Amburgo 25-28 settembre

The Art of Being Many

Movimenti e artisti insieme per costruire un'assemblea di assemblee.

22 / 9 / 2014

S.a.L.E.-Docks, assieme ad altre realtà e italiane e internazionali, sarà presente ad Amburgo per il meeting europeo: “The art of being many".

Dal 25 al 28 settembre 2014 artisti, attivisti, ricercatori e partecipanti da tutta Europa (e oltre) si troveranno ad Amburgo per una assemblea di assemblee. 

Attraverso la condivisione di esperienze di movimento per la democrazia reale e di sperimentazione artistica, cercheremo di esplorare nuovi modi di stare assieme: uno sguardo collettivo dentro la materialità, la temporalità, l'agenda, i desideri e le catastrofi dell'essere in tanti. 

Molti di noi si incontreranno per la prima volta, ma tutti abbiamo qualcosa in comune: siamo stati testimoni di momenti assembleari che hanno reso importante la parola “democrazia”. Le occupazioni delle piazze e le assemblee di quartiere dei movimenti sociali possono non avere portato il cambiamento che speravamo, ma sono stati il catalizzatore per una nuova arte dell'essere tanti.

A Kampnagel Internationale Kulturfabrik, geheimagentur, WAV e altri artisti di Gängeviertel Hamburg, FREIFUNK, Showcase Beat le Mot and the PHD-Program‚ Assemblies and Participation’ costruiranno uno spazio assembleare ed un camp per ospitare i molti presenti. 

Qui l'assemblea diventerà un laboratorio di se stessa: un collettivo di amici ed estranei con molte voci e corpi, inclusi quelli dei fantasmi e delle cose. 

Prima che l'assemblea pubblica abbia luogo 120 persone si divideranno in gruppi per focalizzarsi sulle diverse parti in cui l'evento sarà suddiviso: “materialità e decisione”, “temporalità e interruzioni”,” blocchi e panico”, “moda e voodoo”, “suono, sistemi e voci”, “finzioni reali”. Sommate, queste diverse sessioni formeranno un'assemblea di circa 400 persone della durata di 2 giorni, da mezzogiorno a mezzanotte. 

In quest'assemblea di assemblee, l'incontro non è pensato come una serie di presentazioni individuali. E' pensato per concentrarsi su ciò che può essere fatto insieme. Non c'è pubblico, non ci sono performers, ci sono solo coloro i quali parteciperanno all'assemblea durante i due giorni. 

Probabilmente non saranno due giornate di grande importanza o il momento dell'esplosione di una nuova estetica. No. Correremo il rischio di rattristarci assieme – ricordando battaglie perdute. 

Potremmo essere molto stanchi. In ogni caso proveremo a costruire un'assemblea nel modo che più ci piace, per un paio di giorni o per quanto sarà necessario.

Per maggiori informazioni e per il programma dettagliato visita il sito di the art of being many

Bookmark and Share