No Tav - 140 anni non cancellano una vita ribelle

Comunicato del cs Tpo e Labas occupato di Bologna sulla sentenza No tav di oggi

28 / 1 / 2015

Oggi si conclude il primo grado del processo sui fatti del 27 giugno e del 3 luglio 2011.

Un processo lampo: più di 50 imputati, 200 anni di carcere richiesti e una velocità impressionante nel giungere alla sentenza.

Sapevamo come sarebbe andata a finire: con poche speranze abbiamo vissuto, in questi mesi, il susseguirsi rapido delle udienze; con un occhio preoccupato abbiamo guardato alla costante criminalizzazione attuata dalla procura di Torino, la stessa che indaga Erri de Luca riportando in auge i reati di opinione, la stessa che dà vita ad un maxi processo in un'aula bunker del carcere piemontese come se gli indagati fossero pericolosi mafiosi e non attivisti e attiviste.

Sono anni che ribadiamo la nostra contrarietà alla grande opera che devasta e saccheggia un'intera valle e la sua popolazione. Un'opera ferma da tempo, attorno alla quale si è costruita una difesa ideologica da parte delle istituzioni italiane sorde alle criticità e all'inutilità di quel trasporto.

La nostra precisa scelta di campo ci è costata un compagno gravemente ferito il 3 luglio - senza che sia stato trovato il responsabile fra le forze dell'ordine, la procura di Torino ha infatti archiviato il caso- e un altro, oggi, condannato alla pesantissima pena di 3 anni e 9 mesi. Alvise è un nostro compagno: il suo impegno arricchisce da diversi anni la nostra collettività, la sua generosità ha reso possibile e sostanzia l'esperienza di Làbas.

La sentenza del tribunale di Torino dimostra, ancora una volta, quanto lo Stato sia celere e meticoloso nel punire chi si batte per tutelare ambiente e autoderminazione degli abitanti di un territorio, contro interessi e profitti di pochi.

Nella terribile esemplarità del processo e delle pene, si legge un chiaro tentativo di intimidazione nei confronti di un'intera comunità.

Noi non abbiamo paura.

Con Alvise, con Zeno, con tutt@ i condannati e le condannate: per chi ha cuore non esiste condanna!

Cs Tpo

Làbas occupato

Bookmark and Share