Due mesi di proteste in Bielorussia: bilanci e prospettive

Intervista di Mattia Gallo ai mediattivisti di Poligraf

29 / 9 / 2020

Domenica 20 settembre ha visto nuovamente centinaia di migliaia di manifestanti scendere in strada a Minsk, per protestare contro il governo autoritario del presidente Lukashenko. Si tratta di una mobilitazione ampia che sta andando avanti da circa due mesi, e che ha segnato la calda estate della Bielorussia attraendo l’attenzione dei media e delle persone oltre i confini della nazione. Abbiamo intervistato i membri di Poligraf, un gruppo di mediattivisti marxisti situato nella capitale Minsk che analizzano la situazione del loro paese attraverso la realizzazione di video ed articoli.

Quali sono i fattori che da settimane stanno spingendo i cittadini bielorussi a scendere in piazza? Qual è l’importanza di questa mobilitazione sociale nella storia del paese? 

Ci sono molti fattori. Il malcontento per la politica socio-economica del governo si stava accumulando da molto tempo. Nel 2007, per la prima volta da anni, si sono svolte manifestazioni contro la “tassa sui disoccupati” introdotta da Lukashenko anche nelle piccole città.

Una forte ondata di irritazione è stata provocata dal declino economico legato all'epidemia di Covid-19 e alla negazione del Covid da parte del leader bielorusso.
La campagna elettorale di Lukashenko è stata estremamente debole, come se fosse sicuro di poter annunciare i risultati che voleva e tutti avrebbero dovuto accontentarsi. La propaganda governativa ha funzionato molto male. Ha semplicemente ignorato i problemi reali della popolazione continuando a ripetere che "non abbiamo mai vissuto così bene come ora".
L'opposizione liberale e nazionalista, al contrario, è stata in grado di creare media moderni ed efficaci e organizzare una campagna capace di impressionare, anche se i più forti oppositori di Lukashenko sono finiti in prigione.

Pertanto, quando il governo ha annunciato la vittoria di Lukashenko con un risultato di oltre l'80% dei voti, pochi ci hanno creduto. Inoltre, gli osservatori dell'opposizione sono riusciti a intercettare le autorità su molti fatti di frode. Questo ha dato luce alla prima ondata di protesta.
Nel sopprimere la prima ondata di questa protesta, la polizia ha utilizzato per diversi giorni mezzi speciali: proiettili di gomma, gas, granate. Ed è successo non solo nel centro della capitale, ma anche in periferia e anche nei piccoli centri. Non c'è mai stato niente di simile prima. E quando le prime persone arrestate iniziavano a essere rilasciate, numerose prove di percosse e torture dei detenuti sono giunte alla stampa, nazionale e internazionale.
Questo ha determinato che la protesta si estendesse ancora di più. Ora possiamo dire con certezza che queste sono le più grandi azioni di protesta dall'inizio degli anni '90, da quando l'URSS crollò.

Si può parlare di una protesta con rivendicazioni sociali, o si tratta di una protesta di tipo solo anti-autoritario?  

 All'inizio delle proteste, la sera del 9 agosto, i sostenitori di Svetlana Tikhanovskaya sono scesi in piazza, insoddisfatti dei risultati delle elezioni e chiedendo la cancellazione dei risultati, le dimissioni di Lukashenko e nuove elezioni.

Ma dopo che la polizia ha usato a lungo ed eccessivamente la forza contro i manifestanti, strati molto ampi si sono uniti alle proteste, manifestando prima di tutto contro la violenza della polizia. Questa è stata esattamente la principale richiesta degli operai che scendevano in piazza e minacciavano di fermare il lavoro delle fabbriche.

Quando il governo ha ammesso questa violenza e la polizia ha smesso di sparare e ha iniziato ad agire in modo più moderato, molti lavoratori hanno preso le distanze dalla protesta e lo sciopero generale non ha avuto luogo.
Il principale slogan pubblico della candidata Svetlana Tikhanovskaya sono state le dimissioni di Lukashenko e nuove elezioni libere senza di lui. Cioè, ha cercato di conquistare la sua parte e di dirigere contro il governo tutti coloro che sono insoddisfatti di qualsiasi cosa. In molti modi ci è riuscita. Ecco perché nelle fila dei manifestanti ci sono uomini d'affari insoddisfatti delle tasse, lavoratori insoddisfatti dei bassi salari, giovani borghesi che pensano che la Bielorussia sia "troppo sovietica" e persone semplicemente contrarie alla violenza della polizia.
In questa fase anche il governo russo si è opposto a Lukashenko, preoccupato di aver iniziato a cooperare troppo strettamente con le potenze occidentali e di potersi ritirare dalla sfera di influenza russa. Anche i media russi letti anche in Bielorussia hanno alimentato i sentimenti di protesta.

In un primo momento della storia della Bielorussia nel periodo post caduta del muro di Berlino, sembra che l’agenda neoliberista non sia stata portata avanti in Bielorussia come in altri paesi dell’est Europa. Ci sono stati dei cambiamenti negli ultimi anni?

Lukashenko è al potere dal 1994 e la sua politica è cambiata molto da quel periodo.

Quindici anni fa ha fermato la privatizzazione delle imprese statali e ne ha persino nazionalizzato alcune. Ha perseguito una politica di crescita del reddito dei dipendenti, ma negli ultimi 5 anni la sua politica è cambiata notevolmente. Non c'è una crescita dei redditi e sono stati creati nuovi posti di lavoro solo nel commercio e nei servizi, dove la manodopera è a buon mercato.
Il governo è più preoccupato per il "miglioramento del contesto imprenditoriale", la bassa inflazione e l'esecuzione di altre raccomandazioni del FMI.
C'è ancora più stato sociale in Bielorussia che in Russia o Ucraina, ma il problema è che le persone non vedono alcun futuro. Il governo non propone altro che affermazioni come "il tuo compito è lavorare" o "non abbiamo mai vissuto così bene come oggi". Questa fa arrabbiare le persone.

Qual è la situazione dei problemi sociali del paese?

 Il problema è che solo i media liberali e nazionalisti potrebbero sopravvivere e lavorare normalmente sotto il regime autoritario, perché hanno un serio sostegno finanziario dai fondi occidentali che sono impegnati nella "promozione della democrazia". Adesso stanno impostando la loro voce. 

E il messaggio principale ai lavoratori dell'opposizione è: “non preoccuparti delle sciocchezze, ora la cosa più importante è rovesciare Lukashenko, passare il potere alla Tikhanovskaya e organizzare nuove elezioni”. Tutto il resto viene dopo. Solo pochi gruppi sparsi di sinistra stanno cercando di introdurre alcune rivendicazioni sociali.
Tuttavia, per l'opposizione, anche le manifestazioni nelle fabbriche sono state una sorpresa. E inoltre non riesce a trovare il linguaggio comune con i lavoratori. La maggior parte dei lavoratori non è ancora pronta a scioperare o partecipare a manifestazioni solo per rovesciare Lukashenko. E l'opposizione non può o non vuole proporre altro.

Bookmark and Share