Rojava, un pezzo di libertà nel mondo

26 / 2 / 2019

Nel mezzo del “vulcano geopolitico” che è il Medio Oriente è emersa una delle esperienze politiche più radicali e innovative del mondo contemporaneo. Riguarda il processo rivoluzionario del popolo curdo in quella regione a nord della Siria, in cui le donne hanno svolto un ruolo fondamentale.

I popoli della Federazione della Siria del Nord stanno portando avanti una delle più moderne rivoluzioni politiche e sociali contro la modernità capitalista, i cui punti cardine sono la lotta delle donne contro il patriarcato, la democrazia popolare e il rispetto per l’ambiente.

Tutto questo succede abbandonando l’idea dello Stato-nazione e mettendo in discussione le strategie rivoluzionarie convenzionali. Il loro successo è stato inaspettato: hanno creato oasi di libertà in una delle regioni più in conflitto del mondo.

Dal 2011, nel contesto della Primavera araba, il popolo curdo (e gli altri popoli che abitano la Siria del Nord, ndr) hanno preso il controllo della regione settentrionale della Siria conosciuta come Rojava attraverso una nuova forma di organizzazione chiamata Confederalismo Democratico, secondo i cui principi le istituzioni politiche e sociali sono governate secondo il principio del municipalismo (generalmente un uomo e una donna ndr), attraverso il quale le città, i quartieri e le varie istituzioni seguono il principio della partecipazione comunitaria.

Uno degli aspetti più importanti di questo processo rivoluzionario è la Rivoluzione delle Donne (secondo uno scritto omonimo di Abdullah Öcalan, ndr), che teorizza la loro partecipazione equa in tutti i comuni e le assemblee in cui vengono prese le decisioni, e che include la formazione della propria unità di autodifesa (Ypj ndr). L'esperienza di combattimento delle donne curde è diventata una delle più importanti lotte contro il patriarcato nel mondo di oggi.

Questa esperienza rivoluzionaria è importante perché mette in discussione e rovescia diverse nozioni politiche, date ormai per scontate nella modernità capitalista, come la necessità di organizzare la società attraverso lo Stato-nazione vedendo però l'esistenza dei movimenti come mezzo indispensabile per partecipazione attiva alla politica. Oppure il progetto curdo mette in discussione il progresso basato sull'industrialismo e lo sfruttamento delle risorse, il sistema liberale di giustizia e l'ideologia statalista.

1_kurdistan

I popoli del Kurdistan: un mosaico di culture

Il popolo curdo è solo uno degli oltre settanta che sono fioriti nella regione che l'Occidente eurocentrico ha definito come Medio Oriente, e di cui oggi ne rimane solo la metà. Sono il popolo più grande al mondo che non ha uno Stato. Ci sono circa 50 milioni di curdi sparsi in quattro nazioni: Turchia, Siria, Iran e Iraq, oltre alla diaspora che li ha portati in diversi paesi d’Europa (in particolare la Germania) e in altre parti del mondo. L'intera regione del Kurdistan si estende per circa 500 mila chilometri quadrati (un quarto del territorio messicano), dalle montagne del Tauro dell'Anatolia turca alle montagne di Zagros nell'Iran occidentale e nel nord dell'Iraq. I curdi sono la terza minoranza etnica più importante dell'Asia occidentale, dopo gli arabi e i turchi.

Il movimento curdo si rivendica il fatto di discendere dal popolo ancestrale che faceva parte della civiltà dell'antica Mesopotamia e, in quanto tale, è l'erede di una delle più antiche e significative civiltà dell'umanità. Tra valli e le montagne tra i fiumi Tigri ed Eufrate fiorirono quelle culture che inventarono la scrittura, i primi codici legali, le religioni, le economie; videro nascere gli Stati che segnarono quella regione e che poi hanno influenzato il mondo. Nella loro tradizione orale, i militanti del movimento di liberazione del Kurdistan si considerano come un popolo la cui storia risale a cinquemila anni prima e come una cultura centrale nella Mezzaluna Fertile, una regione produttrice di civiltà. Ma alcuni storici limano quella storia. Sebbene ammettano antecedenti millenari, specificano che gli attuali curdi sono discendenti dei Medi tra il 678 e il 549 prima di Cristo. «La più antica menzione del termine curdo si trova nelle fonti in Pahlavi dell'Iran dal periodo sasanide (224-651)», secondo Djene Rhys Bajalan (Istor Magazine No. 70, Fall of 2017).

Le terre abitate dai curdi sono sempre state un territorio desiderato e contestato da altre nazioni, imperi e poteri. Nel settimo secolo, i curdi fronteggiarono l'ascesa dell'Islam, quando invece, a quel tempo, la maggioranza curda praticava una varietà di orientamenti religiosi, comprese le comunità cristiane. Ci sono stati anche gli "adoratori del fuoco" individuati dalla Rhys come zoroastriani. Al momento, comunque, i curdi non sono caratterizzati dalla loro uniformità religiosa. Ci sono musulmani sunniti, o sciiti, aleviti, yazidi, cristiani ed ebrei.

Diversi autori sottolineano l'unicità dei curdi, che hanno storicamente affrontato le ambizioni degli imperi e religioni: romani, persiani, arabi, ottomani e così via. I curdi sostengono che il loro popolo ha faticato a rimanere fuori da queste continue incursioni, invasioni e tentativi di annessione ad altri Stati. Da qui la sua leggendaria reputazione di un popolo che ha di fatto mantenuto l'indipendenza nei propri villaggi e comunità, al di là del desiderio di controllo degli imperi e degli Stati nazione.

