#18M da Bologna a Francoforte: per un'Europa libera dal debito e dall'austerity

Inizia il countdown verso Francoforte. Info per i pullman da Bologna.

2 / 3 / 2015

Il 18 marzo saremo a Francoforte per la giornata transnazionale lanciata dalla coalizione Blockupy in occasione dell'inaugurazione della nuova sede della BCE. Da Bologna partiremo in pullman, così come da molte altre città italiane. Vogliamo essere in tante e in tanti a Francoforte, per attraversare quelle strade contro le politiche d'austerity dettate dalla BCE, dalla Commissione Europea e dal FMI, e per costruire una nuova Europa che parla di democrazia, di diritti sociali, di finanziamento del welfare, un'Europa che vuole cambiare e alzare la testa. Vogliamo farlo insieme!

Da oggi è iniziato il countdown verso il 18 marzo: questa mattina in contemporanea ad altre città italiane da Bologna abbiamo annunciato la mobilitazione verso il 18 marzo a Francoforte, appendendo striscioni dalle Due Torri con il Laboratorio dello Sciopero Sociale, mentre in contemporanea eravamo a Cesena a bloccare i cancelli dell'AsterCoop insieme ai lavoratori in sciopero e all'ADL Cobas.

Per info partenza da Bologna:

348 5416001

tpo@mail.com

sciopero.socialeBo@gmail.com

Appello Blockupy

Appello Comune d'Europa

 Declaration Social Strike

Segui la pagina FB della "Commune of Europe"

Leggi il comunicato del Laboratorio bolognese per lo Sciopero Sociale:

In contemporanea con altre città italiane, il Laboratorio dello Sciopero Sociale di Bologna ha annunciato oggi la mobilitazione verso il 18 marzo a Francoforte, quando precarie e precari da ogni parte d'Europa saranno di fronte alla BCE per chiedere chiaramente: cosa avete fatto alla Grecia? Cosa state facendo dell’Europa? E non accetteremo una risposta tecnica qualsiasi. Il tempo del governo tecnico della crisi, il tempo dell’austerity come “scelta obbligata”, è ormai concluso. Mai come ora è chiaro che le misure imposte dalla Troika sotto il segno di una necessità ineluttabile sono il prodotto della precisa scelta politica di trasformare l’Europa in uno spazio nel quale la precarietà del lavoro e della vita, la disoccupazione e l’occupabilità permanenti sono la condizione normale a cui sono destinati milioni di uomini e donne. Mai come ora l’Europa è l’orizzonte minimo della nostra azione politica. I risultati delle elezioni greche hanno fatto vacillare, sotto la spinta delle rivendicazioni sostenute dai movimenti negli ultimi anni, l’apparente inespugnabilità della Troika, hanno portato un nuovo vento d’incertezza e una tensione positiva all’interno della quale vogliamo far sentire la nostra voce. Gli Strikers porteranno a Francoforte la scommessa e il progetto di uno sciopero sociale transnazionale. 

FOLLOW THE STRIKERS! STRIKE BCE!

Bookmark and Share

Gallery

Da Bologna verso il 18 marzo a Francoforte