Venezia – Dall’acampada del Rettorato verso il senato accademico del 22 maggio

Appello dal Rettorato occupato a tutte le componenti accademiche per costruire un percorso verso il senato accademico del 22 maggio.

21 / 5 / 2024

Da mesi la comunità̀ accademica si sta mobilitando per portare all’attenzione degli organi istituzionali degli atenei veneziani le problematicità̀ dei rapporti che l’accademia intrattiene con diversi enti sionisti e/o che armano il genocidio in atto in Palestina.

Ieri è giunta la notizia che l’ordine del giorno del prossimo senato accademico di Ca’ Foscari del 22 maggio prevede la discussione della collaborazione tra l’Ateneo ed enti pubblici/privati israeliani.

Si tratta di una prima conquista raggiunta grazie alle pressioni delle mobilitazioni in atto all’interno dell’Ateneo e della città, amplificate e potenziate dall’onda di proteste internazionali che in Italia hanno seguito l’appello dei Giovani Palestinesi.

A fronte di questo clima storico, e in vista di questa occasione, non si può rimanere indifferenti. Riteniamo ora più che mai necessario unire le nostre forze e i nostri saperi per ottenere una presa di posizione netta contro il genocidio attraverso delle azioni concrete.

Invitiamo, quindi, tutte le componenti accademiche, i diversi percorsi che hanno animato le proteste palestinesi, dalle assemblee alle occupazioni, a collaborare e convergere in maniera coesa nella costruzione di un percorso comune verso il senato accademico, così da portare un’unica potente voce per far valere le nostre richieste.