Serbia - Una panoramica sulle proteste a luglio contro misure anti-Covid e presidente Vucic

4 / 9 / 2020

Le notizie delle proteste anti-governative in Serbia dello scorso luglio hanno fatto il giro del mondo, un po’ per i disordini di piazza, un po’ perché chi è sceso in strada a manifestare ha sfidato il lockdown imposto dal governo. Chi ha manifestato nonostante il divieto di assembramenti, ha evidenziato una presa di parola collettiva contro il governo del premier Vucic, eletto a giugno che ha portato avanti una gestione dell’epidemia contraddittoria ed un’omissione dei dati reali sulla diffusione del coronavirus. La situazione è stata ben descritta da un articolo pubblicato a luglio per Globalproject da Chiara Godino, che potete leggere qui. Di seguito invece riportiamo un’importante testimonianza diretta, si tratta di un’intervista a Jelena Lalatovic, attivista e dottoranda presso la facoltà di filologia dell’Università di Belgrado.

Quali sono state le ragioni che hanno portato tante persone a manifestare per le strade di Belgrado a luglio?

In realtà c'è un precedente; infatti, il 3 luglio, gli studenti sono scesi per la prima volta in piazza in seguito alla decisione del ministero dell'Istruzione di chiudere i dormitori nel periodo estivo. Quando è iniziata la quarantena, gli studenti sono stati sfrattati dai dormitori nel giro di pochi giorni e rimandati a casa, una misura in ovvia contraddizione con la raccomandazione che i giovani non dovrebbero riunirsi con la popolazione di età superiore ai 65 anni, considerando che in molte famiglie convivono tre generazioni. A seguito delle proteste che hanno visto come protagonisti proprio le giovanissime generazioni, il giorno successivo lo Stato ha immediatamente fatto retromarcia. 

La gente è scesa in piazza per protestare durante la decretazione del coprifuoco, ma ciò che collega le manifestazioni e le proteste studentesche e l'organizzazione degli operatori sanitari è la resistenza all'ipocrisia, l'ipocrisia che maschera il carattere economico e di classe del modo in cui è stata gestita la crisi del Covid-19.

Per dirla in breve, la responsabilità delle decisioni dell'élite politica viene nuovamente spostata sulle persone che sono molto più colpite dall'epidemia e dalle sue conseguenze. A titolo di esempio, il coprifuoco è durato più di 60 ore nei fine settimana, quando non era permesso di lasciare la casa a tutti. Le persone di età superiore ai 65 anni non potevano lasciare la casa per più di un mese. Durante quel periodo, la produzione non ha rallentato per un secondo. Ad esempio, l'economia serba dipende dagli investimenti nel settore delle costruzioni. Questo è il motivo per cui i lavoratori edili avevano lo status di lavoratori essenziali durante la quarantena e i lavori di costruzione si sono intensificati. Si tratta di un dettaglio che mostra inequivocabilmente che il coprifuoco e il modo in cui è stata condotta la gestione della crisi in generale sono stati subordinati esclusivamente alla vittoria del partito al governo alle elezioni, svoltesi il 21 giugno. Un mese prima delle elezioni, il partito al governo ha dichiarato il trionfo sull'epidemia, tutte le misure sono state revocate e appena due settimane dopo le elezioni, siamo stati nuovamente minacciati dal coprifuoco

La responsabilità della diffusione dell'infezione è stata trasferita a cittadini presumibilmente irresponsabili, sebbene il governo stesso abbia consentito e organizzato manifestazioni di massa pre-elettorali. Questo ha galvanizzato le persone. Per quanto riguarda la brutalità della polizia durante le proteste, direi che è direttamente correlata al modo in cui è stata gestita la crisi sanitaria. Mancano sempre i soldi per l'assistenza sanitaria, ma il settore della sicurezza, come abbiamo visto durante le proteste, è ben attrezzato.

Il coprifuoco ha rafforzato la polizia, dando loro un senso di grande forza e potere. Inoltre, le manifestazioni di luglio sembravano un esercizio durante il quale la polizia ha mostrato quanto velocemente ed efficacemente riescono a spezzare la rivolta popolare - picchiando duramente le persone e con arresti illegali di attivisti e passanti - dalla recessione e una modalità di licenziamento sono attesi nel prossimo periodo. Circa 70 persone sono state arrestate illegalmente e condannate a 30 giorni di prigione in un processo inventato, letteralmente durante la notte.

