Mediterraneo

41 risultati Rss Feed
Il caso Iuventa tra ritorsioni, regime dell'odio ed interessi neocoloniali

Il caso Iuventa tra ritorsioni, regime dell'odio ed interessi neocoloniali

Eseguita l'ordinanza del GIP di Trapani mentre Camera e Senato approvano le operazioni richieste dal governo di Tripoli

2 / 8 / 2017
Ha il sapore della ritorsione la lunga giornata conclusa con il sequestro della motonave Iuventa, gestita dalla ONG tedesca Jugend Rettet, una delle 6 che non hanno sottoscritto il codice di condotta stilato dal governo italiano la scorsa settimana. Intercettata al largo di Lampedusa durante la notte e scortata in porto da un imponente dispositivo navale di motovedette della ... »
Diario di bordo: la nave Iuventa tra Guardia Costiera libica ed esercitazioni durante l’attesa

Diario di bordo: la nave Iuventa tra Guardia Costiera libica ed esercitazioni durante l’attesa

Salvare vite in mare, oltre ad essere un dovere etico ed umanitario, è un chiaro atto politico

30 / 7 / 2017
Pubblichiamo, tratto da Melting Pot, un nuovo report di Tommaso Gandini, attivista di Overthefortress imbarcatosi sulla nave Iuventa, impegnata in operazioni SAR nel Mar Mediterraneo.E’ pomeriggio inoltrato, il sole alto sopra le nostre teste senza nuvole a coprirlo. Solamente un forte vento verso Sud impedisce ai barconi di lasciare la Libia, ma questo non impedisce a noi ... »
La campagna Overthefortress salpa con la nave Iuventa di Jugend Rettet

La campagna Overthefortress salpa con la nave Iuventa di Jugend Rettet

22 / 7 / 2017
Dal 24 luglio Tommaso Gandini sarà a bordo della nave umanitaria Iuventa di Jugend Rettet e.V., impegnata in operazioni SAR nel Mar Mediterraneo. La macchina del monitoraggio e del soccorso dal basso dei migranti assume sempre più forza, sia per costruire un’alternativa all’indifferenza della governance europea, sia per contrastare quelle forze politiche che incitano o ... »
La nave Iuventa e l'Europa dell'accoglienza dal basso

La nave Iuventa e l'Europa dell'accoglienza dal basso

8 / 8 / 2016
Due giovani di Berlino, Jakob Schoen, 20 anni, e Lena Waldhoff, 23 anni, nell’aprile del 2015, dopo aver appreso dell’ennesima drammatica morte nel mare nostrum da parte di migranti partiti dalle coste africane per raggiungere l’Europa, decidono di mettere in piedi l’associazione Jugend Rettet. Obiettivo: dotarsi di una barca per pattugliare il mare e salvare migranti. ... »
Voci dal Messico sulle morti in mare - Cuento Breve sobre numeros y nombres

Voci dal Messico sulle morti in mare - Cuento Breve sobre numeros y nombres

di El Lobo Loco

6 / 10 / 2015
C'era una volta, in un luogo indefinito, un pueblo polveroso...Voce fuori campo del lettore attento e pignolo: -Scusi la domanda, ma questo pueblo non c'è più?-Autore dilettante e attonito: -Si esiste ancora, ma si usa iniziare le favole in questa maniera-Lettore insoddisfatto e pignolo: -Se tuttavia esiste, mi scusi, non può proprio dire “c'era una volta”, altrimenti ... »
La storia di Ayaz è la storia di tutti e tutte!

La storia di Ayaz è la storia di tutti e tutte!

6 / 9 / 2015
Ayaz Morad. Giovane ragazzo curdo, politicamente con l'YPG. I suoi fratelli stanno ancora combattendo in Rojava. È in viaggio con la sorella minore dal 13 agosto. È passato dalla Turchia,naufrago nella traversata in gommone verso Kos e recuperato dagli elicotteri dopo 12 ore in mare. Ha bucato quasi tutti i confini dell'Europa balcanica, compresa la Macedonia. È ... »
Reggio Emilia - Basta morti in mare: apriamo canali di accesso regolari!

Reggio Emilia - Basta morti in mare: apriamo canali di accesso regolari!

Città Migrante, Laboratorio Aq16, Casa Bettola

22 / 4 / 2015
Erri de Luca dichiarò parlando dell’immigrazione dal cimitero di Lampedusa durante il programma Che tempo che fa del 20 maggio 2009: “I poteri hanno visto nelle isole dei luoghi di reclusione, hanno piantato prigioni su ogni scoglio: il mare nostro brulica di sbarre”.Ricordiamo le parole dell’ex direttore esecutivo di Frontex, dopo la chiusura delle operazioni di Mare ... »
Condannati a morte

Condannati a morte

Dopo la strage del 19 aprile nelle acque del Mediterraneo, la retorica politica italiana ed europea specula ancora una volta sulla parola “solidarietà” per rafforzare il regime dei confini.

Utente: Maurilio
22 / 4 / 2015
700 morti. Una strage senza precedenti. Le parole pesano come macigni davanti a eventi del genere. Solo nel 2014 sono ufficialmente decedute (ma il numero sarà molto più alto) 3419 persone nel tentativo di passare dal nord Africa in Europa via mare, una media di 9 al giorno. Il Mediterraneo è un cimitero di corpi e barconi. Davanti a un evento del genere risultano ... »
Cominciamo da un minuto di silenzio

Cominciamo da un minuto di silenzio

19 / 4 / 2015
Da studentesse e studenti, appartenenti ai collettivi delle scuole, proviamo a prendere parola sull'ennesima "tragedia annunciata" del mediterraneo, per dire innanzitutto che non abbiamo alcuna voglia di assistere alle ennesime parate di ipocrisia dei governi nazionali e delle autorità comunitarie che nelle prossime ore certamente si recheranno sul lembo di terra più vicino ... »
Reggio Emilia - Io sto con la sposa

Reggio Emilia - Io sto con la sposa

Nota a cura dell'Associazione Città Migrante

11 / 10 / 2014
Venuti a conoscenza della realizzazione di questo progetto cinematografico, abbiamo partecipato alla campagna di crowdfunding, insieme a tanti altri nel mondo ed in particolare con alcune realtà del nostro territorio , affinché il film-documentario “Io sto con la sposa” potesse essere prodotto e visto da più persone possibili, anche nella nostra città. Lo abbiamo fatto ... »
1 2 3 4 5   »     Pagina 1 / 5