Nella Giornata della Memoria, per ricordare tutte le vittime del Nazi-Fascismo, contro il razzismo!

Fermiamo la discriminazione dei rom!

Fermiamo la discriminazione dei Rom: mercoledì 27 gennaio, Giornata della Memoria

26 / 1 / 2010

Mercoledì 27 Gennaio 2010

PRESIDIO CON PROIEZIONI, INTERVENTI DELLE ASSOCIAZIONI E DELLA SOCIETA’ CIVILE, TESTIMONIANZE DIRETTE DELLA COMUNITA’ ROM

Rho - Piazza Visconti - h. 21:00


L’Amministrazione Comunale di Rho, nei giorni scorsi, ha allontanato, con un provvedimento illegittimo, un adulto rom, quasi ridotto alla cecità e sottoposto a dialisi, privandolo dell’unica cosa che gli rimaneva, un tetto riscaldato sotto cui abitare, seguito, a soli pochi giorni di distanza, dallo sgombero di alcune famiglie abitanti in via Magenta. A queste ultime sono stati confiscati i terreni e abbattuta la casa in cui abitavano, lasciando per strada tutti i bambini che frequentavano regolarmente la scuola dell’obbligo. Infine, venerdì scorso, contraddicendo a tutto quello che finora era stato affermato nei confronti dei legittimi abitanti di via Sesia e smentendo lo stesso progetto comunale finanziato dallo Stato per l’integrazione di queste famiglie, c’è stato il tentativo di allontanare una parte di essi, minacciandoli di portarli in Questura per la verifica, già nota, di ogni posizione personale per le quali sono in corso da tempo interventi di regolarizzazione. Solo l’indizione di un Presidio di forze politiche e sociali, a testimonianza di un’attiva mobilitazione contro la violazione di diritti fondamentale delle persone, ne ha impedito l’esecuzione. Queste gravi operazioni con dispiego di ingenti forze di polizia, fanno seguito all’approvazione da parte della Giunta di un documento inqualificabile di “schedatura” di tutti i rom presenti sul territorio che, come tutti gli atti concernenti la privacy di ogni singolo cittadino dovrebbe rimanere riservato e che, viceversa, è stato reso “pubblico”, violando ancora una volta le normative in materia. Ci chiediamo che senso abbiano i fondi ricevuti dallo Stato, un finanziamento di oltre un milione di euro da utilizzare solo per cercare di eliminare dalla città di Rho i Rom presenti. A queste pratiche inqualificabili ancorchè illegittime, in molti casi, sul piano dello stesso diritto amministrativo che regola il funzionamento della pubblica amministrazione a tutela di tutti i cittadini, si susseguono dichiarazioni razziste di vari esponenti politici della maggioranza che amministrano la città, diffamatorie ma anche inneggianti a “soluzioni violente”. Nella “Giornata della Memoria” l’amministrazione di Rho ricorda l’Olocausto, ma al tempo stesso nella pratica quotidiana continua una preoccupante escalation di fatti e una progressiva deriva culturale che ci riporta alla memoria che tra le vittime del nazismo c’erano anche loro, i rom. Oggi, per le condizioni sociali e giuridiche in cui sono costretti a vivere, gli “ebrei” d’Europa sono i “rom”, sottoposti a continue vessazioni e politiche discriminatorie. Ricordare la tragedia della Shoah, ma anche tutto quello che l’ha preceduta in Italia con la promulgazione delle Leggi Razziali, vuol dire assumersi la responsabilità di denunciare chi continua a subire politiche pubbliche che producono solo atteggiamenti violenti, razzisti, discriminatori rivolti ad una specifica categoria sociale “gli zingari”, e più in generale tutti gli stranieri, non riconducibile alle responsabilità soggettive. Per ricordarlo a tutto il Consiglio Comunale e alla cittadinanza, mercoledì 27 gennaio 2010 dalle ore 21,00, in occasione della Giornata della Memoria, si terrà un presidio a Rho in Piazza Visconti, di fronte al palazzo comunale.


NELLA GIORNATA DELLA MEMORIA
PER RICORDARE TUTTE LE VITTIME DEL NAZIFASCISMO
CONTRO IL RAZZISMO NELLA CITTA’ DI RHO
FERMIAMO LA DISCRIMINAZIONE DEI ROM



Comunità Rom di Rho, Opera Nomadi, Centro Sociale SOS Fornace (Rho-Pero), PRC (Rho), Collettivo Oltre il Ponte (Nerviano), Comunisti - Sinistra Popolare (Rho), Coordinamento Nazionale per la Jugoslavia ONLUS

Bookmark and Share