Il 2018 della Russia tra elezioni, mondiali e proteste

2 / 1 / 2019

Il 2018 è stato un anno caratterizzato da importanti eventi  in Russia: la rielezione alla guida del paese da parte di Vladimir Putin, la kermesse internazionale del mondiale di calcio Russia 2018, l’attenzione dei media di tutto il mondo per la dura repressione delle proteste contro la riforma delle pensioni. A proposito di questa ultima notizia, è sembrato particolare come i media occidentali abbiano focalizzato molto l’attenzione, e le critiche, sulla repressione della protesta dei cittadini russi contro la popolazione scesa in piazza a protestare, ma sono state poche le critiche rivolte alla riforma che ha alzato notevolmente l’età pensionabile, in piena linea con l’andazzo neoliberista dell’austerità europea. Putin è un dittatore perché reprime il dissenso (una critica più che giusta), ma le sue politiche spregiudicatamente antisociali, che hanno caratterizzato i suoi anni di guida politica della Russia, non trovano nessuna stigmatizzazione invece da parte di media e politici occidentali. Per parlare di questo ed altri temi legati alla Russia, di seguito un’intervista a Konstantin Kharitonov, membro del Russian Socialist Movement, che attualmente lavora presso il “Center for Social-Political History” della  “State Historical Library” di Mosca, una delle più grandi biblioteche storiche d’Europa

La riforma delle pensioni dello scorso mese di agosto in Russia ha avuto molto risalto sui media occidentale, specie per la repressione delle proteste. Puoi dare una breve  descrizione delle “riforme” neoliberiste negli ultimi venti anni in Russia, sotto la guida di Vladimir Putin? 

L'avvento al potere di Vladimir Putin ha dato inizio a un nuovo periodo di riforme neoliberiste in Russia, nonché a un nuovo sistema di relazioni tra le persone più ricche e lo stato. Le prime riforme neoliberali di Putin furono la riforma del codice del lavoro, l'introduzione di una flat tax (13%), la riforma delle pensioni ed i tagli alle imposte sulle società private. Il nuovo codice del lavoro aveva reso praticamente impossibile lo sciopero legale in Russia, anche per il lavoro sindacalizzato. La riforma delle pensioni del 2002 aveva messo in atto l'importo delle prestazioni pensionistiche in funzione dell'importo personale dei contributi nel fondo pensione. Nel 2005 il governo russo ha monetizzato i sussidi sociali, sostituendo il trasporto gratuito, i medicinali e il trattamento delle cure sanitarie per alcune categorie della popolazione con pagamenti in contanti. Questa riforma ha provocato feroci proteste in tutta la federazione russa. Negli anni successivi si è continuata a svolgere la riforma della sfera sociale, quando scuole, ospedali, musei, ecc. furono trasferiti a un nuovo sistema di finanziamento in base ai loro risultati. Dopo la crisi economica del 2008, il governo ha avviato una nuova ondata di privatizzazioni di massa e nel 2010 è iniziato il processo di "ottimizzazione" della sfera sociale. Questa cosiddetta "ottimizzazione" significa la chiusura di migliaia di scuole, ospedali e altre organizzazioni che si sarebbero dovute sostenere attraverso il loro budget e dalla riduzione del personale di tali organizzazioni. Questo processo è stato parallelo allo sviluppo del sistema educativo e medico a pagamento. Nel 2012, dopo le proteste di massa democratiche contro le falsificazioni elettorali, Vladimir Putin aveva firmato un decreto che aumentava drasticamente gli stipendi dei lavoratori del settore pubblico, ma il finanziamento del Centro Federale non venne praticamente aumentato. Quindi, per trovare le risorse per sostenere salari più elevati, le istituzioni del settore pubblico hanno iniziato a licenziare alcuni lavoratori e ad aumentare il carico di lavoro per gli altri, oltre a risparmiare dove possibile. Ad esempio, nel 2014, 90 000 operatori sanitari hanno perso il lavoro. Quindi, la riforma delle pensioni di quest'anno è una parte logica della politica neoliberale in Russia. 

Il 2018 è stato l’anno di un’altra vittoria elettorale di Vladimir Putin. Quanto ha pesato questa volta la sua retorica nazionalista e militarista? 

