Campagna della componente studentesca del Comitato 2 sì per l'acqua bene comune e Sì per fermare il nucleare

Pisa - Io voto a Pisa!

Per il voto dei fuori sede nelle circoscrizioni pisane

25 / 5 / 2011

Il 12 e 13 giugno si terranno i referendum per l'abrogazione delle norme riguardanti la privatizzazione dell'acqua (2 quesiti), il legittimo impedimento (1 quesito) e il ritorno del nucleare civile in italia. Sono temi di fondamentale imporatanza per la vita di una comunità, perchè le leggi che si vogliono abrogare minano le basi dei nostri diritti, dell'accesso ai beni comuni, della sopravvivenza dell'ecosistema e dell'uguaglianza dei cittadini davanti alla legge. Siamo consapevoli che non saranno solo dei semplici referendum abrogativi a risolvere questi problemi: il sistema economico e politico trova giorno dopo giorno nuovi mezzi legislativi e di propaganda per imporre decisioni non condivise dalla gran parte della popolazione. Però questi referendum nascono “dal basso”, grazie all'impegno di milioni di cittadini che ogni giorno si attivano, con mille strumenti, per proporre un modello di società diversa, più giusta ed egualitaria. La vittoria dei SI a questi referendum è una tappa fondamentale per il rafforzamento di tutti questi percorsi autonomi.

Un discorso particolare va fatto sul quesito contro il nucleare: dopo il disastro di fukushima, il governo Berlusconi ha tentato di tornare strumentalemente sui propri passi, sospendendo temporaneamente il ritorno al nucleare, impaurito dalla possibilità concreta del superamento del quorum e della vittoria dei SI', che porterebbe con se anche la scontata vittoria degli altri referendum e andando a minare quindi gli interessi economici che sostengono il governo e i trucchi legislativi con i quali il premier vuole sottrarsi ai processi. In questi giorni oltre alla campagna “per i SI' ai referendum” è fondamentale uno sforzo di tutt* “per i referendum”!

COME VOTARE A PISA 
A Pisa gli studenti fuori sede si trovano spesso a vivere una condizione di alterità e di esclusione: a loro, precari del sapere e contorsionisti dell'esistenza è negata la possibilità di partecipare ai processi decisionali che toccano il luogo in cui vivono. L'esercizio del voto ai referendum rappresenta una piccola conquista, non esaustiva, nel percorso di riappropriazione dei diritti di cittadinanza. 
Nel voto referendario, a differenza delle altre consultazioni, non esistono circoscrizioni elettorali. Per questo motivo i rappresentanti di lista hanno la possibilità di votare nel seggio in cui sono designati, indipendentemente dalla loro residenza. Questo è evidentemente un escamotage, e il numero di posti disponibili è limitato. Ma ad oggi, nonostante tante proposte e reclami, nessuna legge è stata fatta per risolvere questo problema.

Comunque, nel limite delle possibilità, in tanti fuori sede potremo votare a Pisa. Per farlo basta compilare il modulino qui a lato e portarlo in uno dei meeting point che stiamo organizzando e in cui ti verrà assegnato direttamente il seggio in cui votare, e magari cogliere l'occasione per contribuire con forza e fantasia alla campagna referendaria per i 4 SI !


IL CALENDARIO DEI MEETING POINT:

TUTTI I SEGUENTI GIORNI, DALLE 8.30 ALLE 19.30

  • MARTEDì 24 E MERCOLEDì 25 MAGGIO IN AULA AM1 (palazzina rossa di fronte al dip. di matematica - largo pontecorvo)
  • GIOVEDì 26 E VENERDì 27 MAGGIO IN AULA 7 DELLA SAPIENZA (piazza dante)
  • LUNEDì 30 E MARTEDì 31 IN AULA AM1

RECAPITI

cellulare: 3292582162

gruppo facebook : "Ai referendum io voto a pisa!"

Bookmark and Share