La "fase 2" di Zaia: inquinare sempre di più! Via libera per l'inceneritore di Fusina

Un comunicato congiunto scritto da molte realtà locali condanna fermamente questa scelta e annuncia una battaglia determinata e radicale.

23 / 5 / 2020

Senza tener in nessun conto del parere della cittadinanza che si era espressa e dei comitati territoriali, la Giunta Zaia ha dato il via libera all’apertura del nuovo inceneritore a Fusina, località compresa nella municipalità di Marghera. Il 21 maggio scorso infatti, la “Commissione regionale VIA” ha dato parere favorevole al progetto presentato dal Gruppo Veritas e Ecoprogetto, anche in seguito alle enormi pressioni esercitate dalla “lobby dei rifiuti”, che in Veneto ha molta influenza sia nei partiti di maggioranza che nel Pd. La decisione arriva con l’emergenza sanitaria ancora in corso; un’emergenza che – al netto della propaganda di Luca Zaia sul “modello Veneto” – ha fatto al momento quasi duemila morti nella regione, stando ai dati della Protezione Civile, che da più parti vengono considerati sottostimati. Pubblichiamo un comunicato congiunto scritto da molte realtà locali che condanna fermamente questa scelta e annuncia una battaglia determinata e radicale.

La regione Veneto dà il via libera all’inceneritore di Fusina. Dobbiamo fermarli!” questa la dichiarazione secca dei comitati all’indomani della riunione del Comitato tecnico VIA regionale, e aggiungono: “Si tratta di un atto di insopportabile prevaricazione della volontà di tanti cittadini, comitati, medici, Municipalità di Marghera-Malcontenta e di alcuni Comuni, che da mesi chiedono di riaprire la discussione su un progetto calato dall’alto ed estremamente pericoloso: tre forni destinati a bruciare rifiuti provenienti da tutto il Veneto, oltre a percolati di discarica e fanghi di depurazione contaminati da PFAS. ”

Una decisione presa sulla testa della popolazione sfruttando vigliaccamente le limitazioni imposte a seguito della pandemia, ignorando tutti gli appelli  lanciati da molte parti sociali per fermare l’iter autorizzativo. Una mancata sospensione che nasconde la volontà politica, messa nero su bianco dalla decisione del Comitato Tecnico VIA regionale, di assecondare le lobby dei rifiuti che nella Regione Veneto, capeggiata dal governatore leghista Luca Zaia, supportata dal Sindaco Brugnaro e dalla finta opposizione consociativa del PD, trova i suoi servili referenti. Prova ne sia il fatto che il primo cittadino Veneziano, così come i Sindaci e i consiglieri regionali “Dem” sono tra i più agguerriti sostenitori del progetto in questione.

Con il parere favorevole della Comitato tecnico Via, al di là delle prescrizioni che saranno impartite o meno, la Regione Veneto si assume la responsabilità di una scelta sbagliata, antistorica, in contrasto con quanto richiesto dalla Comunità Europea in materia di gestione di rifiuti, e in contrasto con gli obiettivi di riduzione dei gas climalteranti indicati dagli scienziati dell’IPCC.

Il nuovo inceneritore costituisce un vero e proprio attacco ambientale e sanitario all’intero territorio metropolitano di Venezia e a tutti i suoi abitanti. Una decisione doppiamente pericolosa perché va a gravare su un territorio già fortemente inquinato da decenni di “sviluppo industriale” dissennato, e segnato tuttora dalla presenza di industrie ad alto rischio poco o per nulla controllate, come dimostra la recente vicenda della Sigma. E’ ormai chiaro quale sia il futuro che questa classe dirigente, irresponsabile e inadeguata, intende riservare al polo industriale di Marghera: un concentrato di produzioni pericolose, discariche delle peggiori scorie, e centrali elettriche “fossili”. Alla faccia dei grandi discorsi sulle bonifiche e sulla riconversione “green” dell’economia.

Ma ad essere chiamato in causa è anche il Ministro dell’Ambiente che non ha ancora risposto né ai comitati, né ad alcuni Senatori sull’attribuzione della competenza sul progetto alla Commissione VIA nazionale, e sui gravi rischi derivati dall’incenerimento dei PFAS. Un silenzio inaccettabile per i comitati, che giusto ieri sono intervenuti con una nuova lettera indirizzata al capo del dicastero Sergio Costa, per sollecitare un suo intervento in prima persona.

La manifestazione di qualche giorno fa promossa da tanti comitati e dai giovani di Friday for Future sotto la sede direzionale di Veritas, così come le tante mobilitazioni di questi anni contro le produzioni di morte e le grandi opere, dimostra come la sensibilità ambientale e la consapevolezza sulla necessità di un cambio di rotta drastico si stanno facendo sempre più largo nella popolazione.

Per il fronte ambientalista la battaglia ora entra nel vivo; la prepotenza e l’arroganza della politica, dei Sindaci e di Veritas non fanno altro che rafforzare la determinazione dei comitati a fermare il progetto per aprire fattivamente la strada verso la chiusura completa del ciclo dei rifiuti attraverso politiche di riduzione, riuso, recupero di materia. Una prospettiva tutt’altro che utopica, ma anzi a portata di mano.

Si prospettano mesi “caldi” sul piano della mobilitazione e già nei prossimi giorni i comitati invitano tutti i cittadini a partecipare ad una grande assemblea metropolitana a Marghera con l’obiettivo di definire scadenze e iniziative di lotta.

Comitato Opzione Zero, Medicina Democratica, Assemblea contro il rischio chimico Marghera, Malacaigo, AmbienteVenezia, Ecoistituto Alex Langer, Eddyburg, Cobas autorganizzati Comune di Venezia, Laboratorio Venezia, Quartieri in Movimento, Mira 2030, Friday for Future Venezia-Mestre, Forum dell’Aria, Comitato Difesa Ambiente e Territorio Spinea, Associazione Valore Ambiente, Associazione APIO, Comitato No Grandi Navi

Bookmark and Share