"Zero maggio": iniziative delle maestranze dello spettacolo in varie città italiane

1 / 5 / 2020

In alcune città italiane lavoratori e lavoratrici dello spettacolo e della cultura hanno “onorato” la Festa del Lavoro con iniziative davanti a luoghi simbolici, volte a chiedere interventi immediati e strutturali nel settore che probabilmente più di tutti è stato colpito dalla crisi sistemica prodotta dal Covid-19.

Pochissimi torneranno a lavorare dal 4 maggio, i lavori sono fermi o bloccati almeno fino al prossimo settembre. E questo accade mentre, nel teatrino di una politica che si divide tra la scellerata smania di riaprire tutto il ciclo di produzione e la tendenza a perpetuare il lockdown, sembra scomparsa dal dibattito pubblico qualsiasi traccia di misure di sostegno sociale e liquidità monetaria per I tanti e le tante che questa crisi la stanno già pagando pesantemente.

A Padova alcune tra le tantissime maestranze hanno deciso di fare un striscionata davanti al Teatro Verdi, uno dei luoghi culturali maggiormente rappresentativi della città, per sottolineare come oggi non ci sia nulla da festeggiare.

Iniziative anche a Venezia, Marghera e Mogliano Veneto. Striscioni, lenzuola, cartelli esposti anche davanti all'ingresso sbarrato della Biennale, per reclamare diritti e dignità, un reddito di quarantena per tutt* che garantisca anche lavoratori atipici e intermittenti.

Anche a Napoli ci sonostate diverse striscionate davanti ai teatri cittadini e all’INPS.

Ieri, iniziativa anche a Trieste: «mai più morti sul lavoro , vogliamo reddito, salute e libertà di movimento».

Trieste

Di seguito un contributo video di Elio Balbo, tecnico delle luci piemontese e animatore del percorso di attivazione nazionale che vede impegnati i lavoratori e le lavoratrici della cultura, dell’arte e dello spettacolo su una serie di rivendicazioni economiche e sociali.

Pubblichiamo infine il comunicato congiunto pubblicato sulla pagina facebook Professionisti dello Spettacolo – Emergenza continua

La scorsa settimana abbiamo appreso che Il concerto del Primo Maggio 2020 si farà, nonostante tutto, cambiando forma.

Molti lavoratori e lavoratrici dello spettacolo e artisti, ormai fermi da mesi, considerano questa notizia inaccettabile. Non siamo critici verso i colleghi o i musicisti chiamati ad esibirsi, ma verso l’organizzazione che avrebbe potuto tramite un gesto forte testimoniare il senso di vicinanza alla categoria.

Il comunicato stampa ufficiale della manifestazione del Primo Maggio 2020 parte dallo slogan “Il lavoro in Sicurezza: per Costruire il Futuro”.

Concentriamoci sulle parole che si sono volute utilizzare nel comunicato ufficiale:

Lavoro:

Possiamo e vogliamo credere che durante questo evento si darà ampio spazio a dar voce a tutte le categorie di lavoratori e lavoratrici, in regola e in nero, di tutti i settori, e alle vittime “di lavoro”, sempre troppo alte, incrementate dal COVID-19.

Ma come si fa a parlare serenamente di lavoro proprio in questo momento dove molti, per decreto, sono costretti a casa senza un salario o uno stipendio?

Come si fa a usare la musica come colonna sonora della “festa dei lavoratori” quando non c’è proprio nulla di cui poter festeggiare?

Non è accettabile proporre in questo momento come elemento “liberatorio e collettivo” la musica. La musica è vita non strumento di aggregazione fine a sé stesso. Il Primo Maggio è musica in piazza al fianco dei lavoratori e delle lavoratrici.

Sicurezza:

Come si fa a parlare di sicurezza sul lavoro quando ancora medici ed esperti sono cauti sul tema della riapertura delle attività? Quando la tutela della salute di tutti i cittadini è ancora in balia dell’unica forma di contenimento che è il distanziamento sociale? Come si fa a parlare di sicurezza quando molti sono costretti ad andare a lavorare senza avere le dovute protezioni?

E per il nostro settore come si fa a parlare di sicurezza se ancora c’è troppa gente che rischia la vita montando un palco nonostante gli sforzi fatti? Sono troppi coloro che hanno perso la vita o hanno avuto gravi conseguenze, montando un palco, oppure sopportando una mole o ritmi di lavoro troppo onerosi.

Come si fa a parlare di sicurezza se continuano a persistere mancanze di tutele, incertezza del reddito e continuità lavorativa?

Futuro:

Che futuro abbiamo noi tutti cittadini e lavoratori in un momento dove l’intero tessuto economico e sociale si sta sfaldando? Che futuro possiamo costruire senza reddito, senza ammortizzatori sociali adeguati ed estesi?

Che Futuro abbiamo noi lavoratori e lavoratrici dello spettacolo se non sappiamo neanche quando potremo ripartire e soprattutto in che forma?

Che futuro senza concerti, spettacoli, film, mostre, performance, danza, radio, tv, di cui ognuno ha urgenza e necessità essenziale nella solitudine della propria quarantena, nell’intimo della sua vita, nella tenuta mentale di un Paese?

Vogliamo poter vivere in maniera dignitosa il nostro prossimo futuro, per questo abbiamo bisogno di un reddito incondizionato, un reddito di base. Lo vogliamo per costruire con le nostre mani e le nostre menti una proposta di riforma normativa che, preso atto dell’intermittenza e della flessibilità strutturale di questo comparto lavorativo, ne implementi le tutele che spettano di diritto.

Dal comunicato stampa ufficiale si continua a leggere “Un messaggio non prigioniero dell’attualità, bensì volto a disegnare i tratti del futuro prossimo con fiducia e consapevolezza, in cui è il lavoro che ricostruisce il Paese”.

Parole che piombano addosso ai lavoratori e alle lavoratrici come un macigno che rischia di avere l’effetto di alimentare il senso di sfiducia verso le istituzioni, instaurando il dubbio che la consapevolezza da parte di chi dovrebbe rappresentarci e tutelarci sia insufficiente.

Per questo listiamo di bianco i volti pubblici e i nostri profili privati, ed invitiamo tutte e tutti a fare come noi. Grafiche bianche, vuote, perché per noi questo Primo Maggio è vuoto, è uno #zeromaggio a partire dal quale noi stessi, lavoratori e lavoratrici organizzati, dobbiamo ripartire per riempirlo di senso, dignità e diritti.

Sappiamo che queste sono parole durissime, che non faranno piacere a molti, ma ci sembrano doverose, per non sentirci come al solito dimenticati e sfruttati.

Questi sono sentimenti con cui molto presto bisognerà fare i conti.

Le Lavoratrici e i Lavoratori della Cultura, dell’Arte e dello Spettacolo attraverso Professionisti dello spettacolo. Emergenza Continua.

Bookmark and Share

Venezia, Marghera, Mogliano Veneto

Padova

Napoli