La retorica militarista e nazionalista non era un'idea centrale della politica di Putin inizialmente. Questa svolta conservatrice e nazionalista è stata avviata nel periodo 2004-2008, come ad esempio nel 2005, quando i benefici per il welfare sono stati messi in vendita, stesso anno in cui il 60 ° anniversario della vittoria sovietica nella seconda guerra mondiale è stato commemorato in pompa magna. Il 2007 è l’anno del discorso di Putin a Monaco di Baviera, quando espresse i punti significativi della direzione futura della politica come se fosse diretta da lui in Russia, e delineava la nuova politica estera indipendente del paese. Ma, se nel 2003-2008, l'economia della Russia ha registrato una crescita media del 7,1%, dopo il 2009 la crescita economica ha rallentato bruscamente, e il rating di Putin, che ha toccato il suo picco nel 2008, è costantemente diminuito negli anni successivi. Quindi, in risposta alle proteste democratiche di massa del 2011-2012, il regime ha attivato la sua propaganda conservatrice, tradizionalista e nazionalista e il punto di rottura è arrivato nel 2014 con l'annessione della Crimea. Questa annessione e invasione in Ucraina, così come la partecipazione delle forze militari russe alla guerra in Siria dalla parte di Assad sono stati i punti chiave dei tentativi riusciti del governo di fermare il movimento di protesta e unire la società attorno a un leader forte, che è colui che "rende di nuovo grande la Russia". Nella breve campagna elettorale del 2018, senza alcun vero leader dell'opposizione, questa retorica militaristica e nazionalistica è stata davvero importante - i cittadini russi dovrebbero eleggere Vladimir Putin e il suo partito Russia Unita se vogliono vivere in un paese forte con la nostra voce nella politica internazionale e se non vogliamo vedere qualcosa come Maidan in Ucraina (o un po' come in Francia ora). Certamente, questa retorica non può fermare la caduta degli standard di vita in Russia, quindi il suo effetto sta lentamente scemando.

Il 2018 è stato anche l’anno del grande evento del mondiale di calcio Russia 2018: secondo Human Right Watch, 17 lavoratori sono morti nella costruzione degli stadi. Simbolo degli investimenti nelle infrastrutture è stato il Kaliningrad Stadium, costruito per una capacità di 35 mila persone mentre la squadra locale ha un seguito di tremila tifosi che vanno allo stadio. Cosa ha rappresentato Russia 2018 per il governo? 

La Coppa del Mondo Russia 2018 è stato un grande evento per il governo, prima di tutto. Per un breve periodo di tempo ha spostato l'interesse pubblico sviandolo dalle questioni interne e spostandolo su questo luminoso carnevale. Ha rafforzato le posizioni della Russia sulla scena internazionale e ha reso impossibili le proteste contro la riforma delle pensioni e l'aumento dell'imposta sul valore aggiunto (per legge) subito dopo la sua annunciazione. Sembra che i Russi possano avere un grande evento festival prima di cadere in una nuova situazione sociale ed economica, che renderà le vite delle persone normali ancora più difficili. Questo è ciò che è stato possibile ascoltare nei bar sport durante la Coppa.
Da un altro punto di vista è stata una grande opportunità per la corruzione e la distribuzione del reddito dal budget agli oligarchi. Tutti questi grandi progetti infrastrutturali, finanziati dal budget, danno enormi entrate alle aziende coinvolte. Questa è una logica del capitalismo russo moderno, quando il petrolio e il gas sono spese inefficaci per i progetti infrastrutturali, e possiamo vedere non solo il ponte di Crimea, ma anche un grande progetto di ricostruzione di Mosca, quando alcune strade vengono ricostruite ogni anno, o costruiti  percorsi per le biciclette nella piccola città del nord con 7 mesi di inverno e la chiusura  dell' ultima miniera di carbone.

In un video dello scorso mese di marzo, l’intellettuale Tariq Ali dialogando con Iliav Matveev, ha ricostruito brevemente il ruolo della Intellighenzia negli ultimi secoli: nel 1800 in opposizione allo Zar e spesso con posizioni anarchiche, poi in larga parte a favore della rivoluzione sovietica, fino alla partecipazione nella Perestroika. Oggi, ad ogni modo, come ha affermato Iliav Matveev, l’intellighenzia è descritta come liberale, anti – popolare, a favore del libero mercato. Cosa pensi in proposito? 

Il crollo dell'Unione Sovietica non fu solo una catastrofe economica per la maggior parte delle persone, ma anche una catastrofe ideologica. Durante praticamente tutto il periodo sovietico nella storia russa l'educazione umanitaria e le ricerche erano sotto la pressione del marxismo dogmatico, quindi dopo il 1992 sembrava che ci fossero solo due ideologie: il liberalismo occidentale, le libertà rappresentativa ed i  valori umanitari e il marxismo sovietico che rappresentava l'oppressione, il GULAG e la burocrazia . Anche ora questa falsa dicotomia è una parte importante della discussione pubblica, ma negli anni '90 ci fu uno scontro tra movimenti stalinisti più o meno radicali che fece appello al ripristino dell'URSS ed il movimento liberale radicato nel movimento democratico di massa degli ultimi anni '80. È vero che ora la maggior parte della cosiddetta intellighenzia è costituita da liberali filo-occidentali con idee di libero mercato. In parte sono colpevoli per l'ascesa al potere di Putin, perché hanno immaginato che sarà un "Pinochet russo" che temporaneamente avrebbe spremerà e taglierà le libertà, ma porterà rapidamente riforme economiche liberali. Per ora, possiamo vedere una sorta di appello populista di questa intellighenzia liberale, ma non hanno praticamente alcun dubbio sull'economia del libero mercato.

Bookmark and Share