Ancona - Intervista a Nidhal, studentessa tunisina residente in Italia

Utente: shimabara
25 / 10 / 2013

Di seguito proponiamo una video-intervista realizzata dall'Ass. Shimabara a una giovane tunisina, neo laureata in medicina, che da dieci anni risiede in Italia, precisamente in Ancona.

Nidhal è il suo nome e da sempre segue dall'Italia le vicende che interessano il suo paese di origine. Per brevi periodi ritorna in Tunisia perchè rimane ad oggi il paese in cui vorrebbe fermarsi a vivere definitivamente.

Studiosa e attenta osservatrice ci trasmette la sua visione sulle dinamiche politiche e sociali che stanno caratterizzando la Tunisia, rivelandone gli aspetti contraddittori  e le sue aspettative di cambiamento.

Prima parte: la situazione attuale in cui Ennadah, pur avendolo promesso, non lascia il potere per far spazio ad un governo di transizione che arrivi fino alle elezioni


Seconda parte: Ennadah sta perdendo popolarità. Oggi protesta anche chi li ha votati, perchè il paese continua ad essere in crisi. "La democrazia c'è perchè il popolo tunisino la sta difendendo, non certo per merito dell'attuale governo. La crisi economica continua e si continua a gestire il paese come prima, favorendo il clientelarismo mentre la gente continua ad essere povera."

L'intervista continua riflettendo su come a due anni di distanza dalla Primavera Araba molte speranze si siano infrante. Dietro la rivolta c'erano tante aspettative di cambiamento sociale generale. Libertà, dignità, lavoro erano i punti comuni che si chiedevano mentre oggi esiste tutto questo ema religioso, che prima non c'era.

Ed ancora Nidhal parla del suo modo di intendere l'Islam ed il rapporto con la religione.


Terza parte: i flussi migratori como sono aumentati dopo la rivoluzione e come sono ricattabili i giovani migranti che arrivano pur di avere il permesso di soggiorno.


Quarta parte: le difficoltà dell'integrazione rendono difficile l'equilibrio personale dei giovani migranti. A questo bisogna anche aggiungere la "corruzione" sul tema dell'immigrazione nella situazione italiana.

Bookmark and Share