Uganda - L'ultimo chiodo nella bara di TotalEnergies

17 / 10 / 2022

Nel maggio 2021, quando l'Agenzia Internazionale per l'Energia affermava che non si sarebbero dovuti avviare nuovi progetti di combustibili fossili, più di 20 banche si rifiutarono di finanziare i progetti di TotalEnergies e nonostante fossero in atto tre azioni legali contro la società, gli azionisti e i dirigenti di TotalEnergies hanno continuato a portare avanti i loro progetti in Uganda. Recentemente, il Parlamento dell'Unione Europea ha denunciato le azioni della multinazionale.

Il 15 settembre, il Parlamento europeo ha votato a maggioranza una risoluzione d'emergenza che denuncia le conseguenze ambientali e umanitarie dei progetti petroliferi in Uganda e Tanzania, in particolare quelli della multinazionale francese TotalEnergies, Tilenga ed Eacop.

Il 4 ottobre, durante una manifestazione nei pressi degli uffici dell'Unione Europea a Kampala, finalizzata alla consegna di una petizione che accusa il governo di confiscare le terre della popolazione, la polizia ugandese ha arrestato nove persone. Patrick Onyango, portavoce della polizia ha dichiarato che sono accusati di incitamento alla violenza. Questa repressione della protesta potrebbe indicare che in Uganda ci saranno altri scombussolamenti sociali con lo sviluppo del progetto.

Il progetto Tilenga di TotalEnergie si svolgerà nel nord dell'Uganda, nel parco nazionale delle Murchison Falls. L'infrastruttura produrrebbe 190.000 barili di benzina che verrebbero poi trasportati attraverso la Tanzania con l'oleodotto lungo 1.445 km costruito da Total, Eacop. Si tratterebbe del più lungo oleodotto riscaldato del mondo ed entrambi i progetti rappresentano un investimento di oltre 10 miliardi di dollari.

Di conseguenza, il Parlamento chiede di fermare le trivellazioni in aree "protette e sensibili" e di bloccare per un anno i lavori dell'Eacop per "studiare la fattibilità di un percorso alternativo" che consentirebbe di "prendere in considerazione altri progetti basati sulle energie rinnovabili". Per quanto riguarda i diritti umani, i deputati chiedono il rispetto dei diritti umani, in particolare il rilascio "immediato" dei manifestanti e dei difensori dei diritti umani arrestati. Ma anche il risarcimento "equo ed efficace" di coloro che sono stati espropriati dai progetti. 

Le principali preoccupazioni sollevate da diverse ONG e dal Parlamento europeo sono di carattere ambientale ed umanitario. In primo luogo, i due progetti produrranno fino a 34 milioni di tonnellate di CO2 all'anno, più di trenta volte le emissioni annuali di Uganda e Tanzania, per 25-30 anni, contribuendo ad aumentare il riscaldamento globale. Inoltre, il progetto Eacop minaccia l'accesso all'acqua e la sicurezza alimentare di oltre quaranta milioni di persone. L'oleodotto dovrebbe inoltre attraversare il Lago Vittoria, uno dei più grandi laghi d'acqua dolce dell'Africa, zona di pesca e fonte di acqua dolce per circa 40 milioni di kenioti, ugandesi e tanzaniani. Se l'oleodotto dovesse fuoriuscire, significherebbe la perdita della biodiversità ma anche una devastazione sociale a livello internazionale. Recentemente, Patrick Pouyanné, amministratore delegato di Total, ha dichiarato che l'azienda "non sta facendo greenwashing". Total sostiene addirittura che alcuni progetti, come Tilanga, avrebbero un "impatto positivo" sulla biodiversità grazie alle operazioni di riforestazione. 

In secondo luogo, il progetto sta già portando all'esproprio di oltre centomila persone, soprattutto piccoli agricoltori, che non hanno potuto coltivare le loro terre per diversi anni e che non hanno ancora ricevuto un equo compenso da TotalEnergies. Secondo le cifre di Friends of the Earth, basate sui dati di TotalEnergies, 84.500 persone sono ancora in attesa di un risarcimento. Un'altra conseguenza per i contadini e le loro famiglie che hanno perso la terra a causa di questi progetti è che i loro figli non possono più andare a scuola perché le famiglie non hanno più il reddito per mandarli a scuola.

In seguito alla dichiarazione del Parlamento europeo, l'Assemblea nazionale ugandese ha rilasciato una dichiarazione che riafferma la sovranità dell'Uganda e condanna l'implicazione del Parlamento europeo nella questione. Thomas Tayebwa, vicepresidente dell'assemblea, ha dichiarato che "la risoluzione si basa sulla disinformazione e sul deliberato travisamento di fatti fondamentali sulla tutela dell'ambiente e dei diritti umani. Rappresenta il massimo livello di neocolonialismo e imperialismo contro la sovranità di Uganda e Tanzania". Il Presidente Yoweri Museveni ha ribadito la sua determinazione a portare a termine il progetto, poiché i proventi del petrolio potrebbero potenzialmente sollevare milioni di persone dalla povertà. Questo se l'Uganda riuscirà a evitare la maledizione delle risorse che colpisce la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo che hanno il petrolio.

TotalEnergies si rifiuta di descrivere i suoi due progetti come bombe climatiche, che sono "un imperativo energetico". Il gruppo petrolifero afferma che "il mondo ha bisogno di petrolio a costi ragionevoli per il momento e per alcuni anni a venire". Inoltre, sostengono che il progetto è "tra i più bassi emettitori di CO2 sul mercato" e che i rischi di inquinamento delle acque da parte di Eacop sarebbero "quasi inesistenti". Al contrario, la risoluzione del Parlamento europeo, che si basa sulle conclusioni di diversi esperti indipendenti, afferma che i progetti rappresentano un pericolo per l'ambiente, in particolare per le risorse idriche con inevitabili "fuoriuscite di petrolio". Le installazioni offshore di Eacop si trovano in "un'area altamente esposta al rischio di tsunami". Tutto ciò rischia di nuocere alla biodiversità della regione e alla popolazione locale. Le tribù indigene come i Barbaig, gli Ndorobo e i Maasi, che vivono nella regione di Albertine, stanno già sentendo l'impatto del progetto, non potendo più pescare come un tempo.

Il 12 ottobre si è tenuta un'udienza presso il tribunale di Parigi nella causa contro TotalEnergies. La multinazionale è accusata di aver mancato al suo dovere di diligenza. Dal 2019, le ONG francesi Friends of the Earth e Survie, insieme a quattro associazioni ugandesi, stanno cercando di attaccare l'azienda in un primo procedimento legale per il mancato rispetto della legge sul dovere di vigilanza delle multinazionali, approvata nel 2017. Nonostante il sostegno di Emmanuel Macron, da maggio TotalEnergies continua ad opporsi a tutti i suoi progetti. Il 25 maggio 2022, più di 250 manifestanti appartenenti ad associazioni ambientaliste hanno impedito alla maggior parte degli azionisti del gruppo di accedere all'assemblea generale del gruppo. 

TotalEnergies potrebbe aver firmato la sua condanna a morte portando avanti il suo progetto in Uganda.

Bookmark and Share