Trento - Solidarietà con la Val di Susa, forza Luca!

27 / 2 / 2012

Chiomonte, Maddalena, Bussoleno, da paesini sconosciuti della Val Susa, sono divenuti ormai luoghi-simbolo di resistenza, contro un' opera inutile dal punto di vista del miglioramento dei trasporti, dannosa dal punto di vista ambientale, ed efficace solo per sperperare denaro pubblico e arricchire speculatori e investitori.
Una battaglia che non conosce fine e che sabato ha visto sfilare pacificamente decine di migliaia di persone, valligiani e non.

Una battaglia che dopo l'attacco non previsto di questa mattina, in cui l'attivista Luca Abbà, storico attivista del movimento No Tav, arrampicatosi su un traliccio per sfuggire alla polizia è precipitato dall’altezza di dieci metri, ha visto centinaia di persone riversarsi, in molte città italiane,a bloccare strade e binari; ad organizzare presidi e manifestazioni in solidarietà con la Val Susa.

Anche a Trento il popolo No Tav con più di 150 persone è sceso in piazza per ribadire l'impegno contro la costruzione di questa "opera inutile".

Il Presidio si è trasformato in una fiaccolata che partendo da Piazza Duomo ha attraversato la città, passando per le principali vie del centro, fino all'arrivo in stazione, dove è stato bloccato il traffico e dove si sono susseguiti numerosi interventi da parte degli attivisti del Coordinamento No Tav trentino.

Durante l'iniziativa è stata promossa la manifestazione del 5 maggio contro la costruzione della Tav in Trentino e altrove.

Dalla Val Susa al Trentino no i farà na busa!

Siamo tutti e tutte NO TAV, forza Luca!

La Valle deve restare libera!

www.notavbrennero.eu

Bookmark and Share

Trento- Solidarietà con la Val di Susa e l'attivista Luca Abbà

Corteo - fiaccolata No Tav, forza Luca