La polizia thailandese ha ottenuto un mandato d'arresto contro l'ex vicepremier Suthep Thaugsuban, che guida la protesta anti-governativa che da ieri occupa alcuni ministeri a Bangkok.

Sommosse e scontri in Thailandia

27 / 11 / 2013

Una complesso braccio di ferro è in atto in Thailandia tra forze politiche di centro destra e centro sinistra, sullo sfondo l'ombra sinistra dei militari che già alcuni anni fa hanno imposto la loro soluzione alle tensioni che erano scoppiate in tutto il paese.

Come sempre in gioco ci sono gli interessi economici delle multinazionali che lì hanno delocalizzato: l'attuale governo ha avviato una politica economica e sociale che prevede il rispetto di minimi contrattuali nei posti di lavoro e l'introduzione di una redistribuzione del reddito a sostegno delle fasce sociali più deboli. L'opposizione, in questo caso, mesta nel torbido per riaffermare i privilegi delle classi più abbienti.

Migliaia di manifestanti anti-governativi thailandesi circondano stamane diversi palazzi del governo a Bangkok, mentre la protesta sembra spargersi anche in alcune province nel Sud. Il leader della protesta, il vicepremier Suthep Thaugsuban, dirige personalmente un gruppo di dimostranti diretto verso un palazzo governativo alla periferia nord della capitale. Con il ministero delle Finanze occupato da lunedì, altri dicasteri - Cultura, Istruzione, Energia - sono al momento assediati.

Fino a ieri era una protesta innocua e confinata nella parte vecchia di Bangkok. Ma oggi, dopo essersi sparpagliati nella capitale, i manifestanti anti-governativi sono passati all'azione occupando due ministeri e un altro dipartimento. Un blitz pacifico che però rappresenta un'escalation nel tentativo di far cadere il governo di Yingluck Shinawatra, col rischio di riportare alla luce tensioni politiche e sociali solo accantonate negli ultimi anni in una Thailandia sempre più spaccata. Guidati dall'ex vicepremier Suthep Thaugsuban, dimessosi da parlamentare per diventare a tutti gli effetti un capopopolo, alcune migliaia di manifestanti hanno fatto prima irruzione nel ministero delle Finanze, occupando l'edificio senza incontrare resistenza; dopo aver preso il controllo anche del dipartimento delle Pubbliche relazioni, in serata la folla ha invaso il complesso del ministero degli Esteri, imbastendo un bivacco all'esterno.

La polizia thailandese ha ottenuto un mandato d'arresto contro l'ex vicepremier Suthep Thaugsuban, che guida la protesta anti-governativa che da ieri occupa alcuni ministeri a Bangkok.

Altre avanguardie di manifestanti hanno circondato altri palazzi del potere e dei media. Un fotoreporter tedesco, che documenta da anni le proteste in Thailandia, è stato malmenato dalla folla. Già ieri il carismatico Suthep, invocando una "grande battaglia di tre giorni", aveva ribadito l'intenzione di paralizzare il governo. Oggi ha minacciato di occupare tutti i ministeri entro domani. L'obiettivo dichiarato è "lo sradicamento del regime Thaksin", in riferimento all'ex premier e fratello di Yingluck, che dall'auto-esilio in sostanza guida il governo sfuggendo a una condanna a due anni per corruzione ricevuta nel 2008. In serata, Yingluck (si pronuncia "iing-lak") ha attivato la "Legge di sicurezza interna", un provvedimento simile allo stato di emergenza. Ma è improbabile che il governo pensi di passare alla forza.

Nel clima politico creato da quasi un mese di proteste, Suthep continua a provocare perché sa che una repressione alimenterebbe ancora di più la rabbia dei suoi fedeli. D'altro canto, l'inazione provocherebbe un'ingovernabilità altrettanto dannosa per Yingluck, che raccoglie i voti della classi medio-basse specie nel popoloso nord-est rurale. Per molti versi sembra una riedizione delle proteste del 2008: allora il movimento extraparlamentare delle "camicie gialle" occupò per mesi la sede del governo e infine per una settimana i due aeroporti della capitale, in protesta contro due governi filo-Thaksin.

I manifestanti di oggi - inizialmente scesi in piazza contro una legge di amnistia politica che avrebbe consentito il ritorno di Thaksin - hanno cambiato etichetta ma rimangono l'espressione dell'elettorato nazionalista e monarchico, formato dalla classe medio-alta di Bangkok e da attivisti del Sud, tradizionale feudo dei Democratici. L'opposizione, che dal 2001 ha subito pesanti sconfitte in tutte le cinque elezioni vinte da Thaksin, sa che un ritorno al voto non sposterebbe gli equilibri. L'intenzione, travestita sotto espressioni come "una democrazia sotto il re", sembra quella di coinvolgere l'influente esercito o l'establishment burocratico nella rimozione di Yingluck.

Cinque anni fa l'impasse si sbloccò con un "colpo di stato giudiziario" e un ribaltone parlamentare orchestrato dalle forze armate. Ciò scatenò la rabbia delle "camicie rosse" filo-Thaksin, le cui proteste furono represse nel 2010 con 90 morti e 2 mila feriti.

Bookmark and Share