Nell' Assemblea della sinistra al Brancaccio Tomaso Montanari aveva definito la guerra in Kossovo illegale e l' aveva inserita tra gli errori del centro sinistra degli ultimi venti anni. D' Alema era presente in platea ed ha replicato dalle pagine del manifesto.

D' Alema a Montanari: " Guerra in Kossovo illegale ? Chi ripete l' accusa ingiuria. "

Utente: MarcoPalombo
20 / 6 / 2017

D'Alema a Montanari:"Guerra in Kossovo illegale ? Chi ripete l' accusa ingiuria"

D%2527Alema.jpg

www.lecorvettedellelba.blogspot.it

Tomaso Montanari al Brancaccio ha definito illegale la guerra in Kossovo portata avanti dall'Italia sotto la guida dell' allora premier D'Alema.

Le parole esatte riportate dal manifesto sono nel testo di questo post, quelle del titolo del post sono mie. E credo che non stravolgano quello che è scritto sul giornale.

Diffondo intanto la notizia di questa piccola polemica tra D'Alema e Montanari sulla guerra in Kossovo del 1.999. Sicuro che nessuno vorrà approfondirla. Da settimane sto segnalando l'assenza completa del tema della guerra dal percorso iniziato dopo l'appello di Anna Falcone e Tomaso Montanari. Ed e' bastato un piccolo accenno di Montanari alla guerra in Kossovo a suscitare la reazione di D'Alema.Insomma parlare di guerra è difficile per la sinistra, ma non accettiamo in silenzio la rimozione di un tema che sta travolgendo in questi anni milioni di persone e cambia anche la vita delle città occidentali.Intervista a Massimo D’Alema di Daniela Preziosi su Il manifesto del 20 giugno 2017. A pag. 4 del giornale, in evidenza,“Dico a Montanari che in Kosovo non c’e’ stata guerra illegale. L’ accusa è decaduta, chi la ripete ingiuria. Se davvero vuole unire eviti battute a caso.”Nell’ articolo:…«Da vecchio militante ho una certa esperienza di assemblee, in questa c’era un po’ di estremismo. A partire dall’introduzione di Tomaso Montanari», spiega a chi gli chiede  un giudizio. C’è dell’ironia. Ma la questione è  seria. D’Alema era in prima fila, a un passo dal palco, quando il combattivo giovane studioso ha elencato le colpe del vecchio centrosinistra. E, nel lungo elenco, ha scandito  «la guerra illegale in Kosovo».  D’Alema, che era il presidente del consiglio in quel marzo ’99, non ha mosso ciglio. Ma ora replica: «Vorrei spiegare a Montanari che di questo fui accusato da un gruppo di giuristi. Poi la Cassazione emise una sentenza che archiviò tutto riconoscendo la piena legittimità del mio agire». Perché, spiega, l’art.11 della Costituzione dice che «l’Italia ripudia la guerra» eccetera, «ma poi anche che consente alle limitazioni di sovranità necessarie agli obblighi derivanti dai trattati internazionali». La conclusione è tagliente: «L’accusa è decaduta, se lui la rilancia è una calunnia».Non che intenda passare alle carte bollate, l’ex presidente del consiglio. Ma «il mondo è complesso, prima di parlare meglio informarsi, non ci si aspetta da un illustre storico dell’arte una sortita inutile e dannosa. Non si fanno battute a caso, tanto più se si lavora ad unire la sinistra». Segue racconto dei suoi ritorni in Serbia, dei giovani che lo hanno ringraziato perché quella guerra fu l’inizio «del ritorno alla libertà». Ma questa sarebbe un’altra storia……
…..«sono diventato buono, so che i giornalisti hanno nostalgia del D’Alema cattivo ma invece, vede, ho ascoltato quelle calunnie sul Kosovo e sono rimasto seduto. In altri tempi mi sarei alzato e me ne sarei andato. A proposito, andrò a piazza Santi Apostoli il primo luglio, lo considero un mio dovere di militante».

Bookmark and Share