Una procedura simile è stata testata durante lo stato di emergenza di aprile e marzo. Un paio di persone arrivate in Serbia prima della dichiarazione dello stato di emergenza, ma non hanno ricevuto alcuna notifica scritta o orale di isolamento obbligatorio, sono state arrestate e condannate a 30 giorni di carcere, come nel caso di un musicista rock che ha rilasciato una canzone antigovernativa ed è tornata dal Montenegro, Paese che a quel punto non aveva casi di contagio registrati, un giorno prima dell'introduzione dello stato di emergenza. Penso che dimostri chiaramente che lo stato di emergenza è stato imposto per testare i metodi dello stato di polizia e perché anche il partito al governo vinca le elezioni, ma certamente non nell'interesse della salute pubblica.

Quali sono stati gli effetti della crisi sanitaria sulla popolazione serba? Quali sono state le maggiori responsabilità del governo di Vucic? 

Questa crisi ha dimostrato che il destino degli utenti sanitari è indissolubilmente legato alle condizioni in cui lavorano medici e infermieri. La strategia del governo di Vučić è stata quella di mantenere l'immagine che si adatta agli obiettivi del Partito Progressista Serbo (il partito al governo) occultando informazioni e perseguitando gli operatori sanitari che informano il pubblico dei fatti sul campo. Il controllo dei dipendenti sul posto di lavoro è consentito dal fatto che i direttori degli ospedali sono per lo più membri del partito al governo o suoi collaboratori.

Questa crisi ha esacerbato i problemi che da decenni rovinano il sistema sanitario in Serbia. I suoi problemi fondamentali sono la mancanza di investimenti e la privatizzazione del bene pubblico dall'interno del sistema. Ciò significa che lo Stato investe solo in quegli ospedali i cui direttori sono vicini al partito progressista serbo. Ciò significa anche che medici e infermieri che non accettano di lavorare in tali condizioni subiscono minacce di licenziamento e mobbing su base giornaliera.

Tale politica ha portato ad una grande carenza di personale, per cui durante lo stato di emergenza sono stati impiegati i medici residenti, che normalmente lavorano come volontari per diversi anni. Tuttavia, quando la crisi Covid-19 finirà, la loro permanenza in quei luoghi di lavoro sarà incerta. Per quanto riguarda la crisi sanitaria, ha avuto dimensioni enormi in Serbia, dimensioni che il nostro sistema sanitario non aveva mai sperimentato prima. Le autorità hanno revocato tutte le misure epidemiologiche e organizzato manifestazioni nella campagna elettorale, dopodiché l'epidemia si è diffusa rapidamente. Le piccole città, che non avevano le infrastrutture o un numero sufficiente di medici e infermieri, hanno sofferto di più. Un buon esempio di ciò è Novi Pazar, una città multietnica nella Serbia sud-occidentale. Questa città, insieme all’intero distretto a cui appartiene, sono stati lasciati soli a lottare. L'ospedale di Novi Pazar ha un infettologo, mancavano le scorte di ossigeno, i cittadini di tutto il Paese hanno donato le lenzuola per l'ospedale per il ricovero di nuovi pazienti.

Comunque, quando il Ministro della Salute e il Primo Ministro si sono recati in visita per dimostrare di avere il controllo della situazione, i medici e gli infermieri di Novi Pazar hanno voltato loro le spalle.

Questo simbolico atto di resistenza ha preceduto la formazione dell'iniziativa “Uniti contro Covid”. Si tratta di un'iniziativa di medici che chiedono il licenziamento del National Covid-19 Response Team, i cui membri hanno ammesso di aver manipolato le informazioni sui contagiati ed i morti a favore del Partito progressista serbo. L'iniziativa “Uniti contro il Covid” è sostenuta anche dall'unico sindacato apertamente di opposizione nel sistema sanitario. Sono riusciti a riunire 2.400 medici per adesso. La lotta per l'autonomia dal controllo del governo è necessaria affinché i sindacati sanitari possano lottare per gli interessi economici degli operatori sanitari.