2_kurdistan

La storia più recente dei curdi è segnata dall'inclusione del suo territorio nell'Impero Ottomano, che ha portato rivolte contro questo dominio negli anni 1806, 1831, 1842, 1855 e 1880. Tra la fine del diciannovesimo e l'inizio del ventesimo secolo, il movimento curdo ha cercato - in diversi momenti - di ottenere la propria indipendenza. Durante la prima guerra mondiale, i poteri vincenti sconfissero l'impero ottomano e, dopo la sua dissoluzione, la mappa del Medio Oriente è stata ridisegnata: alla Francia rimasero la Libia e la Siria, alla Gran Bretagna l'Iraq e la Giordania, mentre la Persia divenne l'attuale Iran e l’Impero Ottomano divenne la Repubblica di Turchia.

In questo contesto, le organizzazioni politiche e sociali del popolo curdo ha cercato di percorrere l'iter per ottenere l’indipendenza. Nel 1918 è stato firmato il trattato di Sèvres, sotto la garanzia degli Stati Uniti, che prometteva l'indipendenza al Kurdistan. Questo trattato - come ben sappiamo - è stato violato dopo pochissimi anni. Invece i trattati di Losanna e Ankara che sono stati firmati nel 1923, stabilivano che il territorio del popolo curdo sarebbe stato suddiviso tra quattro nazioni: la Siria, l'Iran, l'Iraq e la Turchia. Questa frammentazione è tuttora in vigore e più volte rafforzata da nuovi accordi regionali.

Erol Polat, del Congresso Nazionale del Kurdistan, che ha visitato Guadalajara nel giugno del 2018, ha detto che questa divisione è funzionale a controllare politicamente sia i curdi e le altre nazioni del Medio Oriente dalle potenze europee: «Hanno diviso il Kurdistan quattro parti, e con questa [manovra politica] volevano controllare il pensiero dell'impero persiano (Iran), controllare i turchi Ottomani (...) e nazionalisti arabi che provengono dalla religione dell'Islam, chi di fatto domina questo territorio, poiché questa zona è molto importante per l'essere umano.»

A causa di questo background, i curdi si stanno attualmente proclamando come il "popolo più popoloso" senza però avere uno stato proprio; la popolazione è ora divisa nelle seguenti regioni, con le rispettive denominazioni in lingua curda: nel sud-est della Turchia (Bakur), a nord dell’Iraq (Bashur) ad ovest della Siria (Rojava) ed est in Iran (Rojhilat). Ci sono quattro lingue principali: sorani, zasakí, goraní e kurmanji. E mentre la religione predominante è l'Islam sunnita, ci sono anche aleviti, sciiti, zoroastriani, yezidi e cristiani. A causa della diversità etnica, religiosa e linguistica, quella regione dell'antica Mesopotamia è considerata un "mosaico culturale", come ha detto Bozan Tekin, leader del Pkk.

Attualmente si stima che ci siano circa 50 milioni di curdi, di cui circa 20 milioni vivono in Turchia, 13 milioni in Iran, 8 milioni in Iraq e 3 milioni in Siria. Oltre a ciò, va considerata la diaspora che si estende in Germania, dove ci sono circa due milioni di curdi, oltre l’Armenia, Georgia, Azerbaigian e Kazakistan.

I tentativi di colonizzazione e oppressione del popolo curdo possono essere compresi rivedendo la ricchezza del territorio in cui si trovano. Nel suo territorio si trovano due dei tre fiumi più importanti del Medio Oriente: il Tigri e l'Eufrate (l'altro è il Nilo, in Egitto). Oltre ad avere tanta acqua quanto la Turchia ha bisogno, il Kurdistan ha una terra più fertile. Inoltre, possiede la maggior parte della ricchezza petrolifera: il 100 per cento del petrolio turco e della Siria si trovano nelle regioni curde; nell'Iraq curdo si trova il 75 percento del petrolio di quel paese e il 50 percento dell'Iran nel Kurdistan iraniano.

3_kurdistan

manifestanti curdi tengono una bandiera del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK) durante una manifestazione a Düsseldorf, nel nord della Germania. Circa 30.000 curdi di diversi paesi europei hanno chiesto una soluzione politica al loro conflitto con la Turchia. Foto: Reuters / Arnd Wiegmann.

Pkk: Dall’anticolonialismo al confederalismo.

Ogni regione del Kurdistan ha organizzato la propria lotta per l’indipendenza, come nel caso dei curdi iracheni che hanno ottenuto la loro autonomia di fatto in l'Iraq (Bashur), dopo la prima Guerra del Golfo, nel 1991. Attualmente, nel Kurdistan iracheno vivono circa sei milioni di persone in un territorio che si mantiene in relativa autonomia rispetto le autorità centrali. Il 25 settembre 2017 ha avuto luogo un referendum per chiedere l'indipendenza di questa regione. Più del 76 per cento dei 4.5 milioni di elettori si sono presentati alle urne, dei quali quasi il 93 percento si rivelò a favore dell'indipendenza del Kurdistan iracheno. Il governo di Baghdad definì illegale la consultazione popolare, approvò una serie di sanzioni contro l'autonomia curda e riprese il controllo della regione conosciuta come Kirkuk.

Da parte loro, i curdi della regione del Bakur (Turchia) continuano a combattere nel movimento di liberazione nazionale iniziato negli anni '60 del XX secolo, influenzati dai movimenti anticolonialisti del mondo. Dopo vari sforzi organizzativi, un gruppo composto principalmente da studenti universitari ha fondato, il 15 agosto 1978, il Partito dei lavoratori del Kurdistan (Pkk), nella città di Fis, provincia di Amed (Diyarbakir, in turco), che segue un'ideologia marxista-leninista. L’obiettivo dichiarato era liberare il Kurdistan dal colonialismo ed istituire uno Stato indipendente. Il Pkk effettuò la sua prima azione armata il 15 agosto 1984, attaccando due caserme turche. Dopo quell'attacco, le colonne del Pkk si concentrarono nelle catene montuose del Kurdistan, tra i confini dell'Iraq, Iran e Turchia.

