Salvini, contaci. Finisce male!

12 / 11 / 2014

Matteo Salvini deve avere un'agenda pienissima e un sacco di cose di cui occuparsi per aver deciso di prendere parola finanche sull'episodio accaduto ieri al nostro liceo, il Gianbattista.  Vico di Napoli, in occasione dell'occupazione per lo sciopero sociale e contro la buona scuola. 
Lui parla di tutto si sa. 
Lo sanno tutti, anche i suoi colleghi eurodeputati che ne lamentano l'assenza in parlamento perché troppo impegnato ad andare in tv e a curare il suo profilo pubblico. 
Salvini e' un vero animale da salotto televisivo e da social network, che non perde occasione per cacciare dalla bocca una battuta razzista, un' offesa, una sentenza, un parere velleitario su qualunque cosa, espressione di una cultura politica reazionaria.
Quello pubblicato sul suo profilo facebook ci sembra appartenere senza dubbio a quest'ultima categoria. 
L'onorevole leghista infatti facendo riferimento al fatto che ieri abbiamo bloccato tutti insieme una volante della polizia che stava portando via alcuni studenti della scuola per motivi futili e strumentali, esprime sincera preoccupazione per una così totale assenza di regole e di ordine. E lancia l'anatema: "così finisce male". 
Potremmo limitarci a rispondere: "Ma magari!". Non è nostra intenzione liquidare cotanta attenzione ricevuta dal nuovo rampollo della destra reazionaria italiana con una battuta. La questione e' seria e noi abbiamo molto da dire.
Innanzitutto: quello che abbiamo praticato ieri e' stato un atto di disobbedienza. Siamo stati disobbedienti davanti a un accadimento ingiusto e abbiamo fatto si che non accadesse; insieme, riconoscendo In quella volante che provava a portare via i nostri amici, l'ennesimo esempio di uno Stato che non vuole ascoltare il dissenso sociale ma solo chiuderne gli spazi. Arrestati per un'occupazione? Ma stiamo scherzando? Questo e' il paese che immagina Salvini nel suo progetto destrorso e reazionario? Bene allora siamo noi a  dire che così finisce male e che non abbiamo alcuna voglia di ascoltare il paternalismo ignorante del deputato leghista. 
Pensiamo  che ci sia un allarmante problema di degenerazione violenta. E' verissimo. Ma non certo dalla parte di chi difenda la scuola, l'università, i diritti, i territori. 
Piuttosto da parte delle forze dell'ordine, del governo, degli apparati di polizia che agiscono ormai impuniti con licenza di uccidere, picchiare, intossicare, chiunque abbiano davanti in qualunque situazioni. 
Pesiamo che ci sia un' emergenza autoritaria. Un'emergenza per la quale stanno saltando tutte le possibili forme di mediazione e con la quale noi facciamo i conti. Facciamo cortei e manifestazioni da poco perché siamo giovanissimi eppure abbiamo già respirato tanto gas cs e preso tante botte. Noi rispondiamo con chiarezza. Se lo scontro è duro noi non ci sottraiamo. Sappiamo di avere ragione. Come lo sapevamo ieri. 
Rifiutiamo il modello di scuola proposito dal ministro Giannini, un futuro già scritto di lavoro gratuito e sottopagato. Per questo abbiamo occupato a ridosso dello sciopero sociale. Bisogna farlo. Per il domani di tutt@ . 
Siamo gli ultimi figli di una generazione messa all'angolo. A noi delle promesse e della retorica non intessa niente. Veniamo da una città del sud, che paga La crisi più di altri. Non siamo disposti ad ascoltare le isterie leghiste sul nostro modo di riprenderci la dignità. Non siamo disposti a farci dare lezioni da chi ha già governato e ha già sbagliato. Più e più volte.
Per tutto questo vi invitiamo a continuare a Seminare disordine, a non rispettare la legge quando è sbagliata! 
Salvini contaci ! #finiscemale!

Collettivo GB Vico

Coordinamento KAOS

Bookmark and Share