Kosovo, Balcani, Europa.

Ultima puntata di "Sguardi sui Balcani" e si parla di Kosovo, regione/stato in Europa o pedina nei Balcani.

20 / 5 / 2014

Gli “sguardi sui Balcani” finora intrapresi, attraverso le interviste ad attivisti di paesi come Macedonia, Croazia, Albania, Serbia ed infine Kosovo, ci hanno consegnato alcuni dati di fatto da prendere in considerazione.

Innanzitutto, questi paesi appartenenti alla sfera dell’ex blocco sovietico, hanno vissuto due ondate shock di neo – liberismo, entrambe radicali come quella che ha afflitto il resto dell'Europa con le politiche di austerità nel periodo della recente crisi internazionale: la prima è stata appunto con la caduta del blocco sovietico ad inizi anni 90, e dunque a seguire, la crisi economico - finanziaria del 2008.

Due fasi politiche caratterizzate da privatizzazioni, dismissioni industriali e delle forme di welfare, impoverimento diffuso dovuto alle politiche di precarizzazione e sperequazione; e poi la presenza di un arco politico assimilabile alle categorie ed italiane ed europee di centro – destra e centro – sinistra che insieme hanno portato avanti unitariamente politiche di impronta neo – liberista, a volte facendo leva su sciovinismi e xenofobia, nel crogiolo di popoli che sono i Balcani.

Adesso questi paesi si proiettano in una dimensione europea, non solo però sul piano politico – territoriale, ma anche su quello delle lotte: infatti in questi ultimi anni sono sorti dei movimenti di contestazione, che hanno avuto un certo impatto, anche di tipo apertamente anti – capitalista, di cui non si era fino ad ora avuta traccia a partire dalla fine dell’Ex – Urss.

Questo tipo di considerazioni ci porta a mettere in discussione la fissità della categoria del sud Europa, (ed in generale del “sud”), come unico spazio preso di mira dall’attacco delle organizzazioni transnazionali europee che rappresentano il finanzcapitalismo, a cui si deve aggiungere evidentemente anche quelle dei paesi dell’est europeo.

Categoria dubbia, che se messa in discussione, ci porta a ritrovare tanti “sud” anche nelle città del nord – Europa, basti pensare alle lotte dei precari dello spettacolo in Francia o alle nuove riforme disciplinanti sul lavoro nei confronti delle classi povere in Inghilterra (quelle classi molto probabilmente che afferivano agli “incivili” dei riots dell’agosto del 2011).

Tra le ultime mobilitazioni da appuntare nell’est Europa c’è quella degli studenti del Kosovo, registrata nei primi mesi del 2014. Ha risposto ad alcune domande Rronn Gjinovci, 24 anni, studente di filosofia dell’Università di Pristina.

E’ un’attivista che ha fatto parte di diverse organizzazioni e di movimenti nel paese: quando gli si chiede quante volte sia stato arrestato, ti risponde “sono stato trattenuto in custodia due mesi per aver ribaltato una jeep dell’EULEX; un mese per aver buttato vernice rossa al rettore dell’Università di Pristina, che mi è costata anche la possibilità di poter intraprendere gli studi di ingegneria, per cui poi ho dovuto cambiare facoltà, e considerando tutte le volte che sono stato fermato per 48 ore, sono stato arrestato almeno 10 volte”. Pensa sia importante, e si batte per questo, al fine di dover dare vita ad una organizzazione di sinistra nel suo paese; di seguito alcune domande a cui ha risposto.

Quali sono state le ragioni della protesta studentesca sorta nei primi mesi del 2014 in Kosovo? Quali sono stati i motivi da cui è scaturita e quali sono state le maggiori rivendicazioni degli studenti?

L’Università di Pristina è stata coinvolta in numerosi scandali di corruzione raccontati dalle cronache da anni. Dopo il 1999, questa università è stata presa sotto controllo dai vari gruppi politici che hanno utilizzato questa istituzione come mezzo di avanzamento verso il potere. Negli ultimi anni, questo andazzo è deteriorato al punto che i professori sono stati nominati sulla base del suo partito politico, non su basi professionali. Tale fu il caso della nomina dell'ex rettore, Ibrahim Gashi. Un report dei media a fece luce sulla questione del plagio nel più alto livello dell'università. Il rettore ha pubblicato tre documenti su una rivista, con l'intenzione di rispettare i requisiti ufficiali per essere promossi dalla posizione di professore assistente a quella di un professore regolare. Questo atto ha causato un putiferio nella società civile. Un certo numero di attivisti, intellettuali, professori e altri membri della società civile erano indignati e hanno sollevato la questione in dibattiti pubblici. La situazione ha guadagnato più attenzione quando una persona anonima ha pubblicato un "articolo scientifico" sulla stessa rivista, dove il rettore aveva già pubblicato. L'articolo pubblicato era il Manifesto del Partito Comunista, ma un po 'di parole chiave come "partito", "classe operaia", ecc furono sostituite con altre parole. Tutti questi eventi hanno portano ad una protesta che fu annunciata il 26 gennaio 2014 da un gruppo indipendente di studenti. Le principali richieste erano le dimissioni del rettore e il rispetto dell'autonomia universitaria. Le istituzioni del Kosovo sono state arroganti, sostenendo che il rettore non si scarica e che le indagini su questo caso dovrebbero continuare. Gli studenti hanno deciso di bloccare il rettorato ma la reazione della polizia è stata veloce e ruvida, e non hanno permesso il blocco. La violenza della polizia durante una serie di proteste studentesche che stavano cercando di bloccare il rettorato fu inaccettabile per i cittadini. Nel decimo giorno di protesta, i manifestanti furono circa duemila. C'erano anche un gran numero di manifestanti che non sono eranoi direttamente affiliati con l'università, superando anche il numero di studenti che protestavano. Questo ci porta alla percezione che l'università è stato solo uno dei motivi delle proteste, e che ci sono anche altre ragioni più grandi per protestare. C'è una generale riluttanza a protestare per quello che i resoconti dei media dicono sul nepotismo e la corruzione, creando un'atmosfera difficile per protestare in Kosovo. Protestare in proteste organizzate di opposizione può portare ad essere licenziato dal proprio lavoro, nello stesso tempo partecipare alle proteste studentesche è percepita dalla società del Kosovo come nobile e politicamente corretto. Pertanto le proteste studentesche sono diventate un buon canale per organizzare il malcontento socio-economico senza temere che possa essere capitalizzato da nessun gruppo che abbia fini interessati.

