Verona - Appello delle lavoratrici e dei lavoratori Finservice

Presidio permanente in Brà e Assemblea cittadina il 25 giugno per sostenere la lotta

22 / 6 / 2009

Nonostante i politici continuino a dire il contrario, che la crisi non c’è o che essa sta per finire, la crisi economica morde. Morde sul serio. Cresce la cassa integrazione, si diffondono i licenziamenti, non si riesce più a far fronte alle spese o a pagare gli affitti.
Questa crisi è il prodotto della speculazione finanziaria, dei giochi in borsa delle banche, di imprenditori pezzenti in grado solo di giocare sulla vita dei lavoratori e di incassare rendite di posizione.

Noi, lavoratori e lavoratrici della Finservice, siamo in lotta da settimane. Non per mere questioni di principio, ma per avere ciò che ci spetta. Abbiamo lavorato, duramente e rispettando i patti, ma da dicembre 2008 non riceviamo lo stipendio. Né ci hanno erogato i contributi cui abbiamo diritto. Abbiamo scioperato, bloccato la Mondadori, ci siamo rivolti a tutti coloro che avrebbero il diritto di risponderci. Ora le parole le abbiamo finite. Vogliamo i nostri soldi, subito! Non saremo noi a pagare la crisi!

Siamo migranti, nuovi cittadini, lavoratori e lavoratrici italiani. Tutti allo stesso modo colpiti da padroni parassiti, quelli che ci hanno consegnato assegni scoperti per salario, e da politici che dicevano di voler introdurre la Robin Tax contro i profitti che le banche hanno fatto negli anni delle vacche grasse, e che ora i nostri soldi li usano per ripianare i debiti di quelle stesse banche. E alle nostre legittime rivendicazioni rispondono con la polizia.

Da oggi siamo qui, in presidio permanente, al centro della città di Verona. Non ci terrete ai margini. Non ci farete invisibili. Siamo la risposta alla crisi, non il suo problema. Siamo il lavoro vivo. Quello che produce. Siamo donne e uomini che creano la ricchezza. E se qualcosa rappresentiamo, rappresentiamo ciò che può capitare a tutti voi, nel tempo della crisi. Il furto del futuro. La sottrazione dei diritti e della vita. Per questo vi diciamo: non cederemo. Resisteremo un minuto di più dei padroni. Lo facciamo per noi e per le nostre famiglie. Lo facciamo per tutti e per tutte coloro che rischiano il nostro stesso destino.

Ci troverete in Piazza Brà, davanti alla Gran Guardia, da oggi fino al 26 giugno.
Il 25 giugno alle ore 17, abbiamo convocato un'Assemblea di lavoratori e cittadini per discutere dei problemi della crisi e per sostenere la soluzione alla nostra vertenza.

I lavoratori e le lavoratrici Finservice che resistono
ADL Cobas

Bookmark and Share