Slovenia - Iniziativa del Socialismo Democratico

Intervista a Kal Kirn, dottorando in Storia presso la fondazione Alexander von Humboldt di Berlino

11 / 2 / 2015

Il meccanismo di creazione di un’alternativa che attraversi anche il suo percorso tra le istituzioni, non per replicare i meccanismi della social – democrazia, ma per dare voce ad istanze popolari attraverso connessioni con proteste nate dal basso, ha preso forma anche in Slovenia, con il partito Iniziativa del Socialismo Democratico e del suo giovane leader, Luka Mesek, 27 anni. Si è parlato di tanti paesi dell’est europa su Global Project, focalizzando l’attenzione sui Balcani ed i paesi della Ex - Jugoslavia; in questo quadro la Slovenia ha una storia a se, se si pensa ad esempio che da ormai dieci anni fa parte dell’Unione Europea. Per capire meglio cosa è avvenuto in questi anni e cosa sta avvenendo di recente, di seguito alcune domande a Gal Kirn, sloveno, oggi studia come post dottorato in Storia presso la fondazione Alexander von Humboldt di Berlino. Viene da Lubiana, ed è membro di Iniziativa per il Socialismo Democratico e co-autore di libri come “Incontrando Althusser” (Bloomsbury, 2013) e “Momenti Trasgressivi nel cinema Jugoslavo” (Jan van Eyck Academie, 2012)

La Slovenia fa parte dell’Unione Europea da più di un decennio, una situazione unica rispetto agli altri ex paesi Jugoslavi, alcuni dei quali più vicini alle istituzioni europee solo da poco tempo. Qual è stato il rapporto tra l’Unione Europea e la Slovenia in questi anni? Che influenza ha avuto il neo – liberismo sul paese?

Hai ragione a sottolineare la posizione storica specifica della Slovenia nell'UE. Ci sono alcune ragioni importanti per questo: in primo luogo, la Lega dei comunisti della Slovenia già nel 1989 al loro undicesimo congresso incoraggiati dagli eventi storici del Muro di Berlino ha lanciato il programma denominato "L'Europa, ora!". A quel tempo la linea ufficiale dei comunisti già annunciava una certa democratizzazione (rifondazione) ed è stato impegnata con altri gruppi della società civile nel progetto di indipendenza della Slovenia e la separazione dalla Jugoslavia. In secondo luogo, la metafora politica e idea d’Europa hanno guadagnato ancora di più diffusione nei primi anni 1990 con sanguinose guerre civili, quando i Balcani sono stati buttati nella spazzatura con tutto il portato della "fine della storia", mentre Unione Europea è stato vista come il naturale approdo finale. L'analisi del discorso dominante e di (auto) orientalizzazione ci ha presentato una sola ed escludente alternativa ideologica: o restiamo in passato jugoslavo oscuro ed eterno, nei sanguinosi ed attuali Balcani, o ci uniamo alla famiglia ed al faro dell’Europa. Come Rastko Močnik ha lucidamente osservato una volta, si tratto di scegliere: Europa o Balcani? È stato postulato in questo modo, era chiaro, per prima cosa che si basasse su presupposti razziali, e in secondo luogo che era chiaro che il polo alternativo dovrebbero essere pienamente abbracciato. Così, entrare nell’UE e nella NATO è diventata una priorità assoluta dell'orientamento dello Stato e con l'eccezione di movimento anti-NATO e alcuni critici, questa priorità non è mai stata veramente messa in discussione. Per ultimo, ma non meno importante, la Slovenia ha ottenuto l’ingresso più veloce nell'UE non a causa del sua quasi-naturale appartenenza alla "civiltà euro-atlantica”, ma perché ha avuto un ruolo di" cordone sanitario "in tempi di guerre balcaniche: l'Europa non ha voluto avere guerre suoi confini immediati. Inoltre, anche per l'omogeneità etnica della popolazione, la Slovenia stava già praticando il modello liberale di "una nazione in uno stato", mentre gli altri paesi erano invischiati nella pulizia etnica delle guerre. Questa politica è stata sostenuta non solo dalle potenze europee, ma decisamente dagli USA: il trattato di Dayton ha chiaramente ammesso l'idea delle comunità etnicamente pura e divisa, che ha rafforzato il pregiudizio razziale di odio eterno del popolo dei Balcani e impossibilità di vivere insieme in una multi- la società etnica e multi-religiosa (che era chiaramente possibile, nelle condizioni economicamente più prospere, nella Jugoslavia socialista). Questa è stata la prima fase del processo di transizione – fino all’entrata della Slovenia nell'UE nel 2004 – ed è stata caratterizzata da una forte narrazione-mito di "transizione di successo". Permettetemi di citare solo che in termini della transizione economica, deve essere chiaro che non vi era nessuna implementazione di una "dottrina shock", che è stato "modernizzazione" della maggior parte dell'Europa orientale, ma piuttosto, in Slovenia, la classe dirigente ha attuato una graduale deperimento della proprietà sociale attraverso, da un lato, la politica di gestione basata su un “controllo di stato” delle imprese – lo stato sociale è stato trasferito a stato e Chiesa, che a sua volta sono state nominate le persone da allora al potere dei partiti politici creando così classe capitalista locale, e dall'altro lato , una parziale privatizzazione di proprietà sociale dei mezzi di produzione, che ha creato una classe di nuovi ricchi. La transizione ha comportato, relativamente ad altri paesi in transizione,un più lento processo di stratificazione di classe e di disuguaglianza, però, le zone periferiche già sperimentavano una serie di tendenze estremamente negative, e in una certa misura, c'era anche una inversione della condizione sociale già raggiunta con il socialismo . Tuttavia, la transizione si è verificata nella sua fase accelerata nel 2004, quando l'euforia ha raggiunto la febbre alta e il governo di destra-neoliberale di Janez Janša ha continuato la missione storica di adottare le riforme necessarie. 

