Il lungo viaggio della Bosnia

Qual'è lo stato dell'arte dei movimenti ad un anno dallo scoppio delle proteste in Bosnia?

11 / 1 / 2015

Il 2014 è stato un anno pieno di mobilitazioni nei paesi della ex – Jugoslavia. Nei primi giorni di febbraio è scoppiata la protesta in Bosnia da parte dei lavoratori nelle fabbriche, iniziata a Tuzla e da parte di un settore sociale specifico, ma poi allargatasi in tutto il paese territorialmente e socialmente; in Serbia si è verificato un Primo Maggio molto partecipato come non avveniva da anni, ed a novembre si è svolta l’occupazione, sempre nella capitale serba, del cinema “Zvedza”, una struttura importante non utilizzata dal 2007, da qualche tempo nuovo fulcro di attività politiche e sociali. In Macedonia a partire da fine novembre si è accesa la rivolta studentesca, mentre in Croazia sta emergendo l’organizzazione Worker’s Front, organizzazione di lavoratori, sindacalisti, studenti, che combatte per il diritto degli oppressi; inoltre alle ultime elezioni, il candidato per il movimento per il diritto alla casa contro i pignoramenti , Sincic, ha ottenuto un buon risultato; un risultato significativo lo ha ottenuto anche alle elezioni europee Luka Mesec, 27 anni, sloveno, a capo di “Iniziativa democratica per il socialismo”, una formazione molto apprezzata dalla sinistra nei Balcani, anticapitalista ed a difesa dei settori sociali più deboli.  

Lo scorso anno Global Project ha descritto molte realtà dei Balcani con la sezione “Viaggio nei Balcani”. Quello che si può sostenere, in poche parole, è che nei recenti anni della crisi economica finanziaria si sono sviluppate alcune proteste e mobilitazioni di carattere sociale che non si erano viste ancora dopo il 1989, come risposta alle politiche neo – liberiste. Le  politiche di privatizzazioni, smantellamento del welfare, deregolamentazione del lavoro, impoverimento diffuso, nei Balcani,  sono state attivate da tutta la classe politica, unita in blocco sotto le stigmate del neo – liberismo, ben prima dell’esperimento della Troika in Grecia ai tempi dell’austerity, cioè proprio dalla caduta del muro di Berlino in poi. A questo proposito, di seguito un’intervista a Emin Eminagic, attivista e ricercatore in Bosnia e Erzegovina, che ha scritto per giornali come “East Journal” o “Leteast”.

Qual è la situazione oggi in Bosnia Erzegovina circa undici mesi dopo le proteste? Qual è stato il seguito di queste? Quale il portato di quella protesta, ed il suo proseguimento?

