Genova - Street Parade della città di sotto

Dopo lo sgombero del Buridda l'appuntamento è oggi alle 15.00 Piazza de Ferrari

14 / 6 / 2014

Dopo lo sgombero del Buridda l'appuntamento lanciato ancora alcune settimane fa si preannuncia molto partecipato e una risposta reale a chi pensa di chiudere spazi in movimento. La convocazione viaggia sui social network e nel tam-tam cittadino.

In  Street Parade della città di sotto si legge:

Da circa un mese insieme agli altri compagn* degli spazi sociali genovesi, ad artisti di ogni genere e a dj provenienti da tutta italia stiamo organizzando la Street Parade della Città di Sotto.

Abbiamo pensato a questo momento come un momento di visibilità per le vertenze, le lotte sociali che attraversano e che sono gli spazi sociali autogestiti. La città di sotto è quella che lotta e non si colloca nelle mappe rassicuranti della politica istituzionale, quella che genera cultura e riappropriazione di diritti dal basso, quella che si contrappone alla città di quelli che stanno in alto.

Proprio gli oscuri figuri, che popolano e governano la città di sopra, la scorsa settimana hanno deciso di sgomberare il LSOA Buridda uno spazio riconquistato 11 anni fa e restituito alla città di sotto per generare cultura altra, socialità demercificata e cancellare le solitudini che la città di sopra genera sempre di più.

La città di sopra dietro i suoi rappresentanti ha creduto che con lo sgombero tutto si sarebbe fermato, tutto sarebbe rientrato nei pacifici e placidi cavilli delle loro frasi fatte, delle loro espressioni di indignazione o di compassione, ma la città di sotto ha già saputo rispondere unendosi, esondando nelle piazze e liberando un nuovo spazio.

Questo sabato la street ci sarà ugualmente arricchita da un nuovo movimento e da un nuovo obiettivo ritrovare una casa al Buridda, poichè crediamo che lo strumento dell'autogestione sia l'unica risposta alla crisi economica che vuole farci pagare la città di sopra

Sabato 14 giugno street parade della città di sotto ore 15 piazza deferrari

LSOA BURIDDA

Siamo la Città di Sotto, la città degli sfruttati, degli invisibili; non andiamo in una direzione unica, e non vogliamo esser confinati nelle chiare e rassicuranti mappe della politica istituzionale.

Siamo umanità che viola le norme del controllo e combatte la crisi praticando cooperazione sociale, ribellandosi collettivamente ed individualmente alla città di sopra.

Il 14 giugno tutti insieme attraverseremo la città con una street parade delle lotte sociali riprendendoci le strade perchè mentre la città di sopra ce lo negherebbe noi ci sentiamo liberi di farlo, mentre la città di sopra ci sottrae tempo noi ce lo riprendiamo.

TENETEVI LIBERI,
LA BURIDDA NON SI SGOMBERA,
ED INVADERA' LA CITTA'!


Bookmark and Share