Trento - Studenti irrompono all'inaugurazione della nuova Biblioteca Universitaria

19 / 11 / 2016

Pubblichiamo il comunicato del collettivo Universitario Refresh, di Trento, che oggi ha contestato l'inaugurazione del nuovo polo bibliotecario, uno spreco di risorse che potrebbero essere investite nel Welfare universitario. Agli studenti è stato impedito di partecipare all'inaugurazione, con spintoni e identificazioni da parte della polizia.

Oggi si è svolta in pompa magna l’inaugurazione della nuova Biblioteca Universitaria Centrale (BUC), situata nel quartiere delle Albere. A questa inaugurazione erano presenti le più alte cariche d’ateneo e della Provincia, persino l’archistar Renzo Piano.
Un grande evento dunque, spacciato come un momento di incontro tra la città e l’università. Tant’è che l’ingresso era aperto a tutti, comunità universitaria e cittadina, “fino a che la capienza dell’edificio lo consente” recita la locandina dell’evento. E di capienza questa mattina ce n’era abbastanza anche per noi, che siamo entrati all’interno della biblioteca per assistere alla cerimonia di inaugurazione. Assistere, certo. Ma non solo. Perché di cose da dire ne avevamo tante e avremmo anche voluto farlo se non fossimo stati immediatamente strattonat* e buttat* fuori, scortat* dalla polizia, non appena abbiamo lanciato dei soldi finti e dei coriandoli, per dimostrare la nostra contrarietà all’opera. E mentre dentro il rettore Collini e il Presidente della Provincia Rossi presentavano la BUC come un regalo che la Provincia ha generosamente fatto all’università e alla città, noi eravamo fuori, sotto la pioggia, e venivamo identificat* dalla polizia.
A quanto pare, in questo ateneo così fintamente aperto al confronto, non c’è spazio per chi ha un’opinione diversa da quella dominante. Perché per noi quella biblioteca non è un “regalo” della PAT, ma una speculazione economico-politica. Speculazione che riguarda un quartiere che ancora oggi è mezzo deserto, di una Provincia e dei suoi amici e amichetti che rischiano di perderci un sacco di soldi investiti, di un’Università utilizzata strumentalmente dalla PAT per cercare di “riempire” il quartiere fantasma della Albere, facendole spendere 75 milioni di euro per una biblioteca che aveva progettato altrove, con costi più bassi e persino più grande. Questo il regalo della PAT. Questi gli effetti della provincializzazione dell’Ateneo. E che non si stupisca nessuno se non ce ne stiamo zitti e buoni a guardare finte inaugurazioni (infatti la BUC non aprirà prima di dicembre perché… mancano dei bagni!). Perché se da un lato c’è una Provincia che spende 75 milioni di euro per un biblioteca utile a sanare solo i suoi investimenti sbagliati, dall’altra c’è la stessa Provincia che taglia le borse di studio. E questo non può starci bene. Cosa ce ne facciamo di una biblioteca all’avanguardia, in un quartiere moderno, se poi ci tolgono le borse di studio? Chi ci studierà lì dentro? I pochi eletti che potranno permettersi di studiare a Trento senza borsa?
Questa mattina sono state svelate molte carte. Perché dopo oggi non si potrà dire che Trento è un ateneo aperto al confronto, un’isola felice, un buon esempio per le altre università. Perché oggi degli studenti e delle studentesse sono stat* buttat* fuori da un luogo che, almeno in teoria, a loro appartiene. Perché oggi si sono viste le conseguenze che paga chi non è allineato al pensiero unico, dominante, prodotto nelle stanze del rettorato, dell’assessorato all’istruzione, della provincia: polizia, identificazioni, censura. Delle scene tremende di questa mattina dovranno prendersene la responsabilità in molti. Primo fra tutti il rettore Collini, che manda avanti la polizia a buttare fuori e sbarrare l’accesso di un luogo universitario a gli studenti e alle studentesse che dovrebbero animarlo e viverlo.
Non hanno voluto ascoltarci oggi, ma dovranno farlo molto presto perché non siamo dispost* a fermarci qui. Abbiamo iniziato questo percorso di #sgancialaborsa e abbiamo tutte le intenzioni di portarlo avanti.

Rilanciamo infatti un’assemblea pubblica a sociologia il 24 novembre alle 18.00 per parlare e organizzarci con tutt* gli studenti e le studentesse che vogliono lottare con noi per il diritto allo studio!

Bookmark and Share