Conclusioni dell'assemblea dei movimenti all'interno di "Europa oltre l'Europa"

Testo approvato a Venezia 25 maggio S.A.L.E Docks

26 / 5 / 2013

Versione inglese

Più di 200 persone hanno costruito l'assemblea Europea dei movimenti al S.a.L.E. Docks in chiusura della due giorni l'Europa oltre l'Europa, promossa da Globalproject e European Alternatives.
200 persone dalla Spagna alla Francia, dall'Italia alla Grecia, dalla Estearn Europe alla Tunisia, per continuare a costruire una prospettiva Europea sulle tracce di quel cammino collettivo che ci ha portato da Madrid a Francoforte a Brussels, dai movimenti Occupy ad Agorà a Blockupy. E che ci porterà oltre le soggettività che esistono e lottano nei territori, verso la costruzione di qualcosa di più ampio e capace di federare le diversità in progetti di coalizioni ampie.

Il tema di questa due giorni, ricca nelle sue articolazioni teoriche della prima sessione e nell'affrontare i nodi “sporchi”, contraddittori ma reali dell'hacking istituzionale nella seconda, è la ricerca di un conflitto costituente.

Ovvero di una lotta multilivello contro ciò che abbiamo chiamato eurocrazia e, nel contempo, la costruzione dal basso e senza soluzione di continuità di un alternativa nello spazio politico europeo e mediterraneo.
Ovvero di conflitti vivi che hanno corpi, forza e voce là dove la crisi e il capitalismo finanziaro colpiscono.

Dobbiamo e possiamo essere la risposta alla crisi, possiamo essere la parte che reclama reddito e protezione dell'ambiente, commons e diritto all'informazione e comunicazione indipendenti, coloro che fondano la cittadinanza europea oltre lo jus soli come il diritto di resistere all'aggressione della costituente neo-liberalista, coloro che inventano un nuovo diritto alla formazione ibridandolo con l'autofomazione e che ribaltano la precarietà in un nuovo modo di produrre ricchezza sociale con la garanzia del reddito.

Moltissime esperienze autonome e autorganizzate si stanno dando ovunque nei territori. Non dobbiamo ricominciare da capo, bensì da un enorme patrimonio di ricchezza sociale che dobbiamo avere la forza, l'intelligenza e l'arte di tramare insieme perché nessuno è autosufficiente e non possiamo auto-rinchiuderci in spazi soli e minuscoli.

Così come nel definire la nostra Europa dobbiamo uscire dalla costrizione geografica ma anche dalla costrizione che l'esistente esercita sul nostro coraggio e riconoscere definitivamente che è europeo ciò che con noi, intorno a noi e oltre noi accelera la costruzione di una cittadinanza insorgente.

Partiamo da noi per andare oltre a noi stessi senza rinunciare a ciò che siamo.

Partiamo dal blocco della BCE la mattina di venerdì 31 Maggio a Francoforte, edalle blockades del pomeriggio, partiamo dal cuore della bestia, perché l'Europa è la nostra Europa ed è insorgente.
Partiamo dalla giornata del 1 giugno, a cui la manifestazione di blockupy e il blocco anticapitalista daranno risonanza.
Partiamo dalla grande mobilitazione di Venezia il 7, 8 e 9 giugno contro le grandi navi e il furto della democrazia.
Partiamo dalle grandi assemblee e dai workshop dell'AlterSummit,  che ci vedranno impegnati a riprendere e continuare questa tessitura.

E partiamo da uno stupefacente numero di città nelle quali accadranno le più diverse e ricche mobilitazioni e conflitti nell'immediato futuro.

Come hanno detto i compagni greci, non abbiamo tempo per aspettare.

See all of us in the new assemblies. See all of us on thebarricades.

Bookmark and Share

L'Europa oltre l'Europa Seminario promosso da Globalproject e European Alternatives - Raccolta video completa delle tre sessioni

loading_player ...