La Bruxelles sans papiers (non riposa mai)

Parole e immagini dalla manifestazione di sabato 25 ottobre

2 / 11 / 2015

Il 25 ottobre 2015  Bruxelles ha visto sfilare migliaia di sans papiers a fianco dei loro numerosi sostenitori. Una manifestazione organizzata dal Cordinamento dei sans papiers del Belgio per chiedere la regolarizzazione di tutti i sans papiers residenti nel paese.

Una marcia che ha dato loro la visibilità e l’attenzione che manca da parte dei media e dei politici per squarciare l’invisibilità costretta dal lavoro in nero, che rimane pilastro delle nostre economie, e dall’assenza di diritti.

Vite nascoste obbligate a  percorrere strade secondarie.

La denuncia forte è contro la politica migratoria che divide in categorie e viola i diritti umani universali perchè i sans papiers di oggi, erano richiedenti asilo in passato che aspettano ancora di essere regolarizzati, come recita il loro slogan:

"I sans papiers di oggi sono i rifugiati di ieri. I rifugiati di oggi saranno i sans papiers di domani. Tutti insieme portiamo avanti la stessa lotta.”

Attualmente sono almeno 150.000, uomini, donne e bambini, a vivere senza permesso di soggiorno legale in Belgio e a chiedere a gran voce:
-la chiusura dei centri di detenzione per migranti
-la libertà di circolazione
-la fine delle espulsioni e della criminalizzazione dei sans-papiers
-il rispetto dei diritti fondamentali come l'accesso alle cure mediche e all'educazione
-il rispetto dei diritti dei bambini 

L’agenda dei sans papiers è fitta fitta di azioni e incontri nei vari collettivi che si riuniscono nel coordinamento e con sindacati e associazioni. Una vita super attiva, che ogni lunedì inizia con un presidio davanti all’ufficio di Theo Francken, del partito nazionalista fiammingo N-Va, attuale segretario di stato  per le politiche di asilo e migrazione. Tutti i lunedì a ricordargli che sono ancora qui a chiedere documenti e diritti.

“non sono gli immigrati, non sono I sans papiers è la legge che va cambiata”

“La soluzione è la regolarizzazione”

Durante i giorni di preparazione della manifestazione è nata anche una nuova occupazione, La maison des migrants, che ha la volontà di diventare un centro sociale per i migranti, uno spazio che i sans papiers e i loro sostenitori possono costruire insieme, uno spazio di sperimentazione, d’incontro, di autonomia, di organizzazione della lotta e di solidarietà.

Una parte dell’edificio è dedicato ad un’occupazione abitativa e all'accoglienza provvisoria dei richiedenti asilo e delle famiglie senza documenti in situazione di difficoltà.  L’altra parte è dedicate alle attività di informazione / supporto / sostegno  / orientamento socio-legale dei migranti e apre le sue porte a tutta una serie di attività di sensibilizzazione della società civile. Nel cassetto ci sono proposte di dibattiti, proiezioni, laboratori, corsi di sport e non ultimo l’idea di creare un asilo per le famiglie che non ne hanno diritto.

E questo è solo l’inizio.

Bookmark and Share