Nel 1986, al suo terzo congresso, il il Partito dei lavoratori del Kurdistan, che era un gruppo guerrigliero, ha deciso di tramutarsi un esercito, pur senza abbandonare la strategia della guerriglia. A metà degli anni '80, il governo turco intensificò la persecuzione delle forze del Pkk e, al fine di inibire il sostegno della popolazione, sviluppò una strategia repressiva su larga scala. Erol Polat la ricorda così: «Negli anni '80 e '90 inizia la guerra con le armi e lo Stato turco bombarda più di quattromila villaggi. Tuttora i villaggi non ci sono e circa tre milioni di curdi sono dovuti andare nelle città». Fin dalla sua nascita, il Pkk ha mirato a creare organizzazioni politiche che agiscano nella legalità di ciascun paese, eppure tutti i tentativi sono stati banditi dal governo turco.

Come nel passato, le lotte del popolo curdo per la loro liberazione e autonomia sono state represse dagli stati nazionali in cui il Kurdistan è diviso. Uno dei più recenti episodi repressivi si è verificato tra il 1994 e il 1995 quando più di tremila villaggi curdi sono stati rasi al suolo e bruciati dall'esercito turco. La repressione non era avvenuta casualmente, ma era stata concentrata in agglomerati i cui territori avevano giacimenti minerari o erano su terreni fertili vicino ai fiumi Tigri o Eufrate, dove il governo della Turchia aveva pianificato la costruzione di almeno 20 dighe idroelettriche. Oltre alle migliaia di sfollati per la costruzione di questi mega-progetti, si stima che almeno 17 mila civili siano morti. Questo episodio rivela come la guerra contro i curdi è allo stesso tempo utilizzata dagli stati nazionali per privarli di terre e risorse.

4_kurdistan

Silhouette di un manifestante curdo su uno stendardo che mostra Abdullah Öcalan, leader del Partito dei lavoratori del Kurdistan (PKK), durante una manifestazione contro il governo della Turchia nel novembre 2007. Foto: Wolfgang Rattay.

Come parte di questa guerra, la Turchia ha perseguitato il Pkk e i suoi leader. Uno degli obiettivi centrali delle forze di sicurezza turche è stato la cattura del leader Abdullah Öcalan, che venne poi arrestato il 15 febbraio 1999 in Kenya. Come sostenuto dal movimento ribelle curdo, alla sua cattura hanno partecipato, oltre al servizio di intelligence turco, la Cia statunitense, il Mossad israeliano e la M15 britannica. Dopo il suo arresto, Öcalan è stato portato in Turchia, dove è stato sottoposto a un processo con cui il governo intendeva presentarlo come leader di un movimento terrorista. Öcalan ha approfittato della sua difesa per informare che il Pkk e le organizzazioni del popolo curdo, proponevano una soluzione negoziata e pacifica al conflitto, prevedendo il riconoscimento delle differenze culturali e nazionali dei curdi. Dopo il processo, Öcalan è stato condannato a morte, ma in seguito è stato commutato in ergastolo e rinchiuso nella prigione dell’isola di Imrali.

Nonostante la sua prigionia, Öcalan ha continuato a lavorare su idee e proposte politiche per la liberazione del movimento curdo, proponendo la riformulazione della linea politica del Pkk per sostenere il progetto del Confederalismo Democratico, anziché quello di uno stato indipendente, fondato su tre assi fondamentali: una democrazia comunale e federata, una rivoluzione femminile e un movimento ambientalista.

Erroneamente molti testi che trattano del processo rivoluzionario curdo attribuiscono a Öcalan una virata dall'ortodossia marxista, che cercava la liberazione nazionale e la creazione di un proprio Stato, alla proposta del Confederalismo Democratico. È stato persino scritto che lo spostamento verso forme di democrazia comunali e federate e l'accento sulla rivoluzione femminile sono stati teorizzati e proposti dal leader curdo negli scritti dalla prigione. Ma la verità è che il movimento curdo ha cominciato a discutere di questi temi insieme, in particolare all’interno del Pkk, prima che Öcalan fosse sequestrato dai servizi segreti e imprigionato nella prigione di Imrali.

Altri leader hanno spiegato che il processo di cambiamento politico del Pkk dall'anticolonialismo e dallo statalismo al Confederalismo Democratico si è materializzato nel 1998, nell'ambito del suo sesto congresso. Il comandante Harun ha affermato che allora emerse una nuova visione politica tattica e strategica: «avevamo due soluzioni: mantenere la nostra ideologia classica e lasciare il socialismo, o trasformare il socialismo in socialismo di comunità. Abbiamo scelto la seconda ideologia, chiamandola Confederalismo Democratico». «Grazie a questa trasformazione abbiamo ottenuto più forza perché rispondeva ai bisogni della gente [...] Stiamo mostrando al mondo che senza prendere il controllo dello Stato possiamo fare tutto questo», ha detto Harun in un'intervista con Haddad e Albani.

