Padova - Gli antifascisti occupano la piazza concessa a Forza Nuova. Cariche di polizia e carabinieri.

8 / 9 / 2018

Intorno alle 9 di stamattina, decine di antifascisti e antifasciste hanno occupato la piazza davanti alla Prefettura di Padova. Qui era previsto un comizio indetto da Forza Nuova contro l’accoglienza e per i rimpatri dei migranti, con la presenza del leader nazionale Roberto Fiore. «Nessuno spazio ai fascisti. Diritti e accoglienza per tutti/e» lo striscione esposto in piazza, che sottolinea la volontà di fermare ogni speculazione sulla pelle dei migranti. 

Padova

«In questi giorni infatti si rincorrono le notizie delle "porcherie" fatte tra Prefettura ed Ecofficina rispetto alla gestione degli HUB di Bagnoli Cona, la cui esistenza è frutto del rifiuto della presenza dei migranti nei comuni della Provincia di Padova gestiti dalla Lega. Forza Nuova compare in città solo per buttarsi nell'onda mediatica e propagandare odio e nazionalismo. Le realtà antifasciste e antirazziste che per tutto lo scorso anno hanno dato vita alle "passeggiate antifasciste" del mercoledì hanno spiegato in una conferenza stampa il quadro della situazione e la falsa narrazione che la Lega sta dando delle proprie responsabilità amministrative». Con queste parole il centro sociale Pedro spiega le motivazioni dell’iniziativa.

Decine di poliziotti e carabinieri in assetto antisommossa si sono schierati all’interno della piazza, con la chiara intenzione di sgomberare i presidianti e di far svolgere il comizio neo-fascista. Una violenta carica ha allontanato gli antifascisti e le antifasciste, che non avevano alcuna intenzione di abbandonare la piazza spontaneamente. 

Alcune manganellate hanno colpito al volto e in testa alcuni manifestanti e uno di loro ha riportato una profonda ferita sulla fronte.

Padova

Gli attivisti si sono ricompattati subito dopo la carica e si sono mossi in corteo fino al Liston, sotto la sede del Comune di Padova, spiegando alla cittadinanza i fatti della mattinata e il contesto politico con cui sono maturati. «Padova anche oggi ha espresso una forza antifascista determinata e consapevole, ribadendo che ogni qual volta i neo-fascisti provassero ad avere agibilità, questa verrà loro negata dal basso con forza e determinazione!». Così si conclude il comunicato del Pedro sui fatti di oggi.

Bookmark and Share