La seconda ondata di privatizzazioni è venuta di pari passo con i maggiori tagli al welfare (sanità, delle pensioni e del sistema educativo), e anche una flat tax è stato annunciata. Se i processi di privatizzazione in parte riuscirono, poi soprattutto grazie al movimento sindacale ed agli scioperi generali, le politiche di austerità e le riforme strutturali neo - liberiste sono state temporaneamente ritardate. Subito dopo la leadership slovena ha deciso di entrare nella zona euro e in retrospettiva, si può già confermare che questo fu un errore storico. L'adozione degli “standard” dell’Eurozona  hanno avuto un costo sulle persone che lavorano e con l'acuirsi della crisi del capitalismo queste richieste sono diventate centrali. L’agenda è consistita in una lunga e dettagliata lista delle aziende più redditizie per la privatizzazione ed è stata sigillata in trattative segrete tra il Governo e la Troika, mentre il ricorso al percorso di austerità e la disciplina fiscale è stata sancita dalla santa Troika e le agenzie di rating. Questo telaio ha confermato che la Slovenia si è unita ai Piigs ed agli altri paesi del sud-europa, nella posizione strutturale della periferia, che, nel complesso hanno ricevuto tutti i lati negativi della crisi.

L'elaborazione politica locale era troppo felice di seguire le "direttive" nel baratro ...! Tutto al fine di sostenere l'immagine di un partito degno e responsabile di fronte a partner euro-atlantici e agli investimenti diretti esteri. Così, il viaggio della Slovenia in Europa è pieno di un’ironia storica tragica: i comunisti sloveni lanciarono l'ultimo sogno dell'”Europa ora!” nel contesto di autogestione socialista e la federazione jugoslava, ora dopo 25 anni ci siamo svegliati nel peggior incubo neoliberista, dove i neoliberisti locali seguono la missione della Troika neoliberista di distruggere l'Europa delle persone che sono state divise in piccole comunità di identità concorrenti .

La recente storia della Slovenia ci parla delle proteste di massa dell’inverno 2012 – 2013. Cosa accadde? Quali le rivendicazioni delle proteste?

E 'importante ricordare che la proteste scoppiate nella periferica Slovenia, nella seconda città più grande, Maribor (100 mila persone), dove la transizione del 1990 era solo un altro nome per indicare una catastrofe sociale con masse di disoccupati ed aziende in fallimento. Tuttavia, le proteste nel 2012 sono iniziate a causa di presunti motivi banali. Nell'autunno 2012 il sindaco di Maribor sceriffo -locale Franc Kangler introdusse un partenariato pubblico-privato che prevedeva l’installazione di un sistema di centinaia di radar per misurare i limiti di velocità in città. In poche settimane migliaia di cittadini hanno ricevuto multe, mentre il sindaco che ha affrontato 7 accuse di corruzione l’ha sempre scampata. Il senso di giustizia sociale aggravata e le piccole proteste di fronte all'ufficio del comune sono stati il punto sintomatico, in cui la presunta banalità si trasformò in rivendicazioni politiche e dove sono stati soggettivizzate le condizioni oggettive di povertà. Il grande evento è stato coordinato da cittadini di Maribor attraverso Facebook e il 26 novembre più di 15.000 persone si sono riunite e hanno chiesto le dimissioni sia del sindaco corrotto e la sua municipalità locale. Quello che era iniziato come una scintilla isolata alla fine di novembre 2012 a Maribor  si diffusione nelle altre città e, settimane dopo, culminarono in una "Slovenia in Rivolta" a Lubiana accompagnata da proteste di massa senza precedenti in tutto il paese. A quel tempo, le cose furono fuori controllo, e le rivolte iniziarono a ricevere una forma di forte protesta, un un'irruzione democratica di massa delle frustrazioni e di confronto con il potere esistente. Le rivolte dell’inverno 2012-2013 hanno avuto almeno due caratteristiche principali: in primo luogo, una forte funzione di antipolitica, nel senso che erano dirette contro l'intera élite politica ed economica, e non volevano essere conciliatrici, ma piuttosto puntare alla crisi completa della democrazia e la fine del mito del successo rappresentativo della transizione; in secondo luogo, nel corso e dopo le prime proteste, apparve anche nelle prime riflessioni politiche ne media, ma anche all'interno delle organizzazioni politiche emergenti, la richiesta di rovesciamento del sindaco corrotto e anche del governo di Janša (il suo secondo mandato come Primo Ministro). Nonostante l'affermazione centrale "E 'finita con loro, sono andati", esistevano molto diverse esigenze e opinioni politiche, su come e dove procedere: riforma o rivoluzione? Verso una comunità politica moralmente responsabile? Verso il socialismo? Mentre alcuni gruppi hanno chiesto che i politici corrotti avrebbero dovuto fare posto per le persone moralmente degne che per imporre lo stato di diritto e di condurci in un economia slovena ben gestita, c'erano altri gruppi politici che parlavano sulle ragioni strutturali della crisi capitalista e la necessità di una profonda trasformazione delle relazioni sociali e produttive. Nonostante le differenze politiche manifestatesi, tutti furono d'accordo che la crisi attuale non dovrebbe essere pagato, come avviene ingiustamente, da parte della popolazione generale, mentre gli errori sono stati fatti sia da processo di privatizzazione e di potere in mano ai magnati dell’economia e dell’industria. È interessante notare che, dopo il salvataggio delle banche, il livello di standard sociale è sceso e il tasso di disoccupazione ha raggiunto il 13%, registrato secondo Eurostat, con alcune regioni dove si alza al 20%. Particolarmente allarmante è stato il drastico aumento della disoccupazione giovanile in Europa, passando dal 15% al 23% negli ultimi mesi del 2012. Questi sono stati tutti gli argomenti proposti emersi durante le proteste che insistevano, ed a marzo del 2013 il governo ha dovuto dimettersi. Invece di Janša, il governo più tecnocratico di Alenka Bratušek ha facilitato la retorica sociale darwinista ed ha iniziato a negoziare con alcuni gruppi di protesta, ma in realtà, ha semplicemente continuato esercitando le stesse politiche. Con alcuni importanti rappresentanti della classe politica che erano stati allontanati, le proteste di massa hanno perso il loro slancio ed hanno avuto una (temporanea) scomparsa, che ha anche sottolineato alcuni limiti della stessa protesta.

In Slovenia la Sinistra Unita, una coalizione composta dal partito Iniziativa per un Socialismo Democratico, ha ottenuto un buon risultato alle elezioni nazionali ed europee del 2014. Si tratta del primo partito di sinistra dopo il 1989 nel paese: come è nato? Quali le parole chiavi della campagna elettorale del 2014?

Uno degli effetti delle proteste del 2012-2013 è stato quello di aver svolto un processo politico che radicalizzasse alcuni segmenti e gruppi sociali, e si può anche vedere il punto di incontro di Sinistra Unita come parte dell'atmosfera rivolta e uno dei suoi produttivi effetti collaterali. Ma contrariamente alla polifonica confusione della rivolta, UL ha promosso una chiara alternativa politica con molti punti programmatici, che rendesse chiara e centrale la scelta alternativa di oggi: invece di partecipare ad un percorso graduale, o accelerato rispetto alla barbarie neoliberista, UL promuove socialismo democratico. Come si è detto, questo è il primo partito dichiaratamente socialista e non nostalgico nel contesto post-1989-1991 e post-jugoslava, in tutti i Balcani. Ciò che è importante spiegare prima è che si tratta di una coalizione di diversi partiti socialisti: Iniziativa per il socialismo democratico (IDS), Partito per l'eco-socialismo (TRS) e il Partito Democratico del Lavoro (DSD), tutti con i loro approcci e diversi milleus sociale, in cui lavorano. Durante la campagna elettorale, la coalizione è stata ampliata con un quarto gruppo di partner, che hanno consistito in movimenti sociali ed individui. Questo quarto gruppo idealmente funziona come il legame diretto tra il partito e il livello di base e potenzialmente, uno strumento di controllo contro la burocratizzazione e "parlamentarisation" della coalizione. Nel mese di luglio, quattro mesi dopo la sua fondazione, Sinistra Unita è venuta fuori come la più grande sorpresa delle elezioni nazionali e ha ricevuto il 6% dei voti. Questo significava che UL ha passato sopra la soglia del (4%) e si è anche posizionato al quarto posto con i socialdemocratici. Hai chiesto circa le parole chiave centrali di questa campagna elettorale, direi che in poche occasioni in televisione-media pubblici, UL ha ottenuto di vedersi riconosciuta come coalizione per offrire un diverso programma, alternativo per la risoluzione delle crisi, e le principali parole chiave sono: la lotta contro la privatizzazione e l'austerità, la gestione dei lavoratori, svolta ecologica, la caduta (relativa) del debito, e anche il socialismo democratico. Problema di queste elezioni è che un altro nuovo partito con nuovi volti, Partito di Miro Cerar (SMC) "capitalizzò" ancora di più il vago Vocabolario della rivolta, che esercitò una semplice critica morale della classe dirigente. Dopo pochi mesi dalla presa del potere, la coalizione governata da SMC ha confermato che continuerà tutte le politiche di governo precedenti.  Per rispondere in alcuni dettagli circa l'iniziativa per il socialismo democratico (IDS) posso dire che questo è il più "giovane" e più radicale gruppo della coalizione orientato a sinistra, non solo in termini della sua creazione, IDS è nata nel periodo immediatamente successivo alle rivolte e nel marzo 2014 è diventato ufficialmente un partito, che è, e nella stessa settimana, come si è formata la coalizione di sinistra Unita. Inoltre, IDS non è "giovane" solo per l'età del coordinatore Luka Mesec, ma anche in termini di struttura sociale, che è in gran parte proviene dall’area urbana, istruita, e la maggior parte di tutti i giovani  segmenti della popolazione. E 'anche un partito che ha molto elaborato una piattaforma teorica, con una solida analisi politica ed economica che è spesso pubblicata e discussa sulle conferenze e social media. A questo riguardo, tutte le attività necessarie, dalla formazione di organizzazione del partito locale, l'uso forte dei social media, lo sviluppo di una forte piattaforma teorica, il lavoro con i diversi segmenti sociali per l'egemonia socialista e la responsabilizzazione dei lavoratori, tutte queste attività che sono in corso possono essere viste come una luminosa prospettiva politica di questo partito, ma anche una parte di un progetto accurato e lungo termine. Siamo ben consapevoli che le cose non possono essere cambiate durante la notte, e che molte lotte e le coalizioni di classe stanno solo ora appena iniziando a essere costruite. Abbiamo bisogno di lavorare sui progetti, che trasformano le parole in fatti, altrimenti il problema di appropriazione statalista diventerà la nostra realtà. Questo è il punto cruciale che vuole rispondere a come sostenere le coalizioni di classe ed espandere la lotta, che è anche un test per tutto il partito.

La campagna elettorale del 2014 si è connessa a movement nati dal basso, attivisti locali e comunità . C’è una relazione tra la Sinistra Unita e l’attivismo nato dal basso? Pensi sia un importante legame per il futuro?

In settembre-ottobre, poco dopo metà anno della sua esistenza, Sinistra Unita ha dovuto prepararsi per la sua terza elezione, ora è arrivato il momento per le elezioni locali, che hanno presentato una sfida importante per il partito relativamente sconosciuto sulla scena locale. Le elezioni locali sono specifiche, non solo a causa degli argomenti, ma anche perché la fazione "dpminante” si è già da tempo evoluta in tutta la rete clientelare politica - economica, per cui i decreti comunali e le trattative meno formali incidono immediatamente sulla vita quotidiana e la situazione delle persone. UL stava facendo i suoi primi passi al di fuori dei centri urbani, con molte cose da imparare. In molte aree comuni ancora non abbiamo avuto abbastanza supporto per creare un elenco di candidati, mentre in alcuni centri urbani, ma soprattutto nelle zone costiere, vicino al confine italiano, o nelle comunità minerarie tradizionali del Sud, UL ha ottenuto alcuni buoni risultati o oltre il 10% dei voti. Quello che vedo che sarà decisivo per il nostro lavoro politico in un prossimo futuro potrebbe essere riassunto in tre punti: in primo luogo, la crescita e il rafforzamento delle reti organizzative tra organizzazioni partner, tra base e gruppi di lavoro più continui all'interno di UL. In secondo luogo, abbiamo bisogno di impedire che UL si immergerga nella politica parlamentare ufficiale e di trovare potenti meccanismi tra i gruppi di lavoro e le organizzazione di base. Vorrei sottolineare che il tema principale su cui Sinistra Unita combatte è la costruzione di un fronte anti-privatizzazione. Qui, oltre a UL, i principali sindacati, gruppi radicali di sinistra, gli accademici e gli individui stanno costruendo la piattaforma per la raccolta di firme (eventuale referendum) e il 7 febbraio ci sono state le prime grandi proteste. UL è altrimenti l'unico gruppo parlamentare, che si oppone al processo di privatizzazione, e dopo i sondaggi oltre il 67% delle persone si oppongono a queste politiche che si sono percepite dannose nel (recente) passato. La lotta concreta intorno ad un determinato argomento è più spesso una buona strategia per sviluppare ulteriormente l'organizzazione del partito e costantemente controllare di non essere troppo sistemati con le istituzioni e in discorsi ufficiali. E in terzo luogo, per continuare con la promessa politica e l'organizzazione della sinistra alternativa nei Balcani, e in Europa, quello che è stato immaginato come il fronte periferico (PIGSS) che costruisce l’anti-austerità, ma anche contro le tendenze di estrema destra che sono in alcuni contesti già diventate parte del centro mainstream. Così, se il 2015 è iniziato con una vittoria storica e tanto attesa di Syriza e la formazione di un governo di sinistra, bisogna iniziare a muoversi da una necessaria (ma non sufficiente) critica su qualcosa che è una vera alternativa, qualcosa che possiamo finalmente affermare fuori della Capitalocrazia.

*** Mattia Gallo è un giornalista pubblicista e media attivista. Ha scritto su web journal, fanzine e siti di contro informazione come: Tamtamesegnalidifumo, Ciroma.org, Fatti al Cubo, Esodoweb, Ya Basta!, Dinamo Press, Lefteast. Tra gli animatori del sito Sportallarovescia.it, collabora con Global Project con attenzione alla politica internazionale.

Bookmark and Share