In Libia si intensifica lo scontro Haftar-Serraj

17 / 4 / 2019

Non si placano le tensioni in Libia tra il generale ribelle Haftar e il premier al-Sarraj. Giunti all’undicesimo giorno di battaglia, il bilancio provvisorio è di almeno di 147 morti (13 civili) e 614 feriti. E’ salito anche a 18.500 il numero degli sfollati (2.500 nelle sole ultime 24 ore), di cui 1.500 hanno trovato ospitalità in rifugi collettivi mentre altri a casa di parenti e amici. 

Ma a preoccupare l’Onu è anche la sorte di 1.500 migranti rinchiusi in 3 centri di detenzione vicini alla capitale (Qasr Ben Gashir, Abu Salim e Gharyan) dove da giorni infuriano gli scontri tra gli uomini di Haftar (il capo dell’autoproclamato Esercito nazionale libico, Enl) e le milizie armate alleate al governo riconosciuto internazionalmente di al-Sarraj. Particolarmente difficile è la situazione a Gharyan dove si teme ormai imminente un nuovo attacco: ieri sono arrivati carri armati, droni e rinforzi da est. Insieme al materiale bellico, secondo quanto riporta il qatariota Arab 21, sono giunti anche consiglieri militari francesi in sostegno del generale.

Preoccupante è anche la situazione a Gasr Garabulli dove da due giorni l’Unhcr distribuisce aiuti umanitari alla popolazione. Haftar, che domenica ha incassato al Cairo il sostegno del presidente egiziano al-Sisi, non riesce a sfondare le linee “nemiche” come aveva inizialmente previstoLa sua offensiva sta rischiando di rivelarsi un flop. Prima di tutto perché le sue truppe sono ancora ferme alla periferia di Tripoli bloccate dalle milizie armate legate al governo al-Sarraj. In secondo luogo per il numero finora abbastanza elevato di morti tra i suoi uomini (un bilancio che di giorno in giorno si fa sempre più gravoso) e perché, impegnato sul fronte occidentale del Paese, sta avendo dei problemi a controllare le altre aree sotto il suo controllo. Soprattutto nel Fezzan, a sud, dove la situazione di tensione lo ha costretto a rafforzare la sua presenza armata nel tentativo di difendere i pozzi petroliferi. Non è tranquillissima poi nemmeno la situazione ad est, a Bengasi, dove ieri il colonnello Abdel Marfaun, capo dell’antiterrorismo della Cirenaica, è scampato ad un attentato dinamitardo.

Il premier riconosciuto internazionalmente al-Sarraj, dal canto suo, prova a giocare sulle paure dell’Europa pur di porre fine alla minaccia rappresentata dal rivale dell’est. Ieri ha parlato di “800.000 migranti pronti a partire” e di “libici in fuga dalla guerra” nel caso in cui la situazione dovesse precipitare nel Paese africano. Al-Sarraj sa bene che giocare sulla paura dei migranti potrebbe fargli trovare molti alleati sulla sponda settentrionale del Mediterraneo e non sorprende come queste sue parole siano state pronunciate proprio alla vigilia dell’arrivo del suo vice Maitig in Italia, tra i paesi europei in prima linea nella caccia alle streghe contro i migranti. Intervistato dai giornali italiani, al-Sarraj ha nuovamente attaccato Haftar perché con la sua avanzata ha bloccato la conferenza nazionale sulla Libia che avrebbe dovuto tenersi in questi giorni a Ghadames su iniziativa dell’inviato dell’Onu Salameh. Un vertice a cui il generale 75enne aveva dato il suo ok salvo poi rimangiarsi la sua parola 11 giorni fa.

Nei confronti di Haftar ha usato ieri parole durissime anche SalamehPer l’alto funzionario delle Nazioni Unite, il comandante dell’Enl ha provato a compiere “un colpo di stato nel Paese piuttosto che un’iniziativa di anti-terrorismo” come invece sostiene il capo dell’Esercito nazionale. Il riferimento dell’inviato Onu è in particolare al mandato di arresto che Haftar ha rilasciato contro al-Serraj e ad importanti ufficiali di Tripoli. “Stiamo in una situazione di stallo da 8 o 9 giorni in cui nessuna delle due parti può raggiungere una vittoria militare”. L’alto diplomatico internazionale ha sottolineato infatti come i 30 raid aerei compiuti a testa dalle milizie che sostengono Tripoli e dall’esercito guidato dal generale non abbiano sostanzialmente modificato la situazione sul terreno.

Ma l’appello a porre fine le ostilità da parte dell’Onu lascia il tempo che trova fintanto che Haftar può vantare di amicizie importanti decise a sbarazzarsi di al-Sarraj: dall’Arabia Saudita (che, si dice, avrebbe finanziato l’avanzata), agli Emirati Arabi Uniti, all’Egitto, alla Russia e, sebbene non ufficialmente, alla Francia. Proprio Parigi ritiene il 75enne Haftar l’unico che può porre fine al caos libico. Un caos che, forse “dimentica”, ha contribuito a creare soprattutto lei dato che nel 2011, insieme all’Italia, era in prima fila a sostenere la missione della Nato anti-Gheddafi.

E mentre i combattimenti proseguono e al momento la tregua sembra essere una chimera, aumentano le preoccupazioni per i civili. L’agenzia dell’Onu Ocha è ritornata a ripetere che colpire le strutture civili è una violazione del diritto internazionale. Sulla stessa lunghezza d’onda la missione Onu in Libia (Unsmil) che ha ricordato come “bombardare le scuole, ospedali, ambulanze e aree civili è altamente proibito”. L’Unsmil ha anche dichiarato che sta documentando questi casi per portarli al Consiglio di Sicurezza dell’Onu. Sabato una scuola è stata colpita da un raid attribuito da Tripoli alle truppe di Haftar. Due missili sempre dell’Enl avevano preso di mira domenica un deposito del ministero dell’istruzione. Risultato? 3,1 milioni di libri di scuola andati in fumo. Con un tweet l’Ocha ha fatto sapere che 5 milioni di testi e di risultati dell’esame nazionale sono andati distrutti

Tratto da:

Bookmark and Share