Successivamente, Öcalan, dal carcere, ha rielaborato e teorizzato questa proposta politica riprendendo teorie e concetti di altri autori, tra cui, in modo ben visibile, l'anarchico americano Murray Bookchin e la sua teoria del comunitarismo e municipalismo libertario. Bookchin era uno storico, pensatore e anarchico militante, che in gioventù militava nelle organizzazioni comuniste. Prodotto di quella esperienza nella sinistra ortodossa, Bookchin ha dedicato gran parte del suo attivismo e riflessione per cercare di trovare un’alternativa libertaria per i movimenti che aspirano al cambiamento sociale. Sua figlia, Debbie Bookchin, così ha sintetizzato le sue idee: «Il quesito per lui era: come costruiamo una nuova società egualitaria? Che tipo di organizzazione sociale alternativa è in grado di creare una società in cui gli esseri umani veramente liberati possono crescere e, allo stesso tempo, guarire la nostra frattura con il mondo naturale? La vera domanda è: che tipo di organizzazione politica è quella che può mettere in discussione il potere dello Stato? E così, alla fine degli anni '60, Murray iniziò a scrivere su una forma di organizzazione che chiamò municipalismo libertario. Credeva che il municipalismo offrisse una via d'uscita dallo stallo tra le tradizioni marxiste e anarchiche».

5_kurdistan

Cooperativa di donne in Rojava. Foto: entrepueblos.com

Confederalismo democratico 

Nutrito da questa e da altre idee, Öcalan ha pubblicato nel 2005 un libro dove ha sintetizzato la sua proposta del Confederalismo Democratico. In questo testo parte dal riflettere sulle alternative che aveva a disposizione il popolo curdo per ottenere la propria liberazione, e sostiene che la “questione curda” si è trasformata in un argomento geopolitico che ha colpito tutto il Medio Oriente. «Il Pkk non ha mai considerato la questione curda come un semplice problema di origine etnica o di nazionalità. Al contrario, secondo il nostro parere, era il progetto di liberare la società e democratizzarla». E per “liberare e democratizzare” la società curda era necessario mettere in discussione la dominazione capitalista. «Abbiamo anche riconosciuto una connessione causale tra la questione curda e la dominazione globale del sistema capitalista moderno. Senza mettere in discussione e affrontare questa connessione, una soluzione non sarà possibile. Altrimenti non faremo che farci coinvolgere in nuove dipendenze».

Da questa riflessione, Öcalan e il movimento curdo si focalizzano nel mettere in discussione la modernità capitalista. «Il nostro progetto di “modernità democratica” si intende come una bozza alternativa alla modernità come la conosciamo. Si costruisce sul Confederalismo Democratico come paradigma politico fondamentale». E in questa critica si è arrivati alla conclusione che le forme politiche che offre la modernità non sono la soluzione, ma il problema per i popoli e le nazioni. Così scrive Öcalan: «Fino ad ora, con lo sguardo posto sulle questioni di origine etnica e di nazionalità come la questione curda […] sembrava ci fosse solo una soluzione possibile: la creazione di uno Stato nazione, che era il paradigma della modernità capitalista di quel periodo. Tuttavia noi non crediamo che un progetto confezionato sarebbe capace di migliorare in modo sostanziale la situazione della gente in Medio Oriente. E se fossero stati proprio il nazionalismo e gli Stati nazione a creare tanti problemi in Medio Oriente?»

La critica di Öcalan allo Stato nazione capitalista è potente: è il nemico della gente e una colonia del capitale, ha scritto. «Si dice che lo Stato Nazione si preoccupa per il destino della gente comune. Questo non è vero. È, per meglio dire, il governatore nazionale del sistema capitalista mondiale, un vassallo della modernità capitalista, la quale è sempre più profondamente irretita nelle strutture dominanti del capitale che di solito assumiamo. È una colonia del capitale. Senza considerare quanto nazionalista può presentarsi lo Stato nazione, serve allo stesso modo ai processi capitalisti di sfruttamento. Non c’è altra spiegazione per le orribili guerre di ridistribuzione della modernità capitalista. Così lo Stato nazione non si mescola con la gente comune; è un nemico della gente».

Inoltre, oltre a mettere in discussione il nazionalismo, la scienza positiva e la religiosità, Öcalan ha messo in discussione il sessismo sul quale si sostiene lo Stato nel capitalismo contemporaneo. «Un altro pilastro ideologico dello Stato nazione è il sessismo che impregna tutta la società. Molti sistemi civilizzati hanno usato il sessismo per preservare il potere […] Senza la schiavitù delle donne nessun altro tipo di schiavitù può esistere o anche solo svilupparsi. Il capitalismo e lo Stato nazione indicano il maschio dominante istituzionalmente. Detto più coraggiosamente e apertamente: il capitalismo e lo Stato nazione sono la monopolizzazione del maschio dispotico e sfruttatore».

A partire da questa critica, il movimento curdo e Öcalan rinunciano all’obiettivo di costruire uno Stato nazione come hanno proposto la maggioranza dei movimenti di liberazione nazionale nel XX secolo. Al suo posto hanno formulato il progetto del Confederalismo Democratico. Secondo Öcalan, «questo tipo di autorità o amministrazione può essere chiamata amministrazione politica non statale o democrazia senza Stato». Questo progetto si è cercato di costruirlo in varie regioni del Kurdistan da molti anni, in luoghi con influenza ed egemonia del Pkk. Ma è nella parte curda della Siria dove ha trovato il tempo e la geografia per mostrare le sue potenzialità.

6_kurdistan

I curdi turchi vigilano la città siriana di Kobane mentre si trovano sulla sommità di una collina vicino al valico di frontiera di Mursitpinar. Nel 2014 un militante curdo minacciò la Turchia con una nuova rivolta curda se si fosse mantenuta la politica non interventista nella battaglia di Kobane. Le forze curde alleate al Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk) e le Unità di Difesa popolari e delle Donne (Ypg/Ypj) lottarono contro i ribelli dello Stato Islamico. Foto: Reuters/Umit Bektas

La democrazia confederata nella pratica

Poiché i partiti curdi e le forze di autodifesa proteggono la regione del Rojava, le idee del Confederalismo Democratico si sono materializzate in forme di governo non statali. Nella sua “Dichiarazione del Confederalismo Democratico” del marzo 2005, Öcalan considerava questa proposta necessaria per risolvere non solo la questione curda, ma anche i conflitti in Medio Oriente: «Un sistema di democrazia confederale sarebbe il modello per la risoluzione dei problemi del Medio Oriente. Né il sistema capitalista né la pressione delle forze imperialiste ci indirizzeranno verso la democrazia, tranne per fare i propri interessi. Il compito è di contribuire allo sviluppo di una democrazia basata sui popoli. Il Confederalismo Democratico è un sistema che tiene conto delle differenze religiose, etniche e di classe all'interno della società". Questa "democrazia popolare" funzionerebbe così: «All'interno del Kurdistan, la democrazia confederale stabilirà le assemblee di paese, villaggio e città e ai loro delegati verrà affidato il vero processo decisionale, che in effetti significa che le persone e la comunità decideranno».