Come è noto, le proteste che sono iniziate nel febbraio dello scorso anno sono state un qualcosa di una unica storia sviluppatasi in Bosnia Erzegovina dopo la guerra conclusasi nel 1995. Le proteste sono riuscite finalmente a rompere il paradigma etno-nazionale, che è stato istituito dagli accordi di pace di Dayton. Per la prima volta in 20 anni, le questioni sociali sono state al centro del discorso pubblico, che, nei primi giorni delle proteste (05-06 Febbraio), si sono riflesse anche nei media. Dopo una serie di proteste infruttuose dei lavoratori nei giganti industriali di Tuzla, che sono stati distrutti e derubati attraverso i processi di privatizzazione sotto l'apparenza di una vita prospera all'interno della tendenza di transizione, il 5 febbraio è stato l'inizio di qualcosa che nessuno si aspettava di vedere accadesse in Bosnia Erzegovina. Era una reazione alla privatizzazione di un certo numero di grandi imprese di Tuzla, come Konjuh, Dita, Resod-Guming ePolihem, che nella ex Jugoslavia, e nei primi anni del dopoguerra (1996-2000), sono state sostenute e percepite come mezzo per fornire alcune delle principali fonti di reddito per la città e la sua regione. Tuttavia, a causa delle privatizzazioni, molte persone hanno perso il lavoro. Questa è stata la prima protesta del genere in Bosnia-Erzegovina, e la nascita di un movimento democratico di base, che sta trovando espressione attraverso le assemblee dei cittadini chiamati plenum. L'immagine delle proteste era eterogenea, i lavoratori, gli studenti, gli anziani, i disoccupati, i partecipanti non appartenevano alla classe politica, ma erano tutti quelli scontenti della situazione nel paese. Secondo fonti di notizie, il primo giorno delle proteste 3.000 persone sono scese in piazza e hanno occupato le due strade principali della città, arrestando il traffico per diverse ore. Quando alcune pietre sono state scagliate al palazzo Canton del governo, la polizia anti-sommossa è stata mobilitata per disperdere le proteste. Il 7 febbraio oltre 10.000 persone si sono radunate davanti al palazzo che ospitava la sede del governo Canton, che è stato poi data alle fiamme, dopo che le proteste si muovevano verso il Tribunale cantonale, che è stato colpito da pietre per diverse ore. Altre città, come Sarajevo, Bihać, Zenica e altre hanno iniziato ad unirsi alle proteste di solidarietà, ed anche alla violenza che ha seguito. Successivamente, a Tuzla, la gente si muoveva alla sede del Comune, che è stata anche dato alle fiamme. La situazione si calmò più tardi la sera, quando la polizia ha deciso di unirsi ai manifestanti. Ciò che seguì nei seguenti giorni e mesi dopo il 7 febbraio si sarebbe rivelato essere l'inizio di un vero movimento democratico. Il movimento ha istituito una piattaforma in cui le persone si impegnano in un processo di apprendimento, riscoprendo la propria voce politica, qualcosa, che le élites etno-nazionalista nel dopoguerra della Bosnia-Erzegovina hanno negato ai cittadini mediante continue minacce di nuove guerre e violenze, alienando in tal modo le persone dalle altre, nel tentativo di far credere che l'unico tipo di comunità in grado di esistere in Bosnia Erzegovina oggi si basa esclusivamente su etnia. Queste piattaforme divennero noto in tutto il paese come i plenum (assemblee) dei cittadini. Come ho già detto, l'immagine delle proteste era eterogenea tra cui molte persone diverse dalla società bosniaca di oggi, occupati, disoccupati, studenti, anziani ... In termini di organizzazione dei plenum, l'idea era che tutti hanno contribuito come cittadini, non come organizzazioni o rappresentanti ma come individui, che si è riflesso nel processo decisionale in un plenum, una-persona-un-voto. In qualche modo c'era un tacito accordo tra le diverse iniziative e le organizzazioni di rimanere "fuori dal quadro" le loro capacità rispettive di organizzazione, ma piuttosto la gente ha compreso l'importanza di considerare questo come un movimento popolare, e non un movimento di diverse organizzazioni o attori della società civile per un determinato ambito. Orma è di moda dire che le proteste non sfociano in nulla di concreto, io per primo credo che questo non sia vero, ed anche se i plenum hanno smesso di esistere, gli effetti dei momenti di liberazione ancora si possono sentire. Per la prima volta dopo anni, la gente aveva uno spazio dove potesse parlare liberamente senza il terrore della vita quotidiana, in cui vi viene ricattata facendogli credere che si è assolutamente sostituibile. Ad esempio, durante le inondazioni catastrofiche nel maggio del 2014, i partecipanti del plenum organizzarono prima di altri le prime risposte di crisi nelle rispettive città, mentre il governo si è impegnato in giochi politicanti (come ha ben analizzato Vuk Bakanovic). Una cosa importante da sottolineare è la creazione di Sindikat Solidarnosti (Sindacato della Solidarietà) un'iniziativa aperta dai lavoratori delle società in rovina in Tuzla, che è un tentativo di combattere sul piano istituzionale, la struttura di Sindikat Solidarnosti è completamente aperta a chiunque, se sei un lavoratore, disoccupato, studente, le istanze comprendono tra le altre cose la richiesta di amnistia di tutti i partecipanti alle proteste (molti dei partecipanti alle proteste sono stati criminalizzati, alcuni sono stati anche perseguiti come terroristi) e le revisioni delle privatizzazioni.

Qual è stata la reazione dei media in Bosnia verso le proteste? E qual è stata la reazione della classe politica nei riguardi della mobilitazione?

