Venezia - Comitato No Grandi Navi incontra Commissione ambiente senato

Una delegazione ha portato le ragioni della protesta del Comitato

16 / 1 / 2012

Oggi si è riunita a Venezia la Commissione Ambiente del Senato convocata per discutere la nuova legge speciale per la città.
Un centinaio di aderenti del Comitato No Grandi Navi si è trovato alle 14.00 in Campo San Maurizio, vicino alla prefettura, per attendere che la commissione ricevesse una delegazione dei manifestanti.
Barche, striscioni e slogan hanno accompagnato l'attesa per sensibilizzare  cittadini e turisti sul problema delle grandi navi a Venezia.

Alle 16.00 i delegati sono saliti per esporre le ragioni del dissenso al passaggio delle grandi navi a Venezia. E' stato quindi consegnato un dossier dettagliato sugli effetti disastrosi per l'ambiente e la salute.
A termine dell'incontro la Commissione ha espresso la propria disponibilità ad un dialogo volto a modificare in maniera compatibile con la natura della laguna e con le esigenze dei suoi cittadini il transito delle crociere a Venezia.

A seguire il testo del volantino

LE GRANDI NAVI INQUINANO
polveri sottili - ossido di azoto - biossido di zolfo e di carbonio – idrocarburi, ogni nave inquina come 14 mila automobili - Mestre è monitorata sempre, Venezia mai!!
LE GRANDI NAVI UCCIDONO
studi statunitensi dimostrano che nel 2012 moriranno nel mondo 84 mila persone per fumi emessi dalle navi . Davanti a San Marco ne passano 2000 all'anno, Venezia ha il primato in Italia di tumori ai polmoni.
LE GRANDI NAVI DANNEGGIANO
i risucchi e le pressioni causate dallo spostamento di migliaia di tonnellate d'acqua minano rive e fondamenta, case e monumenti. Esistono rischi reali di incidenti e attentati in Bacino San Marco.
LE GRANDI NAVI DISTRUGGONO
un secolo di incauta portualità ha condannato la laguna a diventare un braccio di mare e ora Comune e Porto vogliono portare il Canale dei Petroli nel cuore della città scavando per le grandi navi ancora un enorme canale che lo congiunga alla Marittima.
LE GRANDI NAVI NON PORTANO RICCHEZZA
incrementano i guadagni di quanti già ora si arricchiscono con il turismo ma impoveriscono la città di residenti e servizi. Strumentalmente nessuno prende in considerazione gli enormi e reali costi ambientali, sanitari, sociali e manutentivi.
VOGLIAMO
- che il Comune richieda all’Arpav l'installazione di una rete di centraline di rilevamento a Venezia (attualmente c’è una sola centralina). che il Sindaco (il responsabile per legge della salute) promuova con l'Ulss12 trasparenti indagini epidemiologiche.
- che il Comune individui soggetti super partes che con studi approfonditi valutino i reali danni rispetto allo spostamento delle acque, alla perdita di sedimenti, alle vibrazioni, all'inquinamento acustico e ne discuta con la cittadinanza i risultati
- che il Comune avvii al più presto un dettagliato studio di fattibilità per l'estromissione delle grandi navi dalla laguna.
- che il Comune stabilisca una soglia massima di sostenibilità giornaliera turistica, invalicabile anche per le grandi navi.

Bookmark and Share

Venezia. No alle grandi navi intervista all'ingegner Gasparetto