La base di questa democrazia confederata sono le comuni per città, villaggio o quartiere nelle città più popolate; queste sono seguite dalle assemblee delle municipalità e successivamente da un livello regionale o federato di assemblee di città e paesi. Questo sistema sociale di democrazia confederale o non statale è dettagliato nel “Contratto Sociale della Federazione Democratica della Siria settentrionale”, approvato dall'Assemblea Costituente di questa federazione il 29 dicembre 2016. I suoi principi generali affermano che "La Federazione democratica della Siria settentrionale” si basa su un sistema democratico ed ecologico e sulla libertà delle donne ", cioè i tre principi del confederalismo democratico: 1) democrazia comunitaria, 2) rispetto per l'ecologia, e 3) libertà delle donne.

Altri principi del Confederalismo Democratico sono stati stabiliti nel Contratto sociale, nell'articolo 11: "La Federazione Democratica della Siria settentrionale si basa sul principio della collettivizzazione di terra, acqua e risorse energetiche; adotta i principi dell'economia sociale e dell'industria ecologica; non consente lo sfruttamento, il monopolio e la mercificazione delle donne; fornisce copertura sociale e sanitaria a tutti gli individui".

Dopo aver stabilito i principi generali, i diritti e le libertà generali, il Contratto Sociale dei curdi siriani specifica il funzionamento di questo sistema sociale: "I popoli e i gruppi della Federazione Democratica della Siria settentrionale organizzeranno la loro vita sociale libera e democratica sulla base della formazione di municipalità, istituzioni sociali, sindacati e assemblee. Il sistema sociale democratico sarà creato e sviluppato a partire da queste istituzioni ".

In questo sistema sociale la comune è considerata "la forma organizzativa fondamentale della democrazia diretta"; nel frattempo, attraverso le assemblee "la società è organizzata mettendo in pratica la democrazia diretta e stabilendo regole e principi di vita libera e democratica".

Le comuni sono la base di tutto questo sistema sociale. Dopo l'organizzazione nelle municipalità, il Contratto Sociale del Kurdistan siriano stabilisce altri tre livelli consecutivi (dal basso verso l'alto) di organizzazione, ognuno con il suo organo esecutivo.

7_kurdistan

Il primo livello sono le assemblee cantonali e il relativo Comitato Esecutivo di Cantone. Le Assemblee sono integrate in due modi: il 60% dei loro rappresentanti è eletto direttamente dai cittadini e il 40% da rappresentanti dei settori sociali rappresentativi dell'intera società: donne, giovani, pensionati, professori, professionisti, proprietari, commercianti, contadini, tra gli altri. Sia i comuni che le assemblee sono governati dalla co-presidenza: "Il sistema è formato per metà da donne e per metà da uomini e con il sistema di co-presidenza", ha spiegato Erol Polat. Questo è il primo livello del confederalismo democratico. Il numero di assemblee per città dipende dalla sua popolazione. Ad esempio, Derik, nel nord della Siria, ha 60.000 abitanti e operano 600 comuni. L'Assemblea cantonale elegge il Consiglio esecutivo del Cantone. Questo consiglio esegue le decisioni dell'assemblea cantonale, informa e riferisce regolarmente a questa assemblea.

Il secondo livello è l'Assemblea Popolare Regionale, che rappresenta i popoli e i gruppi di ciascuna regione. Come nelle assemblee cantonali, il 60% viene eletto direttamente e il 40% è rappresentativo dei settori della società. L'assemblea regionale, a sua volta, conta sul Consiglio Esecutivo Regionale. E il terzo livello del Confederalismo Democratico in Rojava è il Congresso dei Popoli Democratici, che è l'assemblea che rappresenta tutti i popoli che vivono nella Federazione Democratica della Siria settentrionale. Anche questa assemblea ha il suo Consiglio Esecutivo.

Il Confederalismo Democratico non è limitato a questi casi o livelli di processo decisionale. Ciò è stato spiegato da Erol Polat durante la sua visita a Guadalajara. «Tutti questi consigli inviano i loro rappresentanti nel sistema cittadino, quando c'è una città, e anche tutti i settori inviano i loro rappresentanti, e ci sono settori che sono organizzati per l'intera città, ad esempio i pensionati. Se c'è un consiglio per la città, c'è anche un consiglio di pensionati, o studenti, in realtà ci sono molti sistemi. All'interno dell'intero sistema ci sono molti sistemi [di organizzazione]. E le donne hanno il loro sistema di Confederalismo, dal basso verso l’alto».

In apparenza, il sistema del Confederalismo Democratico potrebbe essere simile al sistema politico liberale con i suoi tre livelli di governo (locale, statale, nazionale) e i suoi organi legislativi ed esecutivi. Ma solo in apparenza. Non bisogna dimenticare che il punto di partenza sono le comuni di città, villaggi o quartieri che animano e danno vita al resto dei livelli del sistema sociale. E questo non esiste nel sistema liberale che funziona nella maggior parte del mondo, incluso il Messico.