Le reazioni sia dei mezzi di comunicazione e delle élites politiche sono omogenee, come si può tranquillamente asserire che l'apparato dei media in Bosnia-Erzegovina lavora per volere del regime. Tuttavia, proprio all'inizio della protesta ci sembrava ci fosse una confusione in corso nei media. Frasi come "è questa la molla bosniaca", "sono persone che finalmente stanno combattendo", solo per essere denunciati il giorno successivo come atti di teppismo o terrorismo. Per esempio una delle notizie messe in circolo è stata che la polizia ha trovato 12 KG di droghe trai manifestanti di Sarajevo, che era una soffiata messa in giro dai media di regime, salvo poi sapere che le droghe sono state trovate in un raid della polizia ai margini della città,prima di quel giorno ( questa è stata considerata come falsa informazione dalla polizia, ma per maggiori informazioni si può consultare il sito di RadioSarajevo.ba). Le élites naturalmente invocarono sentimenti di guerra quando la porta della Presidenza della Bosnia-Erzegovinaè stata data alle fiamme il 7 febbraio, con affermazioni come "durante la guerra abbiamo difeso questo edificio, solo per vedere i nostri figli cercare di distruggerla". Nella loro disperazione le élites politiche immediatamente criminalizzarono i manifestanti, anche proclamando loro terroristi. Ci sono state anche ri-scritture populiste della storia nel modo più cinico, con dichiarazioni di tipo nazionalista  e rivolte all'opposizione del tipo "le proteste sono legittime, ma la violenza deve essere punita". Questo sentimento era presente anche tra i cittadini piccolo-borghesi delle città. Si  è potuto anche assistere a tentativi  di cercare di etnicizzata le proteste, con dichiarazioni provenienti dalla Republika Srpska (RS): politici come Željka Cvijanović, l'attuale primo ministro della RS, ha sostenuto che le proteste sono "possibili solo in una società disorganizzata e democraticamente immatura come la Federazione di Bosnia ed Erzegovina, mentre non avrebbero mai potuto accadere in una società democratica e matura come Republika Srpska , respingendo le questioni sociali verso cui le proteste sono rivolte. Tuttavia l'impatto delle proteste superano le minacce vuote ed il cinismo del momento. Quello che è stato anche interessante sono state le reazioni della comunità internazionale, quando l'Alto Rappresentante in Bosnia-Erzegovina, Valentin Inzko, il giorno dopo che le proteste sono finite, ha detto in un'intervista con il canale televisivo nazionale austriaco ORF, come avrebbe potuto usare la sua Bonn -Powers mobilitando le EUFOR, al fine di tranquillizzare la situazione. D'altra parte, Ahmed Davutoglu, l'allora ministro degli Esteri del governo di Erdogan in Turchia ha visitato Bakir Izetbegovic, il membro bosniaco della Presidenza della Bosnia-Erzegovina, durante le proteste, per consigliarlo su cosa fare in caso di crisi come questa. Non si può scherzare sulla assurdità di queste affermazioni. Mi piace sempre fare una battuta, mentre guardiamo le minacce di Inzko e Davutoglu, da una parte abbiamo l'imperatore d'Austria, dall'altro l'imperatore ottomano, in lotta per i Balcani ancora una volta, come nel 19 ° secolo. Tutto questo è molto indicativo della politica di protettorato della comunità internazionale nei confronti della Bosnia-Erzegovina, ed i più recenti due sviluppi incluso la mobilitazione di altri due plotoni inglesi durante le elezioni lo scorso ottobre, al fine di "garantire la sicurezza del processo democratico", mentre politici locali mantengono armata la polizia, affermando "non prenderemo i soldi dalla polizia".

Come vedi la sinistra organizzata oggi nel paese?

Beh, di certo si tratta di una domanda difficile sulla sinistra in Bosnia-Erzegovina di oggi, dato che il contesto post-jugoslavo differisce da Croazia e Slovenia in particolare. In Slovenia, ad esempio, con l'emergere della Sinistra Unita (Združena Levica), per la prima volta dalla dissoluzione della Jugoslavia, abbiamo un partito politico che entra in parlamento e apertamente parla di idee socialiste in un paese post-jugoslavo. In una società come la Bosnia-Erzegovina, che è frammentata, con l'imposizione di una apartheid multiculturale, è difficile formulare una forte sinistra con obiettivi chiari. Questo, tuttavia, non vuol dire che non ci siano iniziative in Bosnia-Erzegovina per portare avanti il cambiamento e indirizzare verso una prospettiva ideologica critica di sinistra. A Tuzla per esempio, prima delle manifestazioni c’erano già erano state numerose iniziative come la formazione del movimento degli Studenti - lo Student Plenum Tuzla, per esempio. Dopo le proteste, come ho già detto, Sindikat Solidarnosti è stato istituito nel Tuzla. Tuttavia, dal momento che non e 'passato neanche un anno dopo le proteste, è difficile e ancora troppo presto per dire cosa accadrà.

*** Mattia Gallo è un giornalista pubblicista e media attivista. Ha scritto su web journal, fanzine e siti di contro informazione come: Tamtamesegnalidifumo, Ciroma.org, Fatti al Cubo, Esodoweb, Ya Basta!, Dinamo Press, Lefteast. Tra gli animatori del sito Sportallarovescia.it, collabora con Global Project con attenzione alla politica internazionale.

Bookmark and Share