Venezia - Festa Grande contro le Grandi Navi

Diretta dalla manifestazione per la salvaguardia di Venezia, per l'estromissione delle grandi navi da crociera dalla Laguna. Sul palco NoTav - che invitano all'assemblea del 1 ottobre a Roma - Assemblea per un turismo sostenibile di Barcellona e i comitati StopBiocidio dalla Campania. Oltre cinque ore di ritardo alle partenze delle crociere, contestati i primi tre passaggi.

25 / 9 / 2016

In migliaia già sulle Zattere per prendere parte alla festa grande contro le Grandi Navi, di fronte a un palco galleggiante che ospiterà gli interventi dei comitati del territorio insieme ad alcuni ospiti delle lotte territoriali più importanti ed incisive del nostro paese - dai NO TAV dalla Val di Susa ai comitati per la giustizia ambientale della Campania - ed internazionali - con l'Assemblea Barris Turisme Sostenible di Barcellona.

Numerosi anche gli artisti, locali e non, che daranno il loro sostegno alla lotta per la salvaguardia di Venezia, tra i tanti Eugenio Finardi, Gualtiero Bertelli, Herman Medrano, Sir Oliver Skardy e Marco Furio Forieri. 

Una manifestazione, quella di oggi, che non vuole concentrarsi solo sul NO alle grandi navi da crociera bensì sui tanti SI che hanno accompagnato la costruzione di questa giornata: dal diritto all'abitare alla necessità di un turismo sostenibile, dal mantenimento dell'artigianato locale al controllo del traffico e dell'inquinamento. 

In tanti e tante per ribadire la necessità di investire risorse non in grandi opere imposte e dannose ma - invece - nella messa in sicurezza dei territori, in servizi e welfare per tutti coloro che abitano le nostre città. 

- L'intervento di Cristiano Gasparetto, Comitato No Grandi Navi

Dalla piattaforma galleggiante interviene Cristiano Gasparetto del Comitato Nograndinavi, mentre in migliaia stanno giungendo alle Zattere per la #FestaGrande

- L'intervento di Tommaso Cacciari, Comitato No Grandi Navi

Tommaso Cacciari ripercorre la lotta contro le grandi navi dai primi anni, e la costruzione di questa #festagrande. Una Venezia sicuramente non apatica quella che oggi - e negli ultimi mesi - si riprende gli spazi della città. Dai Giardini Papadopoli, alla manifestazione Ocio ae Gambe, alle grandi assemblee pubbliche, Venezia dimostra che non si arrende!

- L'intervento di Dana Lauriola, No Tav

Con un pensiero a Nicoletta Dosio, messa agli arresti domiciliari dopo aver disobbedito alle misure cautelari ingiuste e vendicative impostele dalla Questura di Torino, le tante persone presenti alle Zattere applaudono Dana quando accomuna la passione dei valsusini a chi lotta per la difesa della Laguna. Viene anche lanciata la grande assemblea della Sapienza, alla quale parteciperanno tutte le esperienze di lotta territoriale presenti nel nostro Paese per proseguire la campagna nazionale per il "NO sociale" al referendum costituzionale, contro le politiche predatorie del governo Renzi e del Pd.

- Contestata la prima nave

Passa il primo mostro in Laguna, i manifestanti in barca cercano di avvicinarsi per dire ancora no alle grandi navi che attraversano il Canale della Giudecca provocando danni ingenti danni ambientali, tra cui l'erosione dei fondali e delle fondamenta

- L'intervento dell'Assemblea Barris Turisme Sostenible da Barcellona

Le città di Venezia e Barcellona hanno in comune una battaglia contro lo spopolamento e il turismo di massa. Contro chi specula e devitalizza intere fette di territorio a scapito dei cittadini.

- L'intervento di Stefano Micheletti, No Mose

interviene Stefano Micheletti del Comitato Nograndinavi che spiega quali siamo gli altri progetti di devastazione della Laguna, in particolare il Mose, opera dannosa, fallimentare e da anni al centro di diverse inchieste giudiziarie

- L'intervento di Roberto, Assemblea Permanente contro il rischio chimico Marghera

E' necessario mobilitarsi ancora, come la terraferma storicamente ha dimostrato di saper fare, per la salvaguardia della salute del territorio e dei cittadini.Il 29 settembre davanti alla sede di Veritas, in occasione di una riunione di sindaci della zona che discuteranno dell'apertura di un nuovo inceneritore

- L'intervento di Nicola, Stop Biocidio Campania

Ci sono territori diversi in lotta ma in questi si può trovare un comune denominatore, un medesimo linguaggio che si rinforza nella connessione di queste esperienze territoriali di resistenza. A Renzi e agli speculatori rivolgiamo un potente "Jatevenne!"

- Contestata la seconda nave

- L'intervento di Eugenio Finardi

Prima della sua performance artistica Eugenio Finardi ci tiene a rimarcare la sua storica vicinanza alla battaglia contro le grandi navi nella laguna veneziana, invitando i presenti a lottare contro chiunque anteponga l'interesse privato al bene comune

- Contestata la terza nave

- Considerazioni finali con Marco Baravalle, Comitato No Grandi Navi

Dalla #festagrande si rilancia verso l'assemblea nazionale del 1 ottobre a Roma, che segnerà un passaggio fondamentale di confronto tra le varie realtà che lottano nei territori e che hanno lanciato una sfida per destituire dal basso il governo Renzi, nel tempo politico che ci conduce verso il referendum costituzionale

Bookmark and Share

Gallery

25S - Immagini della Festa Granda

25S - contestata la seconda nave

25S - Assemblea Permanente contro il rischio chimico