Vicenza - Stivali ai piedi. Scopa in spalla. E' tempo di solidarietà

4 / 11 / 2010

Per coloro che sono disponibili a dare una mano dal mattino, l’appuntamento è alle 9.00 al Presidio permanente. Per chi è disponibile in altri orari contattare il num. 334.9000595

L’acqua si è ritirata da molte delle zone alluvionate, ma ha lasciato alle sue spalle i segni evidenti del suo passaggio: fango, scantinati e garage allagati, elettrodomestici, abiti e automobili inutilizzabili. Interi quartieri hanno conosciuto sulla propria pelle la potenza di una natura che, a forza di essere devastata e cementificata, ha presentato il suo conto amaro, fatto di milioni di euro di danni, di case danneggiate e terreni distrutti.

Da questa mattina siamo entrati nelle case di molti vicentini in zona Lobia, il quartiere che ospita il Presidio Permanente. Lo abbiamo fatto per mettere a disposizione la nostra solidarietà, per dare una mano a ripulire case e scantinati allagati, per far sentire a coloro che hanno subito il disastro di questi giorni il nostro calore.

Abbiamo trovato persone arrabbiate, ma pronte a rimboccarsi le maniche per mettersi al lavoro; donne e uomini che spalavano il fango, portavano all’esterno oggetti ormai inutilizzabili, ripulivano stanze e muri. Ci siamo messi al lavoro insieme a loro, perché essere una comunità significa, innanzitutto, costruire pratiche di solidarietà.

E il nostro impegno continuerà nei prossimi giorni. E’ chiaro che se ci siamo trovati con l’acqua alla gola lo dobbiamo a una gestione folle e scellerata del nostro territorio che ha escluso i cittadini, pretendendo di trasformarli in pubblico disinteressato perché gli interessi di chi deve cementificare potessero dispiegarsi senza troppi ostacoli.

Di questo, dei fattori che hanno prodotto questo disastro, delle responsabilità di coloro che hanno permesso l’indebolimento del territorio, ci sarà tempo per chiedere i conti. Così come ci aspettiamo che i cittadini che hanno subito danni per l’alluvione siano rimborsati.

Oggi, domani, nei prossimi giorni, è il tempo della solidarietà. Torneremo nelle case, metteremo a disposizione braccia e buona volontà, cercheremo di dare una mano. Un invito, questo, che estendiamo a tutti i vicentini. Chi vuole unirsi a noi può contattarci al numero di telefono 3349000595 o all’indirizzo email alluvione@nodalmolin.it ai quali è possibile segnalare la propria disponibilità.

Bookmark and Share

Fotografie volontari No Dal Dolin

Mini-video volontari No dal Molin

Mini-video volontari No dal Molin (02)