Attualmente l'epidemia in Serbia si sta attenuando, ma tra pochi giorni inizia l'anno scolastico. Il sindacato dell'istruzione chiede un rinvio dell'anno scolastico di due settimane, poiché non esiste un'infrastruttura adeguata per lo svolgimento delle lezioni online.

Mi sembra che per il prossimo periodo la lotta degli operatori sanitari e degli insegnanti, a parte la lotta contro i licenziamenti di massa, si estenderà sui più importanti campi di battaglia della lotta di classe in Serbia.

Quale è stato il peso dell’estrema destra nelle proteste di piazza? E quale il ruolo e le possibilità di azione della sinistra che opera dal basso?  

In questo senso, l'estrema destra ha cercato di imporre la questione del Kosovo e le questioni nazionali come motivo di protesta, un’imposizione che per lo più fallisce. D'altra parte, nessuna opzione - né l'estrema destra né l'opposizione neoliberista mainstream né le iniziative civiche - è riuscita a capitalizzare queste proteste. Pertanto, le proteste di solito svaniscono rapidamente. La sinistra normalmente scende in piazza con slogan sociali, cercando di formare un blocco che si rivolga a persone che sono anche arrabbiate e insoddisfatte, ma che sono critiche sia nei confronti del regime che dell'opposizione tradizionale. In questo senso, il più grande passo avanti per la sinistra sono state le proteste della primavera del 2017. Queste proteste sono state innescate dalla frode elettorale nelle elezioni presidenziali.

La sinistra è poi riuscita ad emarginare l'estrema destra e, subito dopo, a formare un fronte contro lo sfratto, che è ancora attivo e ha alle spalle centinaia di case difese. La sinistra vede le proteste di massa come un'opportunità per attirare nuove persone e coinvolgerle nelle lotte dei lavoratori: sostegno agli scioperi, attività anti-sfratto, al momento sostegno agli operatori sanitari. Tuttavia, a parte l'eterogeneità e una simile traiettoria in termini di durata, penso che le recenti proteste siano un segno di un nuovo clima politico. Il fatto è che sia chi si è ribellato per la gestione della crisi sanitaria sia chi pensa che il Covid-19 non esista è uscito a protestare. Il fatto è che l'estrema destra, che ha cercato di opporsi ai negoziati a Bruxelles sul Kosovo come motivo della protesta, a un certo punto ha portato conflitti con la polizia. Tuttavia, l'insoddisfazione nella società è in crescita e tangibile. Lo stato ha sfruttato l'opportunità per imparare a reprimere la rivolta popolare. Prima di queste proteste, le proteste erano apertamente articolate come proteste civili e pacifiche. La strategia di Vučić era ignorare e diffamare i media fino a quando la protesta non fosse placata.

Mentre la recessione si avvicina, è possibile che l'era delle proteste pacifiche sia finita. Per quanto riguarda l'estrema destra, la sua funzione in relazione alle lotte operaie è complementare a quella dello Stato e della polizia. Il loro repertorio include esclusivamente propaganda sul Kosovo, anti-rifugiati e anti-vaccino. Anche se l'estrema destra a volte inizia gli scontri con la polizia, serve principalmente come semplice scusa per la polizia per esercitare brutalità nei confronti di altri manifestanti.

Inoltre, l'estrema destra ha un'agenda chiara per trasformare ogni insoddisfazione sociale in una nazionale, poiché quasi tutte le sue fazioni sono controllate da Vučić. Tuttavia, nonostante ciò, c'è il rischio che le forze fasciste, cioè le loro capacità di agire in modo autonomo nei confronti del governo, si rafforzino. Questo sta avvenendo proprio sulla questione dei vaccini e sugli atteggiamenti nei confronti dei rifugiati. Ecco perché è fondamentale che la sinistra rafforzi le proprie capacità. Non solo le questioni sociali sarebbero più visibili di quelle nazionali, ma in modo che la sinistra non debba combattere sia contro lo stato che contro le organizzazioni fasciste nel prossimo futuro, perché le nostre risorse sono ancora molto modeste.

Bookmark and Share