Quarta assemblea delle assemblee - Gli appelli dei Gilets Jaunes

Traduzione, foto e commento a cura di Plateforme d’Enqûetes Militantes

8 / 11 / 2019

Dopo tre giorni di intense discussioni, la 4° Assemblea delle Assemblee (AdA) dei Gilets Jaunes, tenutasi dall'1 al 3 novembre a Montpellier, si è conclusa con la stesura di tre importanti appelli che pubblichiamo qui di seguito. Più di 600 persone – delegate da più di 200 gruppi locali – si sono riunite in plenaria per votare in modo consultativo i testi emersi dagli ateliers di discussione, sulla base dei temi proposti dalle assemblee locali.

Il primo appello invita l'intera popolazione a bloccare la Francia il 16 e 17 novembre prossimi, in occasione del primo anniversario del movimento. È stata ribadita l'importanza di forme di azione molteplici che abbiano come obiettivo quello di colorare di giallo l’intero paese per dimostrare che non cederemo di fronte la repressione e l'invisibilizzazione mediatica del movimento. Il secondo appello invita a generalizzare e radicalizzare la mobilitazione sociale del 5 dicembre contro la riforma delle pensioni. Infine, un terzo appello approvato con acclamazione dall'assemblea plenaria propone di dedicare l'anniversario dei Gilets Jaunes a tutte i sollevamenti in corso nel mondo per la giustizia sociale, la giustizia climatica e la democrazia.

In un clima di profonda fraternità, l'AdA si è conclusa con canti di lotta e l'esposizione di uno striscione che chiama alla rivoluzione in ogni angolo del mondo. La sperimentazione di nuove pratiche e regole comuni durante questo AdA mostra la tendenza alla continua reinvenzione della democrazia diretta come manifestazione di contropotere sociale. Rilancia inoltre l'entusiasmo e la volontà di coordinarsi in modo decentrato e orizzontale.

APPELLO N°1: Per l'anniversario del 16/17 novembre.



I delegati di più di 200 gruppi di Gilets Jaunes provenienti da tutta la Francia, riuniti nella Assemblea delle Assemblee dall’1 al 3 novembre 2019 a Montpellier, invitano l'intera popolazione a esprimere ovunque la propria collera in occasione del primo anniversario della rivolta il 16 e 17 novembre 2019.


Un anno dopo la comparsa dei Gilets Jaunes, persone provenienti da tutto il mondo si stanno sollevando contro governi paragonabili ai nostri. Dimostriamo loro, e rendiamo chiaro ai nostri governanti, che siamo ancora QUI e che stiamo lottando per le stesse ragioni. Azioni contro gli speculatori di ogni genere, come l’apertura dei pedaggi, i blocchi dell'economia bancaria, dei flussi di merci o del consumo di massa. Azioni contro le violenze sociali, poliziesche e giudiziarie per denunciare pubblicamente i diretti responsabili di questa situazione e coloro che continuano a trasmettere le loro menzogne. È il momento di dire basta! Azioni a fianco di tutta la popolazione, sulle rotatorie o nei mercati, nei luoghi pubblici o privati, per recuperare e ricostruire la solidarietà popolare, e forse molto di più.

L'ADA chiama inoltre, per quel week end, al blocco del “boulevard péripherique"[tangenziale interna] di Parigi in modo che tutti coloro i quali desiderano raggiungere la città possano avere un punto d'incontro, senza con ciò escludere altre azioni. Queste giornate di mobilitazione si stanno già preparando in varie città, nella capitale e in molte delle zone periferiche. Per questo motivo scommettiamo che se aumenteremo i nostri sforzi in tutto il paese in quegli stessi giorni, potremo finalmente far sentire ai nostri oppressori che il popolo si è svegliato, che il loro regno sta per finire.

In vista del 16 e 17 novembre, in molti si stanno già preparando a rispondere a questo appello dai loro villaggi, altri sceglieranno di andare nella capitale o nelle grandi città. Questa diversità è già la nostra forza. Ma è all'intera popolazione ora che chiediamo di mobilitarsi in queste giornate per far finalmente prevalere le esigenze universali di giustizia sociale, ecologica e di vera democrazia.

Appello N°2 : Per lo sciopero del 5 dicembre 

L’Assemblea delle Assemblee riunita a Montpellier ritiene che, dopo un anno di incessante mobilitazione, la situazione sia arrivata a un punto di svolta. 

È venuta l’ora della convergenza con il mondo del lavoro e la sua rete di migliaia di lavoratori e sindacalisti di base che, come noi, non accettano questa situazione. 

È necessario riunire il popolo francese in tutte le sue componenti sociali: agricoltori, pensionati, disoccupati, precari, lavoratori del pubblico e del settore privato.

Abbiamo l’occasione di farlo, a partire dal 5 dicembre, data nella quale centinaia di migliaia di lavoratori saranno in sciopero e in assemblee generali, per prolungarlo fino alla soddisfazione delle nostre rivendicazioni. 

L’Assemblea di Montpellier invita i Gilets Jaunes a essere al cuore di questo movimento, con le loro proprie rivendicazioni e aspirazioni, sui loro luoghi di lavoro o nelle rotonde, con il loro gilet ben visibile! 

La sconfitta del governo sulla riforma delle pensioni aprirà la via ad altre vittorie per il nostro campo. 

Tutti e tutte nelle strade a partire dal 5 dicembre, in sciopero, nelle rotonde o in azioni di blocco! 

Appello n. 3. DEDICA DEI GILETS JAUNES AI SOLLEVAMENTI NEL MONDO

Noi, Gilets Jaunes di tutta la Francia, ci rivolgiamo a tutti i popoli in rivolta !

In occasione dell'anniversario del nostro movimento il 16-17 novembre, vogliamo dedicare la nostra festa alle rivolte popolari in corso nel mondo.

Da ormai un anno, noi Gilets Jaunes siamo in lotta per la giustizia sociale, la giustizia fiscale, la giustizia ecologica, la democrazia diretta, la libertà e la dignità, per diventare protagonisti del nostro futuro. Un anno dopo, numerose rivolte stanno avendo luogo ovunque nel mondo : Cile, Iraq, Catalogna, Libano, Hong Kong, Algeria, Ecuador, Sudan, Colombia, Haiti, Guinea-Conakry, ecc.

Noi ci sentiamo fratelli, sorelle e alleati di queste rivolte.

Esigiamo la liberazione immediata di tutte e tutti i prigionieri politici e la fine della repressione di Stato.

Viviamo in un sistema globalizzato ed imperialista. Soltanto alleandosi, i popoli in rivolta possono riuscire a trasformare le loro condizioni di vita. Invitiamo dunque ad agire in comune nel week-end del 16-17 Novembre, per creare e rinforzare le alleanze tra i popoli in lotta. revolutioneverywhere@riseup.net 

Il 16 e il 17 Novembre festeggeremo l'anniversario del nostro sollevamento. Vogliamo dedicarlo a tutte le rivolte in corso nel mondo, ai nostri alleati in questo sollevamento planetario. Saremmo felici di celebrare questo anniversario in solidarietà e di condividerlo con i popoli in lotta dappertutto nel mondo. Vi invitiamo a festeggiarlo con delle prime iniziative comuni, come per esempio, striscioni congiunti che riprendano gli hashtags: 

#RevolutionEverywhere

#QueSeVayanTodos

Bookmark and Share