Napoli - Verso Precaria: festival del precariato metropolitano

4 / 9 / 2011

Il 15 ottobre è la giornata internazionale degli “indignados” contro l’austerity e sicuramente anche in italia ci saranno mobilitazioni contro la precarietà lavorativa ed esistenziale. Già dai primi di settembre si sta finalmente riaccendendo la resistenza sociale con l’indizione dello …sciopero generale.

La nostra proposta aperta è di organizzzare dal 29 settembre al 1 ottobre, al Maschio Angioino, “Precaria”: un festival delle culture e dei soggetti del precariato metropolitano di Napoli da utilizzare per costruire insieme il dispositivo comunicativo, politico e di azione per queste giornate di ottobre.
Una tre giorni di attraversamenti, contro-narrazioni, workshop, musica, incontri, assemblee per disegnare una cartografia della precarietà nella nostra città e insieme ad essa per individuare i linguaggi, le rivendicazioni e le pratiche di un conflitto sociale efficace ad affrontarla.

La precarietà che viviamo si è fatta insostenibile e le politiche di austerity sull’onda della crisi finanziaria internazionale ricadranno pesantemente sulle nostre condizioni di vita, sui nostri diritti sociali. Il problema è sperimentare “situazioni” attraverso cui le nostre difficoltà individuali diventino invece potenza comune.
Situazioni in grado di mettere in rete e di valorizzare i processi di autorganizzazione già in atto e magari di stimolarne di nuovi.

La nostra idea di partenza è di considerare “Precaria” un esperimento in tal senso, un tutt’uno con il meccanismo costituente di queste giornate di ottobre (anche per autofinanziare le iniziative che si decideranno). Un’iniziativa a bassa soglia, aperta a tutti quelli che vogliono costruire percorsi e lotte per il diritto al reddito e ai beni comuni, contro la precarietà e la precarizzazione.

Un gruppo di attivisti (precari) napoletani

Iscriviti al gruppo Facebook di Precaria

———————————————————–
BREVE REPORT SECONDO INCONTRO:

Ci sembra che l’incontro di mercoledi 31 agosto sia andato bene! C’erano i precari della scuola, dello spettacolo, dell’informazione, gli operatori sociali, molte realtà di movimento campane, i mediattivisti, gli studenti universitari e molti altri, tanto che la sala scelta si è rivelata inadeguata e l’ultima riunione organizzativa (con ogni probabilità venerdi della settimana prossima) si terrà nell’aula magna dell’Università Orientale.
Nell’incontro si è deciso di aprire un gruppo su facebook per Precaria per velocizzare e facilitare il confronto e il coordinamento, si è scelto di attraversare i prossimi appuntamenti di contestazione della finanziaria (a partire dallo sciopero generale del 6 settembre) anche per diffondere Precaria e quello che si propone di costruire, di immaginare iniziative per rendere socialmente visibili le ragioni e gli obiettivi dei precari (ad es. all’Inps o alla circumvesuviana in smantellamento).

Ma soprattutto si è riaffermata la volontà di utilizzare le giornate di Precaria per costruire una piazza di mobilitazione permanente a Napoli nei giorni che precedono l’appuntamento internazionale del 15 ottobre. Naturalmente queste le valutazioni al 31 agosto, con la flessibilità di ridiscutere e collocare queste giornate nel flusso delle mobilitazioni che attraverseranno il paese e l’europa già nel mese di settembre contro le politiche di austerity e le loro ingiustizie sociali.
A presto un report più dettagliato.
La prossima riunione organizzativa deciderà il programma definitivo delle giornate dal 29 set al primo ottobre (e su questo tutti/e sono sollecitati a proporre i workshop alla cui costruzione ritengono di poter concretamente contribuire e ad allargare la rete di contatti per Precaria) e il calendario di occasioni per diffondere il progetto di Precaria nella cartografia metropolitana della precarietà.

Contro le politiche di austerity, contro la legge 30, per il diritto al reddito come bene comune, contro la precarizzazione del lavoro e lo smantellamento dei servizi essenziali, la distruzione dell’offerta formativa e culturale…
Per costruire dal basso reti e pratiche efficaci contro la precarietà

——————————————–
SINTESI PRIMO INCONTRO:
Nella prima riunione si è valutata una struttura di massima, che a parte il cartellone degli eventi prevede delle plenarie sul palco delle iniziative serali (I temi delle serate riguarderanno proprio le dinamiche della precarietà e della crisi nello spazio metropoltano, la sperimentazione di narrazioni e pratiche che accomunino la microfisica delle resistenze, l’uso dei social network, il ciclo di rivolte nell’area euromediterranea).
E insieme una struttura di workshop alcuni dei quali finalizzati a fare rete e coinvolgere soggettività, gruppi e individui che vivono i ricatti della precarietà, altri invece a costruire materialmente i dispositivi per promuovere e innescare la piazza napoletana nei giorni precedenti il 15 ottobre. Le scelte per i workshop prevedono la responsabilità organizzativa per i soggetti che li propongono. Questo mercoledi ci incontriamo per definire il programma. Infine il percorso che porterà a Precaria sarà esso stesso una prima mappatura “attiva” dei processi di precarizzazione e di resistenza in città. Non è più tempo di attendere! Il futuro non è scritto! Il futuro è adesso!

 

Prossima e ultima riunione organizzativa – Venerdì 9 settembre – Aula magna Matteo Ripa - Palazzo Giusso - Univ. Orientale ore 17:30

Bookmark and Share

Eventi