Milano - Sgomberato il Laboratorio Occupato Kasciavit

8 / 9 / 2020

La Questura di Milano ha eseguito qualche ora fa lo sgombero della giovanissima occupazione di via Trentacoste, dove aveva trovato casa il collettivo Kasciavit. La motivazione ufficiale dello sgombero è quella dell’emergenza Covid-19. In seguito il comunicato.

Ebbene sì, è arrivato “quel momento”che non avremmo mai voluto annunciare;

Il Laboratorio Occupato Kasciavit è stato sgomberato.

Proprio questa mattina la polizia si è presentata davanti allo spazio di via Trentacoste per restituirlo all’abbandono e al degrado.

Ha vinto quindi la politica di una città che si costruisce su deserto e pacificazione sociale togliendo il respiro, di fatto, alla spinta e alla voglia di cambiamento reale.

Il laboratorio che abbiamo provato a costruire in questi giorni era animato da passione, energia e soprattutto da volontà’ di costruire qualcosa di differente, qualcosa di energico, utile per la città’ ed alternativo. Uno spazio accessibile per tutte e tutti, dove le menti e i corpi fossero liberi di esprimersi nel modo migliore possibile. E invece, a tutto questo hanno deciso di mettere la parola fine.

Crediamo che gli spazi come L.OC.K. siano necessari all’interno di realtà’ come Milano, e che troppo spesso si cerchi invece di soffocarli, di metterli in silenzio.

Ora più’ che in altri tempi, stiamo assistendo a una precisa progettualità’ politica, che utilizza, strumentalizzandola, l’emergenza Covid-19 come ennesimo veicolo di ricatto.Abbiamo in pochi giorni dimostrato che è possibile migliorare il territorio in cui si vive; le attività di mutuo soccorso della Brigata Scighera ne sono un esempio virtuoso. Centinaia di famiglie sostenute durante l’emergenza Covid-19, decine di attivist* e volontar* in strada per mesi e tanto duro lavoro ci hanno permesso di mettere le basi per costruire un quartiere e una città migliore, scardinando dinamiche di guerra tra poveri e paura del diverso.

Nel Laboratorio, il coordinamento studentesco azadî ha trovato posto per esprimersi, costruire percorsi e attività’ affini ai propri bisogni ed utili al progredire del proprio percorso; ne e’ un esempio l’aula studio, costruita ed igienizzata rispettando tutte le norme igienico-sanitarie in soli tre giorni nello spazio. Ma lo sono anche le varie assemblee tenute durante questi giorni, i momenti di aggregazione collettiva, gli scambi e le interazioni che si sono create durante questa breve permanenza.

Tutto questo e molto altro è e sarà L.OC.K., una spinta energica che si riversa sulla città e che non si fermerà davanti a niente e a nessuno, polizia o palazzinari vari che siano. Crediamo nel valore degli spazi sociali, crediamo che, ora più che mai, siano fondamentali per aprire squarci ed evidenziare contraddizioni in questa società piatta e desertificata.

La palla ora è in mano a noi e a chi vuole provare, passo per passo, a costruire una città solidale e resistente, mettendo in gioco il proprio corpo, la propria mente e i propri valori.

Non sarà uno sgombero a bLOCKarci ma, a differenza di quello che pensa qualcuno, ci vedremo nelle strade, nelle piazze, nei luoghi di lavoro e nelle scuole. Un altro mondo è possibile, ai nostri posti ci troverete!

Bookmark and Share