Quali sono state le guidelinea della classe politica istituzionale nel paese dal 1999? Sono state perseguite politiche neo – liberiste? Dopo quindici anni di vita politica, quali sono le maggiori criticità del paese?

Dopo il 1999, il Kosovo ha iniziato la sua privatizzazione delle imprese pubbliche basate sul paradigma liberale per cui gli stati post-conflitto dovrebbero stabilire un libero mercato. Questo processo è iniziato sotto la guida della missione delle Nazioni Unite in Kosovo, ed è tuttora in corso. Fino ad ora, il Movimento di Autodeterminazione è stato l'unico attore che ha contestato questo processo. Questo movimento è stato fondato nel 2005, e ha fatto parte dei processi elettorali dal 2010, attraverso i quali ha guadagnato circa il 10% dell'elettorato. Si può dire che il modo di fare politica in Kosovo sia neoliberista. La privatizzazione della società –di proprietà pubblica Poste e Telecomunicazioni del Kosovo (PTK) è principalmente giustificata da una posizione neoliberista, anche se la società sta portando profitti al pubblico. Un altro esempio potrebbe essere la cessione della rete di distribuzione elettrica precedentemente di proprietà pubblica, un processo scandaloso in cui il diritto al profitto del pubblico è stata preso dal pubblico. L'attività di distribuzione è stata venduta per 16 milioni di euro, che potrebbe ammontare solo per le strutture fisiche dei cavi e cabine elettriche installate in Kosovo. Le questioni chiave in Kosovo rimangono la situazione socio – economia ed il funzionamento delle istituzioni e dello Stato di diritto; c’è anche la disputa dell'integrità territoriale della Repubblica del Kosovo: questa disputa nasce dal funzionamento delle strutture parallele sostenute dalla Repubblica di Serbia nel territorio del Kosovo.

La missione Eulex a partire dal 2008, attraverso cui l’Unione europea aiuta il Kosovo a costituire uno stato di diritto. La missione EULEX in Kosovo, a partire dal 2008: cosa è e quale è la tua posizione critica nei suoi confronti? Parlando dello stesso periodo, qual è stato il peso della crisi economico – finanziaria su un paese come il Kosovo? Quali i settori più colpiti?

EULEX è una di missione diritto in Kosovo dell'UE . Questa missione è neutra rispetto all’indipendenza del Kosovo , così non lo riconosce , mentre detiene poteri esecutivi all'interno dello Stato del Kosovo .
Anche se centinaia di milioni di euro dei contribuenti europei sono stati investiti in questa missione , si può dire che abbia fallito completamente . Nessuna grave caso di corruzione è stato risolto finora. Ci sono fondati motivi di ritenere che i potenti stati occidentali hanno spesso influenzato le decisioni dei giudici EULEX . La gente del Kosovo ritiene che l'EULEX è un'istituzione che viene utilizzato per ricattare i politici del Kosovo a partecipare ai negoziati con la Serbia . Ciò viene fatto utilizzando i crimini economici dei politici come leva . Il 2007/2008 ha certamente influito sul Kosovo, ma non più di tanto sulla sua economia debole. Il Kosovo è un paese che importa . Il rapporto export-import è 11:01 : ossia il Kosovo importa 11 volte di quello che esporta . Essendo un paese povero ( con il 29,7 % della popolazione che vive in povertà , mentre il 10,2 % di essa vive in condizioni di estrema povertà) ha permesso che il Kosovo non abbia sentito la crisi più di tanto, dal momento che il Paese è in una crisi economica dal 1990 . Uno degli eventi più importanti è che la crescita dei prezzi del paniere alimentare di base , mentre il valore del denaro è sceso

Ci sono realtà anti – capitaliste in Kosovo? Pensi sia importante la costruzione di organizazioni di sinistra radical nel paese?

Non c'è nessuna organizzazione anticapitalista in Kosovo . Perché non c'è organizzazione di sinistra nel paese , vi è una mancanza di un'alternativa di sinistra per affrontare la dottrina neoliberista che si presenta come l'unica scelta per i cittadini di Kosovo. Che cosa resta da fare in Kosovo è la creazione di una organizzazione di sinistra che dovrebbe fornire un'alternativa alle proposte neoliberali nel fare politica , economia o altri affari pubblici . Il Kosovo ha bisogno di una organizzazione di sinistra che alzi il livello del discorso politico su un piano teorico , che fornisca l'alternativa per una società con valori umani basati sulla parità e l'emancipazione , e siamo in attesa di stabilirla al più presto .
Il Kosovo è piccolo . Tutti i paesi dei Balcani sono piccoli . Qualsiasi serio rischio per cambiamenti radicali in nessuno dei paesi dei Balcani dovrebbe essere a carattere regionale, in modo che esso sia sostenibile .

Bookmark and Share