Nel documentario “La rivoluzione delle donne”, realizzato da Deniz Xweseri e scritto da Zilane Dilber e prodotto dall'organizzazione femminista curda Kongra Star, viene descritta la vita quotidiana delle comuni. Nel cantone di Cizire, nella parte orientale del Rojava, ci sono 620 comuni che costituiscono la base chiave di questa democrazia diretta. Ogni comune può rappresentare da 7 a 200 persone. Ogni due anni viene scelto un minimo di tre persone per coordinarla. Quello che stanno cercando di fare è creare spazi per donne e uomini per incontrarsi e discutere dei loro bisogni e trovare le proprie soluzioni. Quando sorgono problemi, per prima cosa si discute. La popolazione tiene riunioni periodiche in cui vengono prese decisioni in merito alle loro esigenze quotidiane, come la protezione e progetti locali.

Sembra semplice, sembra facile. Ma in quel semplice atto di incontro per esporre i loro problemi e discutere su come risolverli, stanno trasformando centinaia di anni di forme statali di organizzazione della società. Con questo semplice, ma potente atto di creare uno spazio per incontrare e discutere le loro esigenze e trovare le loro soluzioni, stanno esercitando la loro autonomia, creando zone di libertà per decidere senza oppressione.

E questo è un cambiamento fondamentale. Nei sistemi politici liberali, la partecipazione politica è stata monopolizzata dai partiti, che sono anche forme organizzative che dividono la società proponendo opzioni ideologiche e politiche settarie ed escludenti. Nel Confederalismo Democratico, i partiti sono una tra le altre forme organizzative. Questo è stato spiegato da Erol Polat: «La società ha diverse ricchezze, diverse culture, lingue, esperienze. Ecco perché [nel confederalismo democratico], all'interno di queste assemblee ci sono dodici settori della società, che sono i partiti politici; le donne, che sono la metà; giovani, studenti, settore sportivo, cultura, contadini, classe di lavoratori e classe di datori di lavoro e pensionati, che sono tutti settori della società. E questi settori all'interno di queste assemblee dicono che questi partiti non possono parlare a nome della società, e le religioni nemmeno. Allora parlerò a nome mio in queste assemblee: è più facile, e posso risolvere i miei problemi e posso spiegare molto meglio i miei problemi, e in quel sistema non c'è nessun governatore o organizzatore. Le persone si organizzano da sole. Quando c'è un governatore, può dire: "Posso vendere l'intero paese", cambiare tutto ciò che esiste. E il governatore dice: "Dammi il tuo voto per fare qualsiasi cosa, quello che voglio».

Ciò che sta alla base di questo sistema sociale è un'idea di politica molto diversa da quella che prevale nelle democrazie occidentali, come quella messicana. Qui la politica è solitamente di dominio dei professionisti: governatori, partiti, consiglieri. Nell'esperienza curda, la politica ha a che fare con la soluzione dei problemi della società, senza intermediari. Erol Polat lo ha spiegato in questo modo: «Nelle assemblee dicono: 'Che problema dobbiamo risolvere?', E queste assemblee si organizzano all'interno delle municipalità, e anche all'interno di diversi settori della società, per esempio, in una municipalità nel settore dell'istruzione. In una non funziona bene, ha problemi, ma in un'altra parte della municipalità funziona, quindi quell'assemblea [del settore educativo] dice: 'Guarda, qui funziona, qui non funziona', e puoi scambiare informazioni, e loro organizzano e supportano solo ciò che funziona».

La politica non è il dominio dei politici professionisti, con i loro trucchi, le manovre e le convenienze, ma è l’ambito di risoluzione delle necessità della maggioranza della società. Organizzata da sola.

In questo sistema sociale, non politico, tutti partecipano, secondo Erol Polat. «E il pensiero di questo movimento è che, affinché tutti i popoli possano partecipare, possano imparare come funziona il sistema, dicono: 'Cambia, cambia sempre'. Ogni mese si cambia all'interno delle assemblee, per esempio i portavoce. E dopo un mese arriva un altro portavoce. Ed è per questo che lo stato turco, trattenendo il leader curdo, pensava che avrebbe fermato l'intero sistema, ma loro non si organizzano in quel modo. Oggi il popolo curdo occupa 100 comuni del Kurdistan [turco] e più di 16mila persone sono in prigione per questo pensiero. Ma ora ci sono le elezioni e dicono che i curdi vinceranno più di prima. Cioè, non funziona con i leader».

8_kurdistan

 Foto: Joey L

La rivoluzione del Rojava

Fu nel contesto della Primavera Araba che i curdi estesero a una regione più ampia i principi del Confederalismo Democratico che già applicavano ai territori montuosi che controllavano l’esercito e le basi del PKK. Un altro antecedente della messa in pratica del Confederalismo Democratico si ebbe con la cosiddetta “Primavera di Qamishlo”, una città del Nordest della Siria dove, come conseguenza della repressione statale messa in atto contro i curdi a seguito di una lite con gli arabi durante una partita di calcio, si giunse alla creazione di consigli di autogoverno locale convocati dal Partito dell’Unione Democratica (Pyd), creato nel 2003 come ramo siriano del Pkk comandato da Öcalan, secondo Juan Carlos Castillo (Istor num. 7, autunno del 2017).

In Siria, le proteste nel contesto della Primavera Araba sono iniziate a marzo del 2011. Alcuni settori dell’opposizione chiesero le dimissioni del presidente Bashar Al Assad. Inizialmente i partiti curdi decisero di non prendere posizione. Il 19 luglio del 2012 l’esercito siriano si ritirò progressivamente dalle zone curde; immediatamente le Forze di Difesa Popolare (Ypg, sigla in curdo) presero il controllo di questi territori. Le Ypg sono state create da Partito dell’Unione Democratica (Pyd), membro della Confederazione Democratica del Kurdistan e del Partito dei Lavoratori del Kurdistan (Pkk). Questo è stato l’inizio della rivoluzione curda in Rojava nei tre cantoni: Afrin, Kobane e Cizire.

Dopo l’allontanamento dell’esercito dal Rojava, il Pyd e il Movimento per una Società Democratica, hanno preso il controllo dei tre cantoni e dichiarandoli poi territori autonomi. A partire dal luglio del 2012, la maggior parte dei paesi e delle città del Rojava erano autogovernati da consigli e comuni convocati dal Pyd. Tutte queste autorità comunali furono chiamate a far parte del Consiglio dei Popoli del Kurdistan Occidentale. Nel gennaio del 2014, le comuni dei tre cantoni proclamarono la loro autonomia attraverso la creazione di amministrazioni autonome democratiche.

Il prestigio del Pyd a partire dalla sua creazione nel 2003 aveva conquistato sempre più consenso tra la popolazione curda del Rojava. Ma il contesto della guerra civile in Siria e l’ascesa del fondamentalismo islamico, attraverso Daesh (convertito poi nello Stato Islamico, Isis), hanno consolidato il consenso al Pyd. Dopo aver preso il controllo di una parte del Kurdistan iracheno, l’Isis puntò al controllo del Nord della Siria vulnerabile per l’allontanamento dell’esercito siriano.

La difesa del Rojava era nella mani delle Forze di Difesa Popolare (Yyg) e dell’esercito, costituito interamente da donne, chiamato Unità di Difesa delle Donne (Ypj). Un episodio cruciale fu la difesa della città di Kobane assediata dall’Isis tra il mese di settembre 2014 e gennaio 2015. L’assedio dell’Isis a Kobane provocò l’allontanamento di circa 300 mila abitanti. Nella resistenza di Kobane, gli Ypg e Ypj ebbero l’appoggio dei curdi iracheni. La sconfitta dell’Isis a Kobane determinò il suo ritiro dalla zona e l’indebolimento di queste milizie fondamentaliste così violente.

Riza Altun, comandate e uno tra i fondatori del Pkk, scrisse in merito a questa battaglia: «Kobane fu il punto di svolta. Fino a prima della resistenza di Kobane, non c’era un solo potere regionale o internazionale che appoggiasse il movimento di libertà dei curdi in Siria». Altun aggiunse che la vittoria delle forze autonome curde sullo Stato Islamico ha dato alla rivoluzione in Rojava una legittimità e una considerazione internazionale che prima non aveva. Questo episodio determinò un’alleanza momentanea con gli Stati Uniti, Russia e altre potenze mosse dall’urgenza di contenere lo Stato Islamico. I curdi sono stanziati in territori ambiti dagli Stati del Medio Oriente e dalle potenze mondiali, giocano quindi in un campo di enormi interessi geopolitici con la pazienza e l’attenzione dei giocatori di scacchi.

La rivoluzione delle donne 

In Rojava c’è un detto: «Non si può distruggere il capitalismo senza distruggere lo stato; e non si può distruggere lo Stato senza distruggere il patriarcato», esclama una donna nel documentario La rivoluzione delle donne. Se c’è qualcosa in cui si distingue il processo rivoluzionario curdo è il ruolo che hanno ottenuto le donne nel movimento e nella messa in pratica delle idee del confederalismo democratico. Il sistema di governo non statale basato nella democrazia comunale può sembrare una novità, ma niente di tutto questo esisterebbe senza che questo movimento fosse stato precedentemente definito come una lotta anti-patriarcale.

Di solito si evidenzia il ruolo del dirigente del Pkk Abdullah Öcalan nel pensiero rivoluzionario curdo, ma meno si evidenzia la partecipazione delle donne in questa lotta per bandire dall’organizzazione il pensiero ortodosso di sinistra che lasciava in secondo piano i diritti delle donne.

La lotta delle donne in seno al Pkk iniziò almeno trent’anni fa. Nel 1987 fu fondata l’Unione delle Donne Patriote del Kurdistan (Yjwk). Nel libro Jineolojî (“scienza delle donne” in curdo), si legge che la Yjwk “fu la prima organizzazione di donne in Kurdistan, che si sviluppò con un carattere rivoluzionario e libertario, organizzò e portò a termine un lavoro eccezionale nel periodo tra il 1987 e il 1993. I successi che ottennero le donne e le trasformazioni che raggiunsero con la loro lotta per la libertà in questo periodo diedero come risultato una prospettiva e un quadro teorico unico sulla liberazione delle donne dentro al Pkk. Rompendo con gli schemi mentali della società, questo quadro teorico incontrò risposte rapide e una realtà pratica. Con la fondazione dell’esercito delle donne nel 1993, si produssero più cambi sociologici fondamentali nel Pkk”.

Nella sua visita a Guadalajara Erol Polat, del Congresso Nazionale del Kurdistan, ha spiegato che il cambio del pensiero marxista ortodosso nel Pkk iniziò nella decade del 1980, in buona misura incoraggiato da donne come Sakine Canzis. «Questa lotta avvenne nel 1980, fino a quando le donne dissero: “Bene, la lotta non era contro un paese o uno Stato, era prima”. Per cambiare la mentalità dentro al movimento e al popolo curdo, loro (le donne) dicono che la rivoluzione dei curdi è 80 per cento lotta interiore e 20 per cento contro uno Stato nel Medio Oriente, lo Stato turco. E, delle donne, 90 per cento della lotta delle donne è stata per cambiare la mentalità, perché le donne potessero dire: “Non vogliamo una nazione, né lottiamo per una nazione. Per noi (donne), c’è un problema con noi (donne)”. E così organizzammo un esercito, un partito politico, un sistema politico negli anni 90, discutemmo e analizzammo come avremmo potuto migliorare il sistema, come si sarebbe potuta organizzare un’uguaglianza tra gli uomini e le donne; non come avremmo liberato il Kurdistan, ma come avremmo potuto organizzare dentro ai popoli curdi l’uguaglianza tra uomini e donne».

Sakine Canzis fu uccisa dai servizi segreti turchi il 9 gennaio del 2013 a Parigi, assieme ad altre due militanti del Pkk: Fidan Doğan e Leyla Soylemez.

L’affermazione della lotta femminista nel movimento curdo le portò a creare a partire dal 1993 le prime divisioni guerrigliere-militari composte solo da donne. Oggi ci sono divisioni dove sono più comandanti donne che uomini. Una delle dirigenti del Pkk, Rengin Botán, ha spiegato il ruolo delle donne nei compiti militari: «Quando hanno capito noi donne potevamo fare tutto, hanno iniziato ad accettarlo. Abbiamo molte comandanti eroine, che si sono sacrificate per la maggioranza di compagni uomini. Ora il Pkk accetta, grazie alla nostra pratica, che una donna nei compiti di guerra, commette meno errori di un uomo. L’uomo, perché viene da una storia machista, a volte si sente più forte e sicuro, ma la donna è più attenta e analizza punto per punto».

Nel movimento femminista curdo esiste la convinzione che senza la liberazione delle donne, non sarà possibile la liberazione della società. Così ha detto la comandante Rengin Botan intervista da Leandro Albani per Resumen Latinoamericano: «Ogni donna ha le sue ragioni per partecipare alla lotta, ma quando ci riuniamo ci trasformiamo in una sola donna. La liberazione di una società la possiamo vedere secondo il grado di liberazione delle donne. Questa filosofia è il nostro principio: dobbiamo liberarci come donne per liberare la società».

9_kurdistan

Foto: Cagdas Erdogan 

Una rivoluzione eterodossa

Con la ribellione e il processo di autonomia delle comunità zapatiste del Chiapas, l’esperienza del confederalismo democratico delle organizzazioni curde può considerarsi come una delle esperienze rivoluzionarie più eterodosse della storia recente.

Entrambe le esperienze rivoluzionarie coincidono in alcuni punti: rinunciano a creare uno Stato nazione e a essere una guerriglia classica, rinunciano ad aspettare il trionfo del proprio movimento per mettere in pratica i propri ideali e infine rinunciano alle strategie ortodosse dei movimenti marxisti-leninisti e guevaristi imperanti nel XX secolo. Curdi e zapatisti coincidono inoltre nel mettere in pratica i propri progetti di autonomia piuttosto di continuare a confrontarsi con gli Stati nazione che li opprimono e dominano.

Sono esperienze rivoluzionarie innovatrici che scavalcano tutti i canoni delle strategie di sinistra e guerrigliere del secolo passato. Oltre alla proposta del Confederalismo Democratico, nel movimento curdo c’è un’altra idea politica sull’emancipazione e il cambio sociale che merita di essere messa in risalto. La loro lotta non è per il potere ma per creare zone di libertà dove ognuno possa vivere senza oppressione.

Così lo ha spiegato Riza Altun, comandante del Pkk: «Ora tutti lottano per riposizionarsi nel Medio Oriente. Questo è molto importante. Dobbiamo osservare tutto ciò. Il centro della crisi del modernismo capitalista è in Medio Oriente in questo momento. O il capitalismo si riorganizzerà in Medio Oriente e prolungherà la sua vita per altri cento o più anni, o il caos in Medio Oriente aprirà una voragine nel sistema di modernità capitalista come quella dove è emersa la libertà. Questa è la ragione per la quale tutti le potenze mondiali sono presenti e lottano in Medio Oriente. Sarebbe un approccio molto superficiale spiegarlo solo come “la guerra per il petrolio”. Questo è il terreno nel quale la depressione attuale del sistema capitalista si è trasformata in una Terza Guerra Mondiale. Tutto il mondo è qui. La lotta qui è ideologica, politica e sistemica. L’imperialismo globale vuole sviluppare un’egemonia e un sistema mondiale postmoderno attraverso questa lotta. Gli Stati regionali stanno cercando di proteggere i loro guadagni e benefici ottenuti dal sistema del XX secolo. I popoli oppressi e gli spazi sociali stanno cercando di conquistare la propria libertà e l’uguaglianza in questo caos. Questo è quello che sta succedendo di fatto in Rojava in questo momento».

Con lo scontro tra Stati nazionali, potenze mondiali e il progetto del Confederalismo Democratico in Rojava, si è aperta una insospettabile zona di libertà, in una piccola parte del Medio Oriente. Così lo ha spiegato il comandante del Pkk Riza Altun: «In questa situazione, ora c’è un’area di libertà in un piccolo pezzo di terra chiamato Rojava, dove si è formata un’area comunale democratica. Stiamo parlando di un’area di libertà per la prima volta. Con tutto l’appoggio materiale e morale della società, questa forza continua la propria lotta. Allo stesso momento vuole affermarsi resistendo con mezzi ideologici, politici ed economici contro tutto il potere del sistema capitalista mondiale. Dobbiamo pensare a ciò che questo spazio di libertà significa per coloro che difendono la libertà. C'è un approccio imperialista e capitalista che vuole distruggere completamente questa zona. Dall'altra parte, c'è una lotta per espandere questa zona».

Questo è ciò di cui parla la rivoluzione in Rojava, di espandere le zone di libertà in tutto il mondo.

Tratto da Magis Iteso e tradotto da Associazione Ya Basta! Êdî bese!

Bookmark and Share