Perugia-Spendi spandi spandi spendi effendi

La "CITTA' CHE VOGLIAMO", assemblea pubblica al c.s.o.a Ex Mattatoio

1 / 12 / 2014

Evidentemente alla “giunta civica” a guida Romizi piace Rino Gaetano, anche se è di sinistra. In effetti, però, con una piccola rivisitazione, seguendo i principi di questa “giunta civica”, il testo verrebbe più o meno così “SPENDI SPENDI SPENDI SPENDI E VENDI”.

Certo il contenuto è un po’ misero, ma perfettamente fedele alla linea di “governo”: una miseria!

Sei mesi in cui si è discusso e polemizzato, ma in cui ben poco si è fatto. La scusa è il retaggio della vecchia amministrazione. Quante volte l’abbiamo sentita questa. L’unica cosa che pare interessare davvero a questa amministrazione è “fare cassa”.

A discapito di cosa e di chi non importa!

Assistiamo al rimpallo tra i vari assessorati per ogni questione, ma alla fine della matassa il nodo è sempre quello: i soldi! Tutto si riduce a una questione economica, a far quadrare il bilancio, a trovare strade per riempire le tasche del comune.

Allora qual è la soluzione??? VENDERE!

Si vendono immobili, lavatoi, terreni agricoli, case, cantine, bugigattoli, strade, fontane, porte, finestre, colonne…e si vende il Centro Sociale Ex Mattatoio.

Bisogna fare cassa, bisogna risolvere il problema di bilancio. Quante volte l’abbiamo sentito questi giorni. Questa isterica richiesta di aiuto per risanare le tasche del Comune. Ma noi non siamo tecnici, non siamo economisti, e non siamo nemmeno pagati per trovare una soluzione. Ma sicuramente non possiamo accettare che la soluzione di tutto sia legata a una mera questione di soldi. La socialità, la cultura, la sanità, la mobilità, i servizi, i diritti, ecc…, affrontati come una qualunque operazione matematica il cui unico fine è far tornare i conti!

Quello che in questi giorni abbiamo denunciato rispetto alla decisione di sgomberare il centro sociale Ex Mattatoio e mettere in vendita i locali che lo ospita è solo l’inizio di una lunga serie di azioni che questa amministrazione “civica” sta mettendo e metterà in atto.

Quanto ci metteranno ad andare a battere cassa alle varie associazioni, alle varie realtà che in un modo o nell’altro hanno contribuito a rendere questa città vivibile e viva, riuscendo in poco tempo a raggiungere risultati che anni e anni di amministrazioni di diversa guardia non sono riuscite ad ottenere.

Già il consiglier Camicia, dietro la nobile causa della spending review, aveva detto “Basta concedere gli spazi del comune in comodato d’uso gratuito alle associazioni”. Adesso siamo andati oltre: non solo non vengono concesse, ma vengono anche sottratte.

E intanto si discute del senso unico in via Baglioni, dell’obbrobrioso segnale stradale messo alla fine di Corso Vannucci, obbrobrio che secondo il consigliere Monni “neanche in Burkina Faso si sarebbero mai sognati di utilizzare”. E fa scalpore il segnale stradale, non quello che un consigliere regionale si permette di dire, di un razzismo e una povertà senza eguali.

Si discute di una riqualificazione del centro storico e delle periferie, ma la soluzione non può essere semplicemente il “piano Natale” con mercatini e sconti per i parcheggi, né tanto meno può bastare la cenetta all’Ottagono con lo scopo di “salvare” il quartiere Fontivegge.

Assistiamo alla totale assenza di una visione politica e sociale che coinvolgel'intera città. Si va avanti a singhiozzi, le uniche misure immediate sono quelle di restrizione.

Neppure le pungenti critiche dei commissari europei a giustificare la figuraccia fatta per la candidatura a capitale europea della cultura e capitale europea dei giovani servono a smuovere questa amministrazione.

Lo abbiamo urlato a squarciagola nelle piazze e nelle strade dal 2009: “NOI LA CRISI NON LA PAGHIAMO”.

Lo ribadiamo adesso: far quadrare il bilancio non può andare a discapito della città! Non pagheremo noi la vostra crisi!

Non basta il continuo taglio di servizi; oltre il danno la beffa: 3 euro l’ora che il Comune chiede alle associazioni che utilizzano i locali scolastici per offrire vari servizi, gravano sulle tasche delle famiglie e delle stesse associazioni.

Invece, mettiamo a bilancio le multe fatte per accattonaggio, chiudiamo il minimetrò andando a penalizzare ancora di più un servizio pubblico (che di pubblico ha ben poco) di mobilità (che di mobilità ha ben poco) che ha già delle falle incolmabili.

Non è questa LA CITTA’ CHE VOGLIAMO!

Di questo e molto altro parliamone MERCOLEDI’ 3 DICEMBRE ore 20.30 al CSOA Ex Mattatoio.

#Riprendiamoci la città!

#ExM15

Bookmark and Share