Siamo tutt@ No Tav!

NoTav Bus dall’Emilia Romagna alla Val di Susa

Comunicato di adesione degli spazi sociali e dei collettivi dell’ER alla manifestazione del 25 febbraio

14 / 2 / 2012

Il mattino del 26 gennaio abbiamo assistito all'ennesima meschina e chirurgica operazione repressiva attuata dalla Procura torinese che ha portato a 41 indagati, 26 ordini di carcerazione eseguiti e 11 obblighi di dimora fra i manifestanti NO TAV, in seguito a presunti reati commessi nel corso della manifestazione del 3 luglio a Chiomonte.

Quel mattino abbiamo visto riproposto un utilizzo criminoso e violento della giustizia nei confronti di chi, con i propri corpi, affermava il proprio dissenso attraverso pratiche collettive e condivise.

Per noi la Val Susa, ci teniamo a ribadirlo, è sempre stata una grandissima battaglia di difesa. Difesa del territorio, delle persone che vi abitano e del rispetto di un luogo caratterizzato da un patrimonio ambientale, storico e sociale inestimabile. Lo abbiamo ritenuto un processo di cittadinanza attiva, atto a voler ristabilire il primato delle istanze democratiche, nate dal basso, sugli interessi economici speculativi che prendono vita dietro la costruzione di opere pubbliche che poco hanno a che fare con la ripresa dello sviluppo economico e della crescita di un paese.

Grandi opere per l'appunto, come la Torino-Lione.

Opere inutili, dannose e costosissime. Inserite, per di più, in un contesto disarmante di un paese che, con l'inizio dell'anno, si è ritrovato spaccato in due dalla soppressione dei treni notturni e dal conseguente licenziamento di 800 dipendenti della Servirail, addetti ai vagoni letto. Si palesa una contraddizione ancor più inasprita a seguito degli ultimi dieci giorni di neve che hanno dimostrato la totale inefficienza del sistema ferroviario italiano. Il Governo, infatti, dovrebbe sapere che servirebbero ben altri investimenti utili a garantire la mobilità e gli spostamenti ai cittadini che già vivono enormi disagi nonostante l’aumento indiscriminato del prezzo dei biglietti.

Per dimostrare con forza che non basta la repressione coatta e la paura a dividere la valle e per esprimere la nostra solidarietà ai/alle ragazz@ arrestat@ ed indagat@, il 25 febbraio saremo ancora assieme al popolo No Tav perché la Val di Susa è un bene comune, e tale deve restare.

Il 25 febbraio tutt@ in Val Susa

Per la difesa dei beni comuni

Per dire che non abbiamo paura

La valle non si arresta! Liber* tutt*!

NO TAV BUS - Prenota il tuo posto in autobus dall’Emilia Romagna:

-          Parma:  340 8339451 // spam_parma@yahoo.it

-          Reggio Emilia: 347 9477096 // aq16.laboratorio@gmail.com

-          Bologna: 347 3203023 // tpo@mail.com - www.tpo.bo.it

-          Rimini: 333 3615648 - lab.paz@gmail.com

-          Ferrara: labsanchopanzaferrara@inventati.org

Tpo Bologna_Lab Paz Project #OccupyRimini_Casa Cantoniera Parma_ArtLab Parma_Aq16 Reggio Emilia_SaDiR Bologna_LabSanchoPanza Ferrara

Bookmark and Share