltre ai comitati vicentini erano presenti, tra gli altri, i comitati No TAV valsusini, quelli contro il terzo valico, i tedeschi che a Stoccarda si oppongono alla costruzione di una nuova superstrada, la S212, i francesi di Zone a Defendre Notre Dame de Landes, il luogo dove si vorrebbe costruire il più grande aeroporto di Francia ed il Comitato No Grandi Navi di Venezia che ha lanciato anche in questa sede la due giorni di mobilitazione internazionale del prossimo giugno (sabato 8 e domenica 9). Insieme le diverse esperienze di lotta ambientale hanno steso la prima bozza della "Carta di Tunisi" che verrà probabilmente ratificata domani durante l'assemblea di convergenza di tutti i tavoli di discussione sul tema ambientale. Non un'improbabile coordinamento tra diversi gruppi, quindi, ma una sorta di "carta di intenti" la costruzione di un terreno comune per tutti i comitati e cittadini che lottano contro le grandi opere e per un modello di sviluppo diverso e partecipato, per una nuova stagione di democrazia e difesa dei beni comuni.

Il 29 marzo dalle 15.00 alle 16.00

In diretta webstreaming dal Campus Al Manara Tunisi
Immagini e voci dal Forum Sociale Mondiale

Interviste e contributi live a cura di GlobalProject - DinamoPress - Un Ponte per .. - A Sud - Carovana Libertè e Democratiè

Servizio ed interviste realizzate da Globalproject in collaborazione con DinamoPress

Per contatti in Tunisia:

Globalproject 0021692201225

Carovana Libertè e democracie 0021699998375

Bookmark and Share

Tunisia - Malika - La situazione in Kenya

Tunisia - Julie